Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Conan Doyle e “Le avventure di Gerard”

2 Giugno 2015

di Arturo Lanocita
[dal “Corriere della Sera”, giovedì 14 maggio 1970]

Tutto speroni e baffi, Etienne Gerard, guascone co ­lonnello degli ussari a ventotto anni e a trentuno co ­mandante di brigata; una carriera al rullo dei tamburi   napoleonici, nel primo ven ­tennio dell’Ottocento. Quando Arthur Conan Doyle, in se ­dici racconti lunghi, narrò le millanterie di Gerard, gli die ­de, di suo, il nome e l’intrec ­cio delle storie, ma il model ­lo del personaggio era già stato confezionato dalla na ­tura, un tipo che si chiama ­va colonnello Marbot, servì Bonaparte e lasciò un libro di memorie che specchiava la sua indole. Da quelle me ­morie Conan Doyle trasse la creta per abbozzare il suo guascone; il Gérard inventa ­to fu, come il Marbot auten ­tico, il ritratto della spocchia a cavallo.

Una nuova edizione italia ­na dei sedici racconti (Le av ­venture di Gérard, Rizzoli, pp. 389, L. 2800) e l’appari ­zione imminente di un film che, in qualche modo, vi si è ispirato, interpreti l’ingle ­se Peter McEnery e la no ­stra Claudia Cardinale, fan ­no attuale questa napoleoneria scritta ottant’anni fa, o poco meno, da Conan Doyle. E se si dice Conan Doyle è Conan Doyle che s’intende, quello che divenne famoso fa ­cendo divenire famoso Sherlock Holmes.

A questo signore, alto un metro e novantacinque (se c’è chi applica il sistema de ­cimale alla letteratura), e per ­ciò detto il gigante buono, che fu medico ma ebbe in antipatia la medicina e tra ­sudò sciovinismo inglese seb ­bene fosse di famiglia irlan ­dese, doveva capitare di in ­ciampare in quest’altra con ­traddizione, di aver successo sperando fortemente di non averne. Desiderava di essere avvolto nei suffumigi della gloria solo per via dei suoi romanzi storici, alla Walter Scott, e perciò s’era nutrito di Macaulay; o dei suoi sag ­gi ispirati all’origine delle origini, la preistoria popolata di dinosauri, e qualcuno ri ­corda, se non il suo libro Mondo perduto, almeno il film che ne fu tratto. Dei rac ­conti polizieschi, invece, si vergognava; ma qualcosa di poliziesco c’era, e come, an ­che nelle avventure napoleo ­niche dello spaccone Gérard, insidiato a ogni passo da emissari nemici camuffati da ciò che non erano: frati, as ­salitori di diligenze, inecce ­pibili vecchie zitelle, bettolieri, tutto per nascondere ciò che invece erano, soldati irti di pistole e di pugnali.

Se Conan Doyle odiava Sherlock Holmes, giacché lo odiava, sebbene gli avesse da ­to ricchezza e reputazione, era perché l’indagatore dal berretto a scacchi e dal man ­tello con la pellegrina gli fal ­ciava tutta l’erba disponibile nel prato della sua popolari ­tà postuma, mentre egli ave ­va puntato sui romanzi sto ­rici. Si sentiva come un musicista che componga sinfo ­nie, e le sventoli come la per ­sonale bandiera, e sia applau ­dito per le sue canzonette.

Arbitrarie ma non sgrade ­voli, chi ha mai detto sgra ­devoli, le sue ricostruzioni del ­l’epopea napoleonica, sia pu ­re deformate dall’intenzione di satira affettuosa, come in Gérard, presa in giro della vanagloria soldatesca, ricalca ­rono infiniti modelli, il Mar ­bot a parte. Chi muova dal Miles gloriosus plautino e, passando per il Don Chisciot ­te e i moschettieri dumasiani, non abbia voglia di fer ­marsi alle stazioni seconda ­rie, s’è già incontrato con i massimi archètipi degli smar ­giassi, e un’idea del colon ­nello Gérard se l’è fatta. E non si stupirà apprendendo che fu lui, il guascone sim ­patico, a dare una mano a Napoleone per fargli vincere le battaglie e lui a salvare la vita dell’imperatore, a Wa ­terloo, obbligando, fra l’altro, prussiani e inglesi a consta ­tare che, se l’imperatore tre ­mava di paura, un certo suo ufficiale degli ussari, invece, eccolo lì, a menar fendenti con la sciabola, sino all’ulti ­mo, e la gloria seduta sullo stesso suo cavallo, in arcio ­ne dietro di lui.

E tuttavia, se Conan Doyle non avesse scritto di Sher ­lock Holmes non sapremmo che fu autore dei bozzetti na ­poleonici, garbati ma provin ­cialotti, tartarinate senza la spuma di Daudet; forse sa ­rebbero stati stampati, ma di sicuro non ristampati, ad uso dei posteri. Al poliziesco lo scrittore fu indotto, pare, dal ­la lettura del Lecoq di Gaboriau e più ancora dei rac ­conti di Poe; ma il modello vivo di Sherlock lo incontrò nella città della sua giovinez ­za, Edimburgo. Era un poli ­ziotto allampanato, facile al ­l’ironia, che indagava, sem ­pre olimpico, con metodo in ­duttivo; si chiamava Joe Bell. Questo Joe Bell, più gli scrit ­ti di Lombroso e di Bertillon, padri della criminologia scien ­tifica, contribuirono a produr ­re un tipo detto prima Sherrinford e poi Sherlock Hol ­mes, il più famoso personag ­gio della letteratura inglese.

Il fango, la cenere, la pol ­vere, le impronte, le macchie, le briciole, studiati con il cri ­stallo curvo della lente d’in ­grandimento, dovevano fare del glaciale indagatore una specie di precursore del com ­puter che, ricevuti i dati del problema, emette la soluzio ­ne. Computer con fiore al ­l’occhiello; quell’attributo che era poi un giudizio falsomodesto di merito, ripetuto da Holmes a ogni sbrogliamento di matassa, per sbalordire l’amico Watson: « Elementa ­re ». Elementare e convincen ­te; dal primo poliziesco, « Stu ­dio in rosso », sino agli ulti ­mi della serie famosa, Hol ­mes non solo cercò di far luce, ma anche di non lasciare zone d’ombra. (Pensare a cer ­ti « gialli » d’oggi, con infiniti perché rimasti appesi all’un ­cino, dopo la conclusione). La soluzione Holmes era l’unica possibile; non si trattava di racconti aperti, a mantice, di quelli che tollerano ogni tipo d’epilogo.

Conan Doyle non barava con il lettore; prima che un poliziotto, il suo era un gen ­tiluomo inglese; era lui stes ­so, Conan Doyle. Non distri ­buiva carte segnate; forniva i dati esatti, da cui scaturi ­vano certe mosse, e non cer ­te altre. Con la calma nazio ­nale, denominata flemma, fa ­ceva venir fuori dal guscio il colpevole, che sin dal prin ­cipio era il commesso del no ­taio e non poteva passar la mano ad un altro lungo la strada; ma bisognava saper frugare nella polvere, per ri ­conoscerlo. Quando il gioco entusiasmò i lettori Conan Doyle, spaventato, vide com ­promesso l’esito dei predilet ­ti romanzi storici; ebbe pau ­ra d’esser preso per ciò che non si sentiva, un autore di romanzi polizieschi, e, pur di liberarsene, uccise Sherlock Holmes, facendolo precipita ­re in una cascata svizzera. Per quella morte, molti, a Londra, misero una fascia di lutto al cappello, e guaì a Co ­nan Doyle, se non si fosse convinto, un po’ con le sup ­pliche un po’ con le minacce un po’ con le sterline, a resu ­scitare il morto.

Forse, se non per i roman ­zi storici, avrebbe preferito esser ricordato come pionie ­re degli sci in Svizzera e del ­l’automobile in Gran Breta ­gna; o perché al biliardo fa ­ceva una carambola a tre sponde; tutto, meno Holmes. Eppure, in Baker Street, a Londra, c’è ancora un museo che raccoglie i cimeli di un illustre inglese, i vestiti i li ­bri le matite gli appunti; e Conan Doyle in quel museo ci starebbe come a casa sua. Non è, però, il suo museo, è il museo di qualcuno che, seb ­bene non sia mai esistito, non cessa d’esser vivo, il detective Sherlock Holmes. Il solo mu ­seo, supponiamo, che espon ­ga le reliquie di un personag ­gio: dalle camicie che non indossò alle pipe che non fumò.


Letto 1681 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart