Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Votare non è un reato

18 Giugno 2012

di Alessandro Sallusti
(Dal “Giornale”, 17 giugno 2012)

Congiurati, disfattisti, insomma canaglie. Così ieri Antonio Polito sul Corriere della Sera ha definito chi, nelle file della politica, non considera un tabù l’ipotesi di andare a votare a ottobre. Non solo. I deludenti risultati del governo dei tecnici sarebbero, a suo dire, colpa di un Parlamento infido che ha imbrigliato i professori. Chiudiamolo, allora, questo benedetto Parlamento, e trasferiamo la cabina di comando del Paese nelle redazioni del Corriere e di Repubblica. Che se poi chiudiamo anche i giornali che sostengono l’inverso meglio ancora, così i due fogli- partito recuperano anche qualche copia.

Ai più informati non può sfuggire che questo terrorismo ricattatorio (se cade Monti cade il mondo) arriva non da neutrali osservatori, bensì da signori che oltre a controllare i due maggiori quotidiani italiani hanno anche, e soprattutto, fortiinteressi personali che il governo Monti vada avanti il più a lungo possibile. Parliamo di banchieri e uomini di finanza che hanno i portafogli gonfi di pezzi di carta che potrebbe diventare straccia se la gestione sfuggisse al loro controllo. Molto meglio quindi mettere in ginocchio il Paese reale con le tasse e salvare se stessi tenendo in vita artificialmente l’euro e tutto quel sistema marcio che è l’alta finanza.

La politica avrà tanti difetti, ci saranno qua e là anche ladri, ma ha un pregio: periodicamente si deve sottoporre al giudizio dei cittadini. E questo fa sì che oltre agli affari suoi, almeno ogni tanto, il Parlamento debba pensare anche ai nostri. Sarà anche poco, ma meglio del niente che auspica il Corriere , secondo il quale è inutile andare a votare perché nel casino attuale non si capisce chi potrebbe vincere eventuali elezioni. Scusate, ma farlo decidere agli elettori è forse chiedere troppo? Pensa che ridere per i proprietari dei due quotidiani se dovesse vincere Grillo. Non parliamo poi di come Napolitano e la Merkel potrebbero prendere un ritorno al comando del partito di Berlusconi. Meglio evitare rischi, a costo di sostenere che andare a votare è un complotto, cosa da disfattisti. Bene, ammettiamo di essere disfattisti: o i conti tornano, da subito e anche per noi, oppure si voti e vedrete che al massimo sarà la fine del loro mondo, non del nostro.


Letto 926 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart