Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

La strategia di Fini

26 Aprile 2010

Con l’intervista di ieri sera dall’Annunziata è cominciata la strategia soft di Gianfranco Fini.
Il lupo si veste da agnello. Le   unghie che aveva tirato fuori in occasione della direzione del Pdl, le ha retratte. Ora con quelle cerca di fare carezze.

Ma l’uomo si è rivelato, ormai. Non ci si deve fidare. Italo Bocchino ha presentato le dimissioni da vice capogruppo alla Camera, ma con toni da uomo ferito che cerca una rivincita il prima possibile. Non è abile come Fini. Non sa mascherare. Da tempo è la voce di Fini e ciò che dichiara non è farina del suo sacco. Grazie a lui, alle sue ingenuità, noi conosciamo le intenzioni di Fini.

La corte dell’opposizione subito manifestatasi in favore di Fini, la dice lunga sul disegno cullato dagli antiberlusconiani. Arriverebbero a mettere insieme un coacervo di sbandati e confusi pur di tentare un arrembaggio. Bersani gli ha pure dato un nome, che, permettetemi, fa ridere: partito o movimento o patto repubblicano. Che significa?

In Italia il Partito Repubblicano è esistito ed ancora esiste. A quel tempo figura eminente era Ugo La Malfa, oggi è il figlio Giorgio, che ne occupa la carica di presidente.

Mica Bersani vuol rubargli il nome? Mica vuol fare la politica di Ugo La Malfa?
Sembra che Bersani brancoli nel buio e parli a vanvera. Siamo all’armata brancaleone.

Fini ha respinto sdegnosamente la corte dell’opposizione. Vi è stato costretto dallo smacco subito nella direzione Pdl. Non poteva fare altrimenti. Probabilmente lo avrebbero lasciato molti degli undici che gli sono stati vicini giovedì scorso. Troppo per loro il tradimento. Forse solo Urso e Bocchino lo avrebbero seguito, co-ispiratori del piano di destabilizzazione.

Allora meglio fare marcia indietro e apparire più malleabile. Niente dito puntato contro Berlusconi, ma un aperto sorriso.

Staremo a vedere. Senza però abbassare la guardia.
Basterà procedere subito con le riforme e avremo la prova provata.

Articoli correlati
“Fini riunisce i fedelissimi. «Saremo leali col governo »”. Qui.

“Fini: «Non faccio un nuovo partito ». Bersani: «Riforme impossibili con il Pdl »”. Qui.

“Il Pdl all’attacco di Bersani. “Sbagliato il suo no alle riforme”‘. Qui.

“La destra «moderna » di Fini in fuga per paura del voto” di Giancarlo Perna. Qui.

Intervista a Luciano Violante: “Violante: “Oggi il clima è diverso”‘. Qui.

“L’unità? Bisogna ricucire le “quattro Italie” divise” di Marcello Veneziani. Qui.

“Pdl-Fini: è guerra fredda” di Albina Perri. Qui.

“L’Annunziatone” di Mario Sechi. Qui.


Letto 2079 volte.


3 Comments

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco » La strategia di Fini — 26 Aprile 2010 @ 07:31

    […] Vai a vedere articolo: Bartolomeo Di Monaco » La strategia di Fini […]

  2. Commento by Ambra Biagioni — 26 Aprile 2010 @ 10:12

    Dal Legno :

    Commenti

    Tread correlato

    Come un ex AN dimostra di essere un vero piellino.

  3. Commento by Ambra Biagioni — 26 Aprile 2010 @ 18:29

    Errara Corrige-   pidiellino (Pdl) e non piellino come   appare nel commento sopra. :oops:

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart