Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: La critica e il paradiso di Dante

6 Aprile 2013

di Vittore Branca
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, gioved√¨ 2 aprile 1970]

Gi√† il Foscolo, ispirandosi a Michelangelo e a Vasari, notava che Dante ¬ęoltre alla lingua, ai versi e alla armonia, a modellare le immagini insignorivasi delle forme della scultura e delle tinte della pittura ¬Ľ. Eppure nella fittis ¬≠sima serie di studi sollecitati dalle celebrazioni del settimo centenario dantesco limitatis ¬≠sima √® stata la porzione dedi ¬≠cata ai rapporti con le arti fi ¬≠gurative.

√Ęňú‚Ķ

Ma ora un contributo gran ¬≠dioso, veramente risolutivo per un settore, √® offerto dall’ope ¬≠ra Illuminated Manuscripts of the Divine Comedy a cura di Peter Brieger, Millard Maiss, Charles S. Smgleton, pubblica ¬≠ta dalla Princeton University Press (voll. 2, di pp. XX-380 con 130 ill., e di pp. XXII- 540 con 1020 ill. e 41 tavole a colori; $ 45). Proprio nelle miniature si coglie direttamen ¬≠te la determinante azione del ¬≠le potenti visualizzazioni dan ¬≠tesche: specialmente quando ci si trova di fronte a perso ¬≠nalit√† artistiche di forte tem ¬≠peramento come quelle acuta ¬≠mente identificate con estrema probabilit√† dal Meiss in Pria ¬≠mo della Quercia, fratello del grande scultore, in Giovanni di Paolo e forse in Domenico Veneziano (cod. del British Museum), in Francesco Trai ¬≠ni o suoi allievi (cod. di Chan ¬≠tilly), in Cristoforo Cortese (cod. della Nazionale di Pa ¬≠rigi).

Descrivendo puntualmente 54 manoscritti miniati fra la morte di Dante e la met√† del Quattrocento, significativi per valori iconografici o per qua ¬≠lit√† figurative, il Brieger e il Meiss offrono anche argomen ¬≠ti inattesi per la anticipazio ¬≠ne della data del famoso commento di frate Guido da Pisa (dal 1328 circa al 1348 circa) e per l’interpretazione di passi molto discussi della Com ¬≠media. ¬ę Colui che fece per viltade il gran rifiuto ¬Ľ era, ad esempio, quasi sempre raf ¬≠figurato colla mitria o col tri ¬≠regno: era dunque nell’et√† di Dante identificato con Cele ¬≠stino V, non con altri perso ¬≠naggi indicati poi dalla cri ¬≠tica.

La stessa lettura cristocentrica del poema, proposta sug ¬≠gestivamente dal Singleton, sembra avvalorata da tutta una serie di rappresentazioni figurative. Anzi il vasto e com ¬≠plesso corpus delle pi√Ļ anti ¬≠che miniature punta verso in ¬≠terpretazioni simboliche e al ¬≠lusive, secondo la pi√Ļ ricca e autorevole tradizione figurale della cultura dugentesca.

E’ questo, com’√® noto, an ¬≠che l’indirizzo pi√Ļ positivo del ¬≠la critica dantesca di questi nostri decenni: e informa giu ¬≠stamente il recentissimo volu ¬≠me di uno studioso e saggista di esperienze singolarmente ricche e varie √Ę‚ÄĒ tra filosofia, storia, letteratura, moralismo civile √Ę‚ÄĒ come Manlio Mario Rossi (Problematica della Di ¬≠vina Commedia, Le Monnier, pp. 240, L. 4000). Sia che indaghi i ¬ę valori dramma ¬≠tici ¬Ľ della Commedia, ri ¬≠levandone l’impostazione ¬ę tea ¬≠trale ¬Ľ nella lingua, nello sti ¬≠le, nelle strutture; sia che identifichi √Ę‚ÄĒ in senso diver ¬≠gente dal Contini √Ę‚ÄĒ l’espe ¬≠rienza tutta personale che av ¬≠viva esemplarmente la rappre ¬≠sentazione dell’al di l√†, il Ros ¬≠si ambienta e articola le sue analisi e le sue conclusioni nel quadro del pi√Ļ autorevole pensiero medievale. Nuove e acute riescono cosi, ad esem ¬≠pio, le osservazioni sul ritmo discendente √Ę‚ÄĒ da commedia √Ę‚ÄĒ delle chiuse degli episodi e dei canti, proprio secondo i precetti di Alano di Lilla per le trattazioni morali; o quelle sulla trasformazione della religiosit√† fra il terzo e il quarto decennio del Tre ¬≠cento √Ę‚ÄĒ per l’attenuarsi del ¬≠la coscienza apocalittica √Ę‚ÄĒ in seguito alla quale la rappre ¬≠sentazione degli spiriti nell’ol ¬≠tretomba dantesco √® stata ac ¬≠cusata di eterodossia o am ¬≠messa solo come licenza poe ¬≠tica; o quelle sulla singolare demonologia che accoglie sug ¬≠gerimenti dalla tradizione fi ¬≠gurativa medievale (p. es. Ca ¬≠ronte era gi√† rappresentato come un demone in un’Eneide dei primi del Duecento). La ragionata conoscenza di teo ¬≠rie e tecniche letterarie del tempo permette anche al Ros ¬≠si di identificare l’unit√† mu ¬≠sicale del poema non nel ver ¬≠so o nella terzina ma nell’epi ¬≠sodio (con osservazioni vera ¬≠mente penetranti circa l’uso dell’allitterazione ).

√Ęňú‚Ķ

Quella sempre variata e ¬ę circulata ¬Ľ armonia costitui ¬≠sce anche il tema del pi√Ļ im ¬≠pegnativo saggio di Luigi Blasucci (Studi su Dante e Ario ¬≠sto, Ricciardi, pp. 208, L. 3000). Dalla tormentata vigilia d’ar ¬≠mi nelle ¬ę rime petrose ¬Ľ il linguaggio poetico di Dante ascende alla eccezionale ma ¬≠gnanimit√† lessicale e rit ¬≠mica della Commedia, in cui pu√≤ inserirsi coerente anche la volont√† di esprimere l’inef ¬≠fabile. E’ questo insieme un topos e una meta della poe ¬≠sia dantesca, come osserva An ¬≠gelo Jacomuzzi in un’elegan ¬≠te serie di saggi nutriti con le esperienze della critica di Auerbach e di Frye (L’imago al cerchio, Silva, pp. 240, L. 3000).

Un interesse caratteristico domina questi studi, pur di impostazioni e di metodologie diversissime: l’interesse al Pa ¬≠radiso come esperienza decisi ¬≠va e conclusiva della poesia dantesca. Siamo ben lontani sia dai tempi in cui la terza cantica era ostentatamente trascurata dal Carducci, sia da quelli in cui era tacciata di noiosa pedagogia dal Croce.


Letto 5943 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart