Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Jean Daniélou – La libertà di ricercare Dio

8 Luglio 2012

di Antonio Barolini
[dal “Corriere della Sera”, martedì 20 ottobre 1970]

Con il titolo di « Contestato ­ri contestabili » è stata pubbli ­cata anche in italiano una rac ­colta di scritti, senza dubbio importanti, del cardinale Jean Daniélou. Il libro ha il grande merito di essere elementare e chiaro e di confermare una vol ­ta di più come, nella moderna Chiesa post-conciliare, si possa essere liberi e autonomi e, al tempo stesso, lealmente ri ­spettosi della disciplina neces ­saria per vivere armonicamente nella comunione cattolica romana.

La libertà della ricerca â— pre ­cisa Daniélou â— è una delle più sensibili esigenze dell’uomo d’oggi, interessa tutti i campi e perciò anche la teologia. Que ­sta deve tenere in debito con ­to le acquisizioni delle scienze profane e non ha mai il dirit ­to di contestare i risultati ap ­pellandosi a imperativi dogma ­tici, cosi, se è vero che il mo ­mento della Rivoluzione si de ­ve ritenere concluso, è altresì pacifico che la comprensione umana della Rivelazione deve sempre continuare indefinita ­mente. I rischi inevitabili so ­no meno pericolosi della sclero ­si e dell’attiva rinuncia della ricerca.

« Io dunque â— afferma an ­cora Daniélou â— sono per la piena libertà di ricerca anche in campo teologico ». Ma se questa libertà porta a conte ­stare la stessa esistenza di Dio, è evidente che la libertà polve ­rizza in tal modo l’oggetto sul quale si esercita la ricerca. In questo caso, il magistero della Chiesa ha il dovere d’intervenire perché è suo specifico compi ­to mantenere intatto il deposito delle verità rivelate.

Con questo si torna â— mi pa ­re â— a quel concetto che altra volta ho cercato di sviluppare: che cioèla Chiesamoderna in ­dica e tutela (non impone) il deposito della verità rivelata, per affermarlo e sublimarlo, an ­ziché in atti di potere (scomu ­niche, ecc…), nella carità stes ­sa della verità.

La carità tuttavia, ammoni ­sce ancora Daniélou (ed è no ­tazione essenziale), non può esi ­stere fuori dalla vita sacramen ­tale e quindi dai valori sopran ­naturali, propri dei sacramen ­ti. La carità cristiana non è e non può essere mera filantro ­pia; può esistere soltanto in quanto è atto d’amore verso Dio, nella mediazione del Cristo e degli strumenti sacramentali che egli ci ha dato per eserci ­tarla.

La gran parte degli errori d’oggi, contro i qualila Chiesapropone pazientemente le sue eterne verità, consistono soprat ­tutto in questa ostentata uma ­nizzazione e mutilazione della divina natura del Cristo; nel facile e falso profetismo uma ­nitario e sociale, con cui si cre ­de di poter fare del corrutti ­bile reame della terra, per sola virtù umana, una panacea di ben organizzato paradiso.

Per Daniélou, ancora, la li ­bertà non può reggere senza un principio di autorità; infat ­ti, il vero problema è di sapere sempre qual è l’ordine in cui la libertà possa iscriversi senza alienarsi: per non corromper ­si, la libertà non può non ri ­ferirsi a un valore trascendente.

Per questo (e ho tenuta ulti ­ma la premessa del discorso di Daniélou), la vera crisi del nostro tempo consiste nella sempre più diffusa carenza del sentimento del divino. La stes ­sa per cui i giovani si drogano alla ricerca di un’evasione, mol ­ti confondono l’erotismo con l’amore, la carità con la tolle ­ranza; quando addirittura non ricercano il satanico negli abis ­si e nella demenza dell’irra ­zionale.

L’indicazione della piaga che più ci affligge è esatta; tuttavia anche Daniélou, nel denunciar ­la, difetta â— a mio parere â— del senso del rischio, del ne ­cessario coraggio della provoca ­zione; sembra cioè voler eva ­dere dalla responsabilità di una dimostrazione concreta dell’esi ­stenza di Dio.

Accade spesso a coloro che sono più o meno investiti da compiti ufficiali, che vogliono di ­fendere plausibilmente, su meri piani astratti, i valori teologici contro l’ostentata cecità del ­l’uomo contemporaneo. Questi, tutto teso a creare macchine per le sue espansioni organiz ­zate nella apparentemente con ­creta seduzione e dimensione del sensibile, non vuol più ve ­dere Dio, né cercarlo al di là e al di fuori della trita e fal ­lace morgana meccanica dei rapporti di causa e di effetto, i soli che crede di poter spe ­rimentare; e perciò, quando non è ateo, è un adoratore di feticci.

L’uomo d’oggi, come l’uomo antico, ha bisogno di tornare a capire che Dio non vuole e non può rivelarsi a chi non lo vuole vedere, e non può dare la giu ­stizia a chi non la persegue con totale abnegazione; né può modificare le leggi della natu ­ra per chi non sa più dominar ­le con quelle dello spirito. Solo l’uomo dello spirito può ancora parlare alle piante e agli uc ­celli come San Francesco. L’uo ­mo d’oggi, inoltre, deve torna ­re a rendersi conto che la vi ­sione di Dio per la normalità dei mortali è impossibile, sareb ­be solo annientante e brucian ­te: fu spesso tale anche per i grandi santi. Dio non è mai una droga, perché è una scoperta, sempre, della coscienza attiva.

Ma proprio per questo le stra ­de dell’ascesi mistica sono sem ­pre aperte per chi vuole seguir ­le, imponendosi le dure tecni ­che di rinuncia e di abnegazio ­ne che comportano. Dio, per ­tanto, è sempre visibile agli es ­seri supremi che lo amano fino all’immolazione di sé per amo ­re di lui: ma è anche sempre al di là del roveto ardente.

L’uomo comune, anche quel ­lo d’oggi, che legge i fumetti scientifici, deve tornare a sape ­re questo, a capire che questo non è solo un principio di fede, ma anche di scienza e di razionalità che la stoltezza im ­manente ha rifiutato; e tutti ne vediamo gli effetti.

Sapendo questo, l’uomo co ­mune contemporaneo deve tor ­nare a imparare quello che mol ­ti preti non sanno dirgli più, perché non lo sanno più nem ­meno essi; e perciò le molte loro aberranti contestazioni. Dob ­biamo tornare a imparare che, per tutti, c’è l’ascesi fatta di piccole cose quotidiane, di quo ­tidiana disciplina e responsabi ­lità dei doveri banali e consue ­ti; che dunque la nostra libertà da ogni alienazione è la libertà delle nostre responsabili scelte di coscienza nell’ordine dei va ­lori permanenti, quelli che cri ­ticamente reggono alla nostra incessante, umile, tenace, one ­sta ricerca.

E’ l’ascesi più lunga, e non è detto che non sia la meno dif ­ficile; anche se è quella degli uomini che non sono eroi, al ­meno nel senso splendente del termine.

Ma è certo che Dio sta, per tutti, al vertice di questa fatica e ci sta fisicamente, metafisica ­mente e trascendentalmente; in tre dimensioni ben precise, sen ­za delle quali c’è solo il regno della morte, anziché della re ­surrezione. Questo bisogna ave ­re il coraggio di tornare a in ­segnare e a dimostrare; l’uo ­mo d’oggi, gli irrazionali capel ­loni di oggi, hanno sete di que ­sto. Avrei desiderato che Danié ­lou tornasse a dire anche que ­sto, come logica vera conclusio ­ne di tutto il suo argomentare; perché solo in questa dimostra ­zione è la salvezza della crisi che ci travaglia. Nella conoscen ­za di queste semplici elemen ­tari verità naturali e sopran ­naturali, in cui nessuno vuole più credere, perché non le ve ­de, e non le vede perché non le ricerca con mente e con cuo ­re puro; per questo è scritto: « Beati i puri di cuore perché vedranno Dio ».


Letto 1701 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart