Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Francesco Chiesa. Secolo vivente

2 Aprile 2015

di Piero Chiara
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, sabato 7 marzo 1970]

Una sera di quest’inverno, sul tardi come mi era stato consigliato, suonai alla porta di Francesco Chiesa. Cono ¬≠scevo quella casa, appena al di l√† del fiumicello Cassa ¬≠rate che divide Lugano dagli abitati di Castagnola e Viganello, per esservi stato pi√Ļ volte, pressappoco ogni cinque anni, dal ’43 in poi. Ma la mia visita aveva questa vol ¬≠ta, almeno per me, un sapore diverso da quelle precedenti.

Andavo da Francesco Chie ¬≠sa non per conversare, ma per vederlo all’et√† di novan ¬≠tanove anni e per venire a sapere come intendeva affron ¬≠tare, l’anno prossimo, le ce ¬≠lebrazioni centenarie che la Confederazione, il Cantone e forse anche l’Italia gli de ¬≠creteranno.

Quando andai da lui la pe ¬≠nultima volta in occasione del suo novantesimo compleanno insieme ad altri che si offrivano di dar risalto a quella scadenza, gli sentii proporre una data pi√Ļ lontana. ¬ęPerch√© √Ę‚ÄĒ disse √Ę‚ÄĒ sottolineare que ¬≠sto modesto traguardo che ho raggiunto? E’ cosa assai co ¬≠mune. Semmai, quando si tratter√† dei cento anni, si po ¬≠tr√† vedere… ¬Ľ.

Ora siamo alla vigilia dei cento anni e della grande fe ¬≠sta che svizzeri e italiani or ¬≠ganizzeranno, ed alla quale Francesco Chiesa far√† di tut ¬≠to per essere presente, come arrivando dall’al di l√† a co ¬≠gliere un’ultima immagine del mondo e di se stesso. Di un mondo che egli riconoscer√† ormai solo nel consueto pae ¬≠saggio ticinese, bench√© scon ¬≠volto dall’esplosione edilizia del dopoguerra, e nel volto di alcuni suoi giovani amici di sessanta o settanta anni, che hanno fatto in tempo a fare un po’ di strada con lui ed a raccogliere il senso di una sua metafora, nascosta tra le righe delle sue molte opere di prosa e di poesia e appar ¬≠sa anche a me, per sua de ¬≠gnazione, attraverso un endecasillabo che mi recit√≤ al ¬≠l’orecchio, segretamente, pro ¬≠prio quest’inverno quando an ¬≠dai a fargli la visita della quale sto scrivendo.

 

*

 

Sua figlia mi aveva intro ¬≠dotto nel salotto dove, in pie ¬≠di, aspettavo di vederlo en ¬≠trare. Non mi ero accorto che era rannicchiato in una pol ¬≠trona, con il bastone fra le gambe e diventato cos√¨ picco ¬≠lo da scomparire tra i brac ¬≠cioli. Quando fui nel mezzo della stanza, si alz√≤ di scat ¬≠to e venne a tendermi la ma ¬≠no. Lo vidi tale e quale l’avevo veduto cinque anni fa, con gli stessi capelli bianchi e va ¬≠porosi come un fumo che gli uscisse dalla testa, e gli occhi glauchi e un po’ appannati come sono sempre negli uo ¬≠mini di grande et√†. Mi fece sedere sul divano e prese po ¬≠sto accanto a me, presentan ¬≠domi l’orecchio destro, come l’unico canale utilizzabile per ricevere la mia voce. Ma pi√Ļ che ascoltare parlava, ricor ¬≠dava i tempi del 1944, mi lo ¬≠calizzava con esattezza nella Svizzera di allora, a Loverciano dov’ero bibliotecario della fondazione Don Maghetti, diventata con la guer ¬≠ra luogo d’internamento. Do ¬≠po avermi inquadrato nei suoi ricordi, fino ai pi√Ļ recenti, mi confid√≤ il progetto di pub ¬≠blicare in volume non solo un gruppo di scritti suoi ap ¬≠parsi su riviste e giornali, ma addirittura di dare alle stam ¬≠pe una raccolta di quindici sonetti inediti, composti in questi mesi.

¬ę Mi sono messo √Ę‚ÄĒ diceva con la sua voce levigata – a questa impresa dei sonetti, perch√© non posso pi√Ļ leggere da quando mi √® calata la vi ¬≠sta, e ho bisogno di andar ri ¬≠muginando delle parole, che quasi naturalmente si dispon ¬≠gono secondo un ritmo e in ¬≠cappano in certe rime, pro ¬≠prio come ai tempi quando scrivevo i miei primi versi. E pensi √Ę‚ÄĒ continuava √Ę‚ÄĒ che riesco a metterli in carta, in qualche modo, come uno che scriva al buio… Poi vengono delle pazienti signore a tro ¬≠varmi, li decifrano e li tra ¬≠scrivono ¬Ľ.

Sent√¨ il bisogno di spie ¬≠garmi che la sua vista gli aveva fatto uno scherzo: non vede pi√Ļ i caratteri grafici. Quando concentra lo sguardo sopra una pagina, le lettere gli si sciolgono davanti in una macchia grigia. Vede le righe, il libro, gli oggetti che ha d’intorno, ma non le let ¬≠tere.

Ma di codesti inconvenien ¬≠ti non si affligge, anzi, trova che l’esperienza dell’estrema vecchiaia √® perfino divertente. Non si dispera quindi nep ¬≠pure quando la memoria gli nasconde i nomi: non i fatti o i nomi delle cose, ma solo i nomi delle persone. Una memoria maligna e capricciosa che pare d’accordo con la vi ¬≠sta e con l’udito per farlo tribolare un po’, ma in fondo allegramente, pi√Ļ per tenerlo impegnato che per fargli dan ¬≠no. Basti dire che gli lascia comporre mentalmente degli interi sonetti, con tanto di piedi e di rime al loro posto.

Vorrei gettare un’occhiata su questi sonetti, che imma ¬≠gino vicini, per un gioco di ritorni, a quelli di ¬ę Callio ¬≠pe ¬Ľ, che sono del 1907 e che egli rifiut√≤ vent’anni fa, quando trascelse il fiore dei vari libri di poesia che aveva pubblicato. Francesco Chiesa me li vorrebbe mostrare, i suoi nuovi sonetti, ma la fi ¬≠glia non √® d’accordo. Propo ¬≠ne di rimandare l’indiscrezio ¬≠ne a una prossima visita, e il Poeta si rimette. Ma non del tutto, perch√© avvicinandosi al mio orecchio mi scandisce un endecasillabo: ¬ę La nata nascitura acqua nascente ¬Ľ. Poi mi spiega, sotto gli sguardi di rimprovero della figlia, che in quel verso intende far tra ¬≠sparire, sotto metafora, un sentimento della realt√† che egli ha sempre avuto, ma che ora gli √® pi√Ļ chiaro che mai.

¬ę Noi – dice √Ę‚ÄĒ distinguia ¬≠mo arbitrariamente la realt√† in passato presente e futuro, mentre il fluire del tempo √® un tutto unico e inscindibile. Come l’acqua che alla sor ¬≠gente √® nascitura, nascente e gi√† nata, cos√¨ il tempo √® men ¬≠tre diviene, oppure essendo diviene ¬Ľ.

Un pasticcio forse, un esor ¬≠cismo nel quale il Poeta cer ¬≠ca il senso e la giustificazio ¬≠ne del suo sopravvivere. Egli non dimentica che nel 1944, all’epoca in cui uscirono da Mondadori i suoi racconti Io e i miei (senza revisione delle bozze perch√© la casa editrice non aveva potuto fargliele pervenire attraverso le frontiere chiuse), nella scheda bibliografica unita al volume si leggeva: ¬ę Mentre la sua laboriosa giornata vol ¬≠ge al declino… ¬Ľ. Venticinque anni fa, in piena buona fede i curatori di quel suo libro consideravano il Chiesa gi√† vicino al tramonto, mentre egli la intendeva diversamen ¬≠te, e guardava al passare del tempo come ad una giostra che nel suo continuo moto riporta sempre gli stessi volti e le stesse cose.

Ancora oggi, dall’alto del suo novantanovesimo anno e alla vigilia del centenario del ¬≠la propria nascita, si pu√≤ di ¬≠re che egli consideri il com ¬≠pimento del secolo non come un traguardo, ma come una stazione o un punto di pas ¬≠saggio obbligato verso altre tappe, in un giro senza ter ¬≠mine.

Nessun migliore inganno egli potrebbe tendere alla morte. Quindi pu√≤ parlare di altre et√† come se fossero at ¬≠tuali, pu√≤ ricordare il suo in ¬≠contro con Andrea Costa a Lugano nel 1897 o col Fo ¬≠gazzaro, sempre in quegli anni, i suoi buoni rapporti con Ugo Ojetti, con Antonio Bal ¬≠dini, con Pietro Pancrazi, con Massimo Bontempelli, con Alfredo Panzini, con Ettore Ro ¬≠magnoli, col Pastonchi, l’Angioletti, l’Ada Negri, il Borgese e tanti altri, tutti morti oramai, o meglio in viaggio, secondo la sua teoria. Ricor ¬≠da Guido Gozzano, che nella dedica della Signorina Feli ¬≠cita l’aveva chiamato ¬ę caro maggior fratello ¬Ľ, e l’Ojetti, la Negri, Borgese, Baldini, Pancrazi, Valeri e Attilio Mo ¬≠migliano, come coloro che lo lodarono incondizionatamen ¬≠te, almeno nelle lettere che gli scrivevano di tempo in tempo.

Emilio Cecchi e Giovanni Papini sono i soli che lo stroncarono, e il Papini proprio in Stroncature, sebbene poi, pen ¬≠tito, lo chiamasse ¬ę il grande poeta ticinese che da tempo leggo e ammiro ¬Ľ. La ritrat ¬≠tazione del Papini √® consa ¬≠crata in una lettera del 1948 che Francesco Chiesa ha di ¬≠ligentemente conservato tra le sue carte e nella memoria.

Amici, nemici, letterati, uo ¬≠mini politici, critici, tipi stra ¬≠vaganti, artisti, editori e alcu ¬≠ni curiosi personaggi della minuta vita ticinese, sono cata ¬≠logati e misurati in quelle pa ¬≠gine con il distacco di chi pu√≤ giudicare serenamente, da testimone sopravvissuto alla bufera che ha spazzato tanti nomi e tante glorie, la ¬≠sciandolo intatto a ricordare e ad indulgere, oramai, dal ¬≠l’alto di un privilegio che gli consentir√† di partecipare, in ¬≠sieme ai suoi posteri, alla ce ¬≠lebrazione del primo cente ¬≠nario della sua nascita. E pro ¬≠prio ai suoi posteri in (quel ¬≠l’occasione far√† lo scherzo dei quindici sonetti, facendoli ap ¬≠parire freschi di stampa, co ¬≠me una primizia, con in testa il verso dell’acqua nata, na ¬≠scente e nascitura, che fuori d’ogni metafora lo annunce ¬≠r√† in arrivo a chi si sar√† pre ¬≠parato a porgergli l’ultimo sa ¬≠luto.

Dalla soglia del salotto, do ¬≠po averlo salutato, lo vedo andare verso la sua poltrona che oramai gli tiene luogo di scrittoio. Affondato fra i brac ¬≠cioli, ha certo gi√† richiamato alla memoria uno dei suoi re ¬≠centi sonetti e lo sta revisio ¬≠nando, tranquillo e impertur ¬≠babile come l’immagine stes ¬≠sa del tempo che ha scon ¬≠fitto.


Letto 1262 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart