Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Gli auguri della rivista con una poesia di Gian Gabriele Benedetti

25 Dicembre 2009

RITROVEREMO IPOTESI DI CIELO?

E fu come giorno
alla Capanna,
quando lo Spirito si incarnò
e l’Assoluto
divenne uomo,
si fece Figlio del mondo
per noi.
Ma quella luce di verità
non accolse il mondo.

Ancora è buio sulla Terra
e straniere si fanno
la salvezza e la pace
che colmarono la Mangiatoia.
Infelice landa ci si apre dinanzi,
senza avanzi di chiarità,
che non sfiora carezze millenarie
del grande annuncio
d’Angeli in volo
e coltiva solo
freddezza, silenzio e pianto.
Aride le nostre mani
s’avviliscono in gesti
insulsi e d’abbandono.
Così noi,
stanco gregge disperso,
non più capaci di tracciare
la linea del cuore
e ritrovare il lume
della Notte Santa.

Si ridesteranno mai
ipotesi di Cielo?


Letto 2092 volte.


6 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 25 Dicembre 2009 @ 11:34

    Auguri a tutti.   Io spero in quelle ipotesi, Gian Gabriele. Bravo!

    Carlo

  2. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 25 Dicembre 2009 @ 23:05

    Anch’io, Carlo!

    Un grazie ed un augurio affettuoso a te. Augurio che estendo anche a tutti quanti che ci ritroviamo in questa rivista.

    Quella luce che illuminò la Notte Santa sia lanterna viva sul tratto dei giorni e certezza per ogni speranza.

    Gian Gabriele

  3. Commento by daniela toschi — 25 Dicembre 2009 @ 23:30

    Grazie Gian Gabriele della bella poesia, sei una di quelle persone che rendono significativo il Natale. E poi …   e ridestiamole queste ipotesi di Cielo! Sarebbe l’ora!

  4. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 25 Dicembre 2009 @ 23:52

    Grazie di cuore anche a te, Daniela!

    E’ vero dobbiamo far di tutto per ridestare queste ipotesi di Cielo. Tocca proprio agli uomini di buona volontà portare alla luce il bene, che, purtroppo, rimane nascosto o sotterrato o soffocato. Il bene c’è di sicuro sulla Terra, ma non fa notizia, invece il male sì. Allora pare prevalere. Speriamo che anche questo Natale non passi invano sul cuore delle persone e venga accolto quel messaggio che, oltre duemila anni fa, cambiò (e dovrebbe cambiare ancora!) il mondo

    Gian Gabriele

  5. Commento by claudio grosset — 26 Dicembre 2009 @ 19:53

    Una poesia augurio fuori dal coro dello spirito natalizio colmo di buone intenzioni.  Intenzioni… millenarie, impegni e promesse svanite di mente dopo qualche momento di preghiera, meditazione e… che si ripeteranno immancabili alla prossima ricorrenza! La speranza pare cedere il posto al dubbio “si ridesteranno mai…?”. Le luci ‘artificiali’ che si accendono intorno ci annebbiano la mente, ii progresso avanza e l’ “umanità” resta ancora al palo delle sue buone intenzioni, da secoli, da millenni. E’ bene, per l’Uomo, avere un quesito da risolvere,  “…ipotesi di cielo”, per guardare e andare avanti.

     

  6. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 27 Dicembre 2009 @ 00:05

    Come al solito, il commento di Claudio è sempre attento, dettagliato e ricco di implicazioni e considerazioni dall’alto spessore riflessivo. Non posso che esserne felice ed onorato, anche perché proviene da una sensibilità e da una capacità non comuni.

    Un grazie sincero e sentito, unito ad un augurio di ogni più auspicato bene

    Gian Gabriele

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart