Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Donna Assunta Almirante e gli sproloqui di Bocchino

12 Agosto 2010

Non conoscevo questa donna, se non di nome, la immaginavo diversa da come mi √® apparsa in questi giorni in cui √® scoppiato lo scandalo di Montecarlo. √ą una donna dal carattere forte e battagliero. Mi fa pensare a Francesco Cossiga, al quale vanno i miei auguri e il mio riverente pensiero. Quando c’√® da difendere l’onorabilit√† del vecchio Msi, non si tira indietro e sbaraglia il campo. Non ho mai avuto in simpatia il Msi. Mio padre, vecchio monarchico, quando il partito si sciolse o mut√≤ forma (non ricordo bene) scelse il Msi di Almirante. Tra noi si accesero forti discussioni, ma mio padre fu fedele al Msi fino alla morte.

Donna Assunta me lo ha riportato alla memoria. Oggi, con poche parole, √® diventata subito una protagonista della vicenda monegasca. Conosce bene l’impresario Luciano Garzelli che ha effettuato i lavori di ristrutturazione e conosce bene Francesco Pontone, il tesoriere di An. Nel mentre dichiara queste cose, afferma con orgoglio che i vecchi militanti del Msi ancora la ricordano e ricorrono a lei per lumi e consigli.

Ebbene, questa donna può fare molto per aiutare a conoscere la verità.
Come? Persuadendo tanto l’impresario che ha effettuato la ristrutturazione quanto Francesco Pontone a dire tutto ci√≤ che sanno. E devono sapere molto.

L’impresario, ad esempio (che oggi nega di aver effettuato i lavori), pu√≤ dirci chi gli ha ordinato i lavori e chi lo pagava. Francesco Pontone (che ha lasciato intendere che ha eseguito solo un ordine di Fini) potrebbe raccontarci come sono andate concretamente le cose. Ad esempio: ha espresso a Fini le sue perplessit√†? Ha fatto presente che il valore della vendita era ridicolo? Ha fatto qualche rimostranza sul fatto che gli acquirenti erano societ√† off-shore? Sapeva che erano state costituite qualche settimana prima? Sapeva che l’appartamento sarebbe finito nella disponibilit√† del cognato di Fini? Pu√≤ Fini, dopo averlo ascoltato, avergli ordinato l’operazione, magari intimandogli di eseguirla senza fare troppe domande?

Pontone √® un uomo chiave, poich√©, sebbene rimandi i chiarimenti a Fini, egli non pu√≤ non aver parlato con Fini dell’operazione e dei suoi dubbi risvolti. Potrebbe darsi pure che Pontone conosca il vero acquirente dell’immobile, l’acquirente che ancora oggi vuole restare anonimo.

Mettendo insieme le rivelazioni dell’impresario Garzelli e quelle di Pontone, potremmo ricavarne degli indizi interessanti, utili a scoprire la verit√†.
Difficile immaginare che tanto Guazzelli quanto Pontone possano chiudersi in un assoluto silenzio. Potrebbero essere accusati di intralciare le indagini.
Un intervento persuasivo di Donna Assunta potrebbe sbloccare la situazione.

Bella diferenza tra la lucidit√† di Donna Assunta e quella di Bocchino! Su Bocchino ha detto bene Bondi: √® in uno stato confusionale. √ą pi√Ļ un bambino capriccioso, che un uomo politico. Ne ha dette tante di corbellerie che almeno la consorte dovrebbe consigliargli di chiudere la sua boccaccia.

Paragonare la vicenda di Arcore a quella di Fini dimostra quanto stordito sia il suo cervello. Qualunque cosa abbia fatto Berlusconi, ma anche qualsiasi altro parlamentare, nessuno si √® eretto a fustigatore dei costumi e della legalit√† come Fini. √ą la sua ipocrisia che viene punita e non pu√≤ essere tollerata. Predica bene e razzola male. Non c’√® specie peggiore. Ecco perch√© non pu√≤ mantenere l’incarico di presidente della Camera. Ha voluto scagliare la prima pietra, senza esserne degno, e ha voluto utilizzare la sua ipocrisia come arma politica. Ora quest’arma politica gli viene rivoltata contro. Ma spiegarlo a Bocchino √® vana impresa. Del resto, in questa sua dichiarazione √® palese che non sa quel che dice:

“La differenza tra noi e Bondi”, continua Bocchino, “√® anche nella lealt√† perch√© noi abbiamo sempre difeso Berlusconi dalle aggressioni esterne mentre loro si sono fatti promotori di un’aggressione contro Fini soltanto perch√©”, e uso parole di Feltri, “non si √® voluto ‘mettere a cuccia’ nel ‘ partito contorno ‘ “.

Infatti, o ha difeso Berlusconi dalle aggressioni perch√© convinto della sua innocenza, cos√¨ come appare convinto della innocenza di Fini, oppure, come Fini, si √® servito e si serve dell’ipocrisia. Il parallelo tra le due situazioni lo ha voluto fare lui. E nel caso di Berlusconi, dalle accuse che poi fa seguire, insieme con gli altri due moschettieri, Granata e Briguglio, √® evidente che egli lo ha difeso dalle aggressioni pur non essendo convinto della sua innocenza. Ergo: per il parallelo che ha voluto instaurare, sta facendo la stessa cosa per Fini: lo difende dalle aggressioni pur non essendo convinto della sua innocenza. Ossia: Bocchino, senza rendersene conto, nello stato confusionale in cui lo ha trovato Bondi, sta convalidando le accuse che sono mosse al suo capo. Bel capolavoro!

Articoli correlati

“E il falco Ghedini va dai nemici. “Stop all’escalation e trattiamo” di Carmelo Lopapa. Qui.

“Bocchino si smaschera e indica l’obbiettivo: le dimissioni di Silvio”. Qui.

“Mariani: “Perch√© dissi no al bilancio di An” di fabio Martini. Qui.

“Il dossier Tulliani” di Fabrizio d’Esposito. Qui.

Casa di Montecarlo. Rassegna stampa del 12 agosto 2010. Qui.


Letto 2094 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart