Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: La dinastia dei Dumas

20 Settembre 2012

di Carlo Bo
[da: ‚ÄúLa religione di Serra‚ÄĚ, Vallecchi, 1967]

Due anni fa Henri Clouard aveva tentato il primo grande ritratto moderno di Dumas padre, vale a dire una rivaluta ­zione: oggi il Maurois riprende lo stesso motivo allargan ­done la portata e cercando di centrare il tema sulla natura dei Dumas attraverso la storia della dinastia (André Mau ­rois, Les trois Dumas, Paris, Hachette).

La prima osservazione da fare √® questa: Dumas ha bi ¬≠sogno di una rivalutazione? Non √® stato da molto tempo fissato il suo valore o, meglio ancora, una interminabile famiglia di lettori (una famiglia che nessuno scrittore ha mai avuto) non sta a testimoniare la qualit√† particolare dell’opera, non dice la funzione vitale di questo tipo di let ¬≠teratura? Dumas √® fuori della polemica e quando il Mau ¬≠rois vi accenna con la sua discrezione si sente che combatte una battaglia inutile.

Non serve opporre Dumas alla letteratura dei letterati, alla parte pi√Ļ alta delle esercitazioni di un Flaubert o dello stesso Hugo, Dumas √® una ragione della natura e come tale va considerato. Del resto, lo stesso Maurois allargando il discorso prima sul generale Dumas e poi su Dumas figlio (Dumafice, come firmava a volte lui stesso) vuole illustrare una particolare famiglia, quasi un tipo eccezionale di uma ¬≠nit√†, al di fuori delle regole e molto lontano dalle nostre abitudini, quasi incomprensibile in un’economia ridotta e calcolata come √® la nostra. In tal modo pi√Ļ che una piace ¬≠vole indagine di carattere letterario, il libro √Ę‚ÄĒ fondato su molto materiale inedito e nuovo √Ę‚ÄĒ diventa la storia di tre figure che trovano nel destino del sangue un punto di collegamento, la loro unit√†. Anche il terzo Dumas, nonostante la stanchezza, un maggior senso delle proporzioni, un pi√Ļ vigile controllo critico ci appare sempre in quella luce d’eccezione, nel quadro della famiglia che ha trovato nella parte del ¬ę sangue negro ¬Ľ il segno di una vitalit√† incredibile, una forza senza eguale.

Anzi √® proprio nel terzo esemplare della famiglia che possiamo riscontrare il segno di tale forza prepotente, nono ¬≠stante gli errori di gusto, nonostante un’opera che ha cono ¬≠sciuto a suo tempo un successo enorme e oggi appare com ¬≠pletamente insostenibile, un’opera condizionata esclusiva ¬≠mente dal tempo. Dumas figlio sopporta con accenti patetici gli ultimi scatti, le frazioni finali di quella forza, di quella grandezza nel lavoro, nell’immaginazione e nella fantasia; √® un po’ l’albero folgorato di una foresta vergine che al tempo favoloso di Alessandro il Grande sembrava appar ¬≠tenere a un’et√† primitiva. Con Dumas figlio si ritorna √Ę‚ÄĒ √® vero √Ę‚ÄĒ a un dominio pi√Ļ umano, le cose riprendono il loro aspetto, la loro funzione, siamo fuori del favoloso, da quella grazia particolare del padre, per cui la realt√† stessa diven ¬≠tava attraverso la sua parola occasione di fantasia.

Tante volte si √® detto che il capolavoro di Dumas √® la sua vita e la storia che ne fa Maurois a partire dal gene ¬≠rale, dall’uomo di colore, secondo la definizione, di Napo ¬≠leone, fino ad arrivare all’autore della Dame aux Cam√©lias, √® una specie di leggenda, un film appassionante che fac ¬≠ciamo a meno di collocare nel tempo, in una storia che pure √® ancora cos√¨ rintracciabile per noi. Dumas padre √® assolto in una specie di leggenda (al disopra dei suoi trecento vo ¬≠lumi, al di l√† dei cinquecento figli seminati qua e l√†, al ¬≠meno a stare alle sue vanterie), e questo nonostante la sua notevole capacit√† di interpretare la realt√†, nonostante la penetrazione del suo sguardo, di quella specie di divina ¬≠zione che lo ha fatto prezioso testimonio della vita del Mez ¬≠zogiorno di Italia e profeta della forza prussiana. Dumas aveva una straordinaria facolt√† di passare dal campo della realt√† pi√Ļ cruda, alla fantasia, all’invenzione e non perdeva tale privilegio neppure nel giuoco della vita quotidiana, nei rapporti con gli altri, in quel tanto di economia morale a cui era costretto: no, non serve cercare di capire una na ¬≠tura del genere col nostro metro, cos√¨ come non sarebbe possibile cercare di capire il segreto della sua letteratura, di una letteratura industriale, organizzata con i suoi ¬ę ne ¬≠gri ¬Ľ, con gli schiavi e fatta per soddisfare le voglie di un pubblico grosso, esigente e senza volto. Non ci aiuta dav ¬≠vero la nostra storia di lettori a spiegare il colpo di grazia con cui trasformava la materia inerte fornita dai vari Maquet (ma c’era anche un Nerval…), bisogna trasferire di nuovo tutto sulla cifra della sua vita, su quel tanto di imlpulso irresistibile che lo portava ad animare il fango, a creare, a soffiare nelle cose il movimento stesso della vita. Qui sta il suo segreto e qui la spiegazione del suo straordinario successo: Dumas padre non √® morto; ha conservato i suoi lettori, quello che √® caduto √® la parte esterna, pitto ¬≠resca della cronaca, il rumore della sua fortuna sospetta, l’altalena delle virt√Ļ e dei difetti dell’uomo. Con Dumas figlio la scena cambia quasi totalmente: con la cronaca √® morta gran parte, se non tutta, la sua opera. Era stato facile profeta Leon Daudet nel 1924 col dire: ¬ę Si pu√≤ pre ¬≠vedere che fra vent’anni quando ci sar√† passata sopra una generazione e una nuova guerra franco-prussiana, non re ¬≠ster√† assolutamente nulla del teatro, deplorevole e vuoto, di Dumas figlio… ¬Ľ. Restano le buone intenzioni, resta la nobilt√† delle idee che lo portava a vedere le opere come vere e proprie battaglie, resta la misura dell’impegno mo ¬≠rale ma proprio perch√© il teatro di Dumas figlio era fatto soltanto dei pregiudizi, dei luoghi comuni, dei vizi del tem ¬≠po non sono rimasti che i cartoni, la polvere delle scene, l’eco spenta di quelle passioni gonfiate fino all’irrealt√†. Caso mai, bisogna cercare altrove il segno di un riscatto, il segno della vera nobilt√† dello scrittore: nella profonda scontentezza degli ultimi anni di fronte ai primi segni della rovina del suo mondo, di fronte alle prime crepe della sua boriosa costruzione. Anche Dumas padre verso la fine era aggredito dagli stessi dubbi e si affannava a rileggere i Tre moschettieri per trovare una riprova, un briciolo di cer ¬≠tezza: a volte chiedeva fra le lacrime al figlio una parola di consolazione, ecco dove quella figura mitica tornava nella storia degli uomini. Dumas figlio ha avuto pi√Ļ tempo nella sua vita ordinata e colma di soddisfazioni, di onori e ric ¬≠chezze ha avuto modo di pensare di pi√Ļ alle stesse cose; proprio perch√© era soccorso da un maggior senso critico, lo sgomento che lo coglieva di fronte alla vita che si trasfor ¬≠mava, di fronte al nuovo teatro dei Becque e degli Ibsen raggiungeva toni indimenticabili: l’immagine di Dumas figlio che si piega sulla morte delle cose e delle idee mentre stringeva in pugno uno scettro √® una delle immagini indi ¬≠menticabili dell’Ottocento e serve a riscattare molte cose, tanti errori, certe colpe. ¬ę La terre va vite ¬Ľ √® una delle sue ultime parole ma √® una parola che non cadr√† come le altre.

¬ę Mor√¨ com’era vissuto, senza accorgersene ¬Ľ disse Du ¬≠mas figlio del padre e nella frase c’√® anche la storia della sua vita; Dumas figlio sin da ragazzo cerc√≤ di controllare la vita, ne prov√≤ il dolore, la pena, spesso la vergogna e la sua opera riflette il peso di questa condanna, ne √® l’imma ¬≠gine passiva, chiusa e bloccata nella polemica. Dumas pa ¬≠dre, proprio perch√© non se ne accorgeva, era in grado di trasformare tutto in vita, poteva ¬ę rifare ¬Ľ una grazia che pochi hanno avuto e nessuno come lui ha praticato fino all’abuso, sfiorando l’insolenza ma con una forza che lo metteva sempre al di l√† delle ragioni dell’uomo comune, fuori della nostra piccola economia. Il torto del figlio √® di aver voluto guardare dentro quella forza, di aver voluto imporre una coscienza a una materia che la rifiuta.

Anche lui avrebbe fatto meglio ad accettare, a prendere, a creare, lasciando da parte le discussioni e le polemiche, la strada della dinastia era soltanto quella dell’azione.

20 aprile 1957.


Letto 1590 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart