Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Conflitto di voci: African Camelot

16 Marzo 2010

di Daniela Toschi

Il titolo Eterna Camelot, che scelsi per la mia prima ed unica raccolta di poesie ¬†pubblicata nel 2005, fu certamente ispirato dal tema della sopravvivenza e della trasmissione di quelle culture che ciclicamente la storia travolge e rischia di cancellare: vi compaiono aperti riferimenti agli indiani d’America, ai Messeni, alle civilt√† europee precristiane. Ma ci sono anche altri riferimenti, meno aperti, quasi ‚Äúcriptati‚ÄĚ: ¬†uno di questi ¬† √® l’incontro/scontro tra la civilt√† africana e quella occidentale. ¬†Da alcuni anni avevo iniziato a viaggiare in Africa con mio marito, e la predilezione per il Sudafrica e il Botswana non era dovuta soltanto alla bellezza e alla variet√† del patrimonio naturalistico che questi paesi offrono, ma anche al fatto che in essi stava nascendo il movimento del Rinascimento Africano, con la sua riscoperta dei valori etici ed estetici tradizionali. Prima fra tutti, ed estremamente preziosa per noi se volessimo accoglierla, quella particolare ‚Äúetica della convivenza‚ÄĚ che timidamente ma con tenacia ha resistito alle successive ondate di colonizzazione militare, politica e culturale.

Durante questi viaggi trovai casualmente due libri che per me sarebbero diventati importanti e, chissà, forse anche fonte di ispirazione: di fatto fino a quel momento non avevo mai amato molto leggere poesie, né tanto meno scriverne.

Il primo di questi libri fu Praise-poems of Tswana Chiefs, dell’antropologo sudafricano Isaac ¬†Shapera. Grazie ad esso sent√¨ parlare per la prima volta dei mab√≠¬īk√≠¬ī (sing. ¬† leb√≠¬īk√≠¬ī), poemi celebrativi trasmessi ¬† per via orale da una generazione all’altra e solo di recente trascritti.

Il secondo fu Windsongs of the Kgalakgadi ¬†di Barolong Seboni. Orgoglioso mokwena – ovvero appartenente alla trib√Ļ che ha per totem il coccodrillo- per quanto educato in Inghilterra e cittadino di quella metropoli in costante espansione che √® Gaborone, Seboni concilia nei suoi versi la carnalit√† e la potenza espressiva dei mab√≠¬īk√≠¬ī con la limpidezza di Shakespeare e Browning, autori che egli insegna al Dipartimento di Letteratura Inglese della Gaborone University.

Nel 2007 incontrai ¬†Barolong Seboni per la prima volta; nell’intensa conversazione che ci scambiammo, al Savuti Restaurant del Gaborone Sun Hotel, mi parl√≤ della sua trib√Ļ, del suo totem, del suo re e dei suoi antenati. ¬†Suo zio, M.O.M. Seboni, uno dei primi letterati del Botswana, aveva per primo trascritto in lingua setswana i mab√≠¬īk√≠¬ī relativi ai re della sua trib√Ļ, tracciando le basi per sottrarli all’oblio e consegnandoli ¬†al lavoro di traduzione e di ricerca di Isaac Shapera. Straordinario il leb√≠¬īk√≠¬ī ¬† su Sechele I, di cui viene celebrata la valorosa resistenza ¬† nella battaglia di Dimawe: attaccato per aver accolto Mosielele, capo dei Mmanaana-Kgala, che gli aveva chiesto protezione, ¬† Sechele replic√≤ al comandante dei Boeri che gli chiedeva di consegnare il suo ospite: He is in my stomach, and if you want him come and cut him out (‚ÄúE’ nel mio stomaco, e se lo vuoi vieni, aprimi lo stomaco e prenditelo‚ÄĚ). Risposta degna di Leonida alle Termopili, sennonch√© Sechele sopravvisse a lungo a questo evento, che ebbe luogo nel 1852: mentre il nostro mondo iniziava a sviluppare le tecnologie e le filosofie che piantarono i semi delle illusioni e degli olocausti del ‚Äė900, in un altro angolo della terra gli avvenimenti avevano ancora le tinte epiche e la magia dell’et√† del bronzo e del ciclo arturiano.

Di Sechele I avevo letto qualcosa in Missionary travels di G. Livingstone. Non si possono dimenticare le pagine in cui il missionario scozzese descrive quel capotrib√Ļ di vivace intelligenza e dall’aspetto forte e avvenente, che impar√≤ in un tempo sorprendentemente breve a leggere e scrivere appassionandosi alla Bibbia, tanto da riuscire a convertire ben presto la sua trib√Ļ al cristianesimo.

Ma Barolong mi raccont√≤ la storia di Sechele da un altro punto di vista. ¬† Non pi√Ļ un uomo sedotto dalla superiorit√† religiosa e intellettuale dello ‚Äėstregone bianco’, bens√¨ un diplomatico lungimirante che sacrific√≤ dolorosamente la sua cultura allo scopo di stringere alleanza, proprio tramite Livingstone, con gli Inglesi: ¬†unico modo per sfuggire all’avanzata dei Boeri. Per far questo rinunci√≤ a tre delle sue quattro mogli (e occorre ricordare che la poligamia era indispensabile per cementare il tessuto sociale e le alleanze interne) e rischi√≤ di essere desautorato dalla trib√Ļ: Kgosi ke Kgosi ka batho, si dice in Botswana : ‚Äúun capo √® un capo ¬† grazie all’insieme della gente‚ÄĚ, ovvero solo se costantemente legittimato da tutti i membri della trib√Ļ. E se ci√≤ non avviene il capo pu√≤ essere mandato in esilio o addirittura assassinato, come peraltro era gi√† accaduto al suo stesso padre. Ma i bakwena ¬† confermarono ¬†la capacit√† di leadership di Sechele anche in quei difficili frangenti, seguendolo nell’abbracciare la religione e le abitudini dell’uomo bianco. Avevano compreso che questo era ¬†l’unico modo di mantenere qualcosa della loro cultura: farla transitare attraverso un’altra cultura, pi√Ļ adatta al drammatico mutamento delle circostanze.

Alla luce delle osservazioni che Barolong mi aveva offerto, anche le pagine di Livingstone sembravano rivelare tra le righe una storia parallela, non detta ma accennata, in cui il ‚Äúseduttore‚ÄĚ pare quasi diventare il ‚Äúsedotto‚ÄĚ, ‚Äúcolui che converte‚ÄĚ pare sul punto di essere ‚Äúconvertito‚ÄĚ: per esempio le pagine in cui il missionario annota ¬†che alla conversione di Sechele (che era soprannominato Rrama√Ö¬°am√≠¬™tse, colui che d√† la pioggia) seguirono anni di tremenda siccit√†; o il passo in cui descrive le lacrime con cui i sudditi di Sechele accolsero il battesimo del loro re; quando, infine si sofferma nella descrizione del coccodrillo trovato morto e incrostato di fango nel letto asciutto del fiume Kolobeng: che fosse turbato, Livingstone, dall’aver provocato la morte dell’animale totem?

L’inevitabile ma doloroso contatto tra le due culture sopravvive ancora oggi, pur in quella nazione, il Botswana, che ha sulla bandiera strisce bianche e nere (su campo azzurro) ad indicare la pacifica convivenza del mondo occidentale e di quello africano. Si manifesta nel mantenimento della House of Chiefs (una sorta di Camera dei Lords, composta dai capi tribali) previsto dalla pur modernissima Costituzione del Botswana. E si manifesta nel bilinguismo della popolazione: setswana ¬† e inglese, la lingua madre e la lingua dei colonizzatori. Ma da questo ‚Äúconflitto di voci‚ÄĚ ¬†non nasce necessariamente incomprensione, rivalsa, mortificazione. La lingua dei colonizzatori pu√≤ essere a sua volta colonizzata, come ci dimostra Barolong nelle sue poesie: anzich√© modificare, sulla base della lingua imposta, il proprio modo di pensare e di essere, si pu√≤ forzare quella lingua, arricchirla di nuove evocazioni, trasformarla nel suo senso introducendovi lo spirito della cultura ‚Äúapparentemente‚ÄĚ sottomessa.

L’anno successivo tornai in Botswana con la traduzione in inglese di Eterna Camelot, per la quale scelsi il titolo African Camelot. Clash of voices; e quella traduzione non a caso avevo deciso di affidarla ad una traduttrice bilingue, inglese e celtica: Rhiannon Lewis, una gallese che vive a Lucca. ¬†Il mio desiderio era che nella versione inglese comparisse l’incontro/scontro tra due civilt√†, la colonizzatrice e la colonizzata. E’ come se il bilinguismo restituisse alla parola quella connotazione magica che nella lingua canonica si usura e sbiadisce. Con una spiegazione figurativa potrei dire che se l’inglese (come lingua e come cultura) viene raffigurato da un quadrato inscritto in un cerchio (che sta a rappresentare la lingua e la cultura soppiantate, ‚Äúprimitive‚ÄĚ), il cerchio tuttavia √® in grado di accogliere il quadrato e ne forza i lati, sottoponendoli ad una tensione costante. Ci√≤ che ne deriva √® qualcosa di molto vivo, dinamico. La traduzione di Rhiannon piacque molto a Barolong Seboni, cos√¨ come il titolo che avevo scelto per la versione inglese. In fondo, comment√≤, la storia del Botswana √® simile a quella di Camelot, e Sechele I fu una specie di re Art√Ļ. Non ne dubitavo affatto. Fu cos√¨ che una copia di African Camelot si trova oggi al Kgosi Sechele I Museum, a Molepolole, la capitale dei bakwena. Dimenticavo: avevo affidato quell’edizione alla Stamperia Benedetti di Pescia: una stamperia antica, le cui origini risalgono al Rinascimento Italiano. Mi sembrava un bel dono per quello che √® considerato tra i massimi poeti del Rinascimento Africano.

African Camelot √Ę‚ā¨‚Äú Clash of voices. Leggereleggere Editore, Milano, 2010 (www.leggereleggere.it)


Letto 2965 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Marisa Cecchetti — 16 Marzo 2010 @ 14:52

    E’ ¬†un bel pezzo, Daniela sa esprimere il suo profondo legame con la cultura africana, che lei ha rinforzato con i viaggi di anno in anno, ma che ha arricchito con la curiosit√† personale e la ¬† ricerca continua. Ma questo legame qui assume una valenza pi√Ļ ampia, in questa forma di incontro, confronto e fusione di culture.

  2. Commento by daniela toschi — 16 Marzo 2010 @ 20:49

    Ringraziandolo vivamente,  inserisco le note che Gian Gabriele Benedetti mi scrisse tempo fa sulla versione italiana (ricordo che quello edito da LeggereLeggere  è un ebook, in inglese con testo italiano a fronte):

    ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Brevi note sulla raccolta di poesie ‚ÄúEterna Camelot‚ÄĚ di Daniela Toschi

    Scrivere poesia √® gi√† di per s√© compiere un viaggio. Un viaggio nel mondo, un viaggio nel tempo, un viaggio nell’umanit√† ed anche e soprattutto un viaggio dentro noi stessi. E Daniela Toschi segue tutti questi intensi itinerari attraverso una ricognizione emotiva, generosa e attenta, spingendo la sua indagine ‚Äúoltre‚ÄĚ. Oltre anche la poesia, in profondit√†, ed in cerca di spazi illuminanti e di un amore quasi insaziabile. Cos√¨ la poesia diviene canto esistenziale e ricerca di valori, rivelandosi non solo mondo personale, ma anche mondo dell’uomo. Ne nascono simboli densi di significato, segni iperscrutati, trasognanti utopie, miti cercati e rivisitati in una sottile carica evocativa e di limpida tensione. E la meditazione si fa saggezza sul sentiero dell’animo, che si snoda puro e incantato, ma deciso, nella sua visione e nella sua introspezione progettuale, pur tra le ombre di un vero che ci pone di fronte ad un difficile approdo alla chiarit√†. Quindi il vissuto si fa forza antica e nuova per un respiro di pi√Ļ umana convivenza e diviene coraggio e sostanza, mai scaduti, per un palpito d’essenza. Ed il destino dell’uomo, che pare talvolta avvolgersi nelle pieghe di un certo determinismo, trova il sano riscatto nella natura, nella riscoperta del mito, in una visione che, a tratti, pare panteistica ed anche (intesa nella migliore concezione espressa nei secoli XVI-XVII) teosofica ed infine e soprattutto nel valore della persona, nella fede, nella voce del Cielo, per offrirci almeno l’illusione (e non solo) di un risveglio privilegiato della coscienza. Di questa luce si vive ancora. Luce che si vorrebbe risplendesse sempre ad ogni ritorno dal viaggio dell’anima.
    L’intonazione classico-moderna del verso si fonde e ben si coniuga con la sostanza e la problematicit√† dei contenuti e ci offre una suggestiva carica vitale per una poesia dell’essere.
                                                                Gian Gabriele Benedetti

     

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart