Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Sul caso Fini c’è del marcio in procura?

30 Ottobre 2010

Che la giustizia faccia acqua da tutte le parti lo sanno tutti. Non solo perché i suoi tempi sono biblici, ma anche perché certi suoi magistrati non sono preparati e combinano pasticci. Qualche volta proprio per l’impreparazione giuridica, qualche altra per difetto di deontologia professionale.

Va dato atto ai bravissimi Gian Marco Chiocci e Massimo Malpica di non aver mollato la presa e di voler diradare le ombre, e perché no?, i sospetti che gravano sulle indagini condotte sul caso Montecarlo dalla procura romana.

Che si sia cercato di favorire Fini è stato già dimostrato dalla blindatura fatta intorno alla sua figura di indagato. Se ciò fosse emerso, Fini si sarebbe trovato a mal partito, avendo richiesto e ottenuto le dimissioni del ministro Scajola per un fatto che non ha richiesto nemmeno un’indagine giudiziaria.

Ma ora ci viene rivelato dai due giornalisti che la notizia che i pm romani diramarono (e comunque non smentirono o corressero mai) per farci sapere che sul contratto di affitto di Giancarlo Tulliani le firme del locatore e del locatorio erano diverse, è un clamoroso falso. Agli atti sta scritto il contrario! Ecco che cosa scrivono i due inviati:

“Ecco cosa scrive Pierfilippo Laviani, pm romano titolare del fascicolo d’indagine, nella sua richiesta di archiviazione: «Il contratto di locazione intervenuto tra il locatore Timara ltd, priva dell’indicazione della persona fisica che lo rappresentava, e il locatario Giancarlo Tulliani, nato a Roma il 19 aprile 1977, reca sotto le diciture “locatore” e “locatario” due firme che appaiono identiche, così come quelle apposte sulla clausola integrativa ».
A questo punto il giallo è un altro. Perché la procura, quel 20 settembre, diede alla stampa una notizia falsa?”

Concorderete con me che, ove la notizia fosse vera, non ci sarebbero parole adatte e sufficienti per commentare un fatto gravissimo di questa portata, che non so se abbia precedenti.

Dietro a Fini, come scrivevo tempo fa, ci sono poteri forti e tenebrosi, tali che dovrebbero far riflettere anche coloro che stanno all’opposizione e che mai hanno richiesto (salvo Di Pietro) le dimissioni del presidente della Camera.
Poteri tanto forti da costringere i pm a diffondere notizie false di tale gravità.

Vediamo come si muoverà il Csm. Se tutto è vero, c’è solo un provvedimento da prendere: quello dell’espulsione dalla magistratura. Non basterebbero infatti i soli provvedimenti disciplinari.

Per quanto riguarda Fini, continuiamo ad attendere le sue dimissioni. La casa fu acquistata da suo cognato. Ormai è definitivo. Arciprovato.
E per quanto riguarda il capo dello Stato vogliamo sperare che si svegli dal lungo sonno.

Articoli correlati

“I favori dei pm a Gianfranco, indagato per un giorno solo”. Qui. Da cui estraggo:

“Con la scusa del nuovo partito faccia un beau geste, lasci la poltrona e dica nuovamente a suo cognato di lasciare la casa che fu della contessa e degli iscritti del suo ex partito.”

“Pontone: “Vendere a 300mila? Fu Fini a stabilire quel prezzo”. Qui.

“Il bunga bunga di Fini” di Massimo De Manzoni. Qui.

Il caso Ruby e Montecarlo. Rassegna stampa del 30 ottobre 2010. Qui.


Letto 3211 volte.


1 commento

  1. Commento by andrea — 31 Ottobre 2010 @ 19:49

    é chiaro che i Magistrati romani sono in malafede!!    

    é la prima volta che il segreto istruttorio viene rispettato in modo rigoroso!!   Ma quarda che caso………..La verita’ è che questi 2   sono solo degli esecutori di ordini superiori della serie…Fini va’ salvato ad ogni costo!

    Mi auguro che un giorno non lontano in questo paese gentaglia simile venga giustiziata sul posto!!!

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart