Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: La scrittrice Eleonora Duse

26 Settembre 2010

di Vittore Branca
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, sabato 19 aprile 1969]

Un anno fa, preceduta da una incalzante e lampeggian ¬≠te telefonata di Gianfrancesco Malipiero, approdava a San Giorgio da Asolo, dove s’era raccolta in preghiera sulla tom ¬≠ba della nonna, una suora do ¬≠menicana anglo-italiana dagli oc ¬≠chi chiari e dai gesti speditivi.

Aveva lasciato per un’ora sulla Riva degli Schiavoni la sua schiera di donzellette britanniche a saltellare e squittire nella Venezia di primavera. Era venuta, lei – Suor Maria di San Marco ma al secolo an ¬≠ch’essa Eleonora – nipote ed ultima erede della Duse, a chie ¬≠dere di donare alle raccolte della Fondazione Giorgio Cini, dedicate alle pi√Ļ preziose me ¬≠morie della civilt√† della Serenissima, quanto conservava an ¬≠cora delle carte e dei cimeli della ¬ę divina ¬Ľ attrice venezia ¬≠na: una eredit√† eccezionale giuntale attraverso la devozio ¬≠ne conservatrice di sua madre, Enrichetta, la figlia della Duse andata sposa al professor Bullough di Cambridge.

Ora quel complesso di documenti unico per la storia del nostro teatro, della nostra vita culturale, del nostro costume fra Ottocento e Novecento √® stato depositato a San Giorgio ed √® affidato alle cure di uno specialista sensibilissimo e col ¬≠tissimo, Piero Nardi. Quelle fo ¬≠tografie familiari o teatrali, quei copioni segnati appassio ¬≠natamente e annotati con scru ¬≠poloso puntiglio (e alle volte autografi degli autori stessi), quelle lettere mosse e accorate, quegli appunti di Eleonora e di Enrichetta, stanno ordinandosi in una trama suggestiva, van ¬≠no aprendosi nei loro sensi pi√Ļ rivelatori e nelle loro allusioni pi√Ļ illuminanti grazie a chi √® stato il rievocatore penetrante della vita di Fogazzaro, di Boito, di Giacosa.

Proprio Arrigo Boito e Gia ¬≠cosa, D’Annunzio e la Negri, Pirandello e la Deledda, Papini e Govoni, e cento altri scrit ¬≠tori e artisti si affacciano in questi carteggi accanto ai
¬ę grandi ¬Ľ del teatro (da Sarah Bernhardt e Copeau a Zacconi e Benassi), accanto a spiriti europei come Ibsen e Maeterlinck, Romain Rolland e Rodin, Claudel e Yeats. Fra le appassionate ondate del carteggio con Arrigo √Ę‚ÄĒ una gran ¬≠de sinfonia isottea, di un ro ¬≠manticismo grave e abbandonato -campeggia l’insistenza sulla dedizione assoluta, quasi ascetica, a un ideale artistico, anzi all’Arte (con tanto di maiuscola), e si sviluppa l’impegno per rivelare al pubbli ¬≠co italiano √Ę‚ÄĒ come gi√† proprio per merito del Boito avveniva attraverso la musica di Verdi √Ę‚ÄĒ la forza e la ricchezza del ¬≠la poesia di Shakespeare.

Accanto al manoscritto della traduzione di Antonio e Cleopatra, Nardi ha trovato l’autografo boitiano della traduzione assolutamente sconosciuta del Macbeth (fra le pagine sono ancora disseccate foglie di alloro), e una parte di quella di Romeo e Giulietta, punteggiata da varie note √Ę‚ÄĒ anche registiche √Ę‚ÄĒ di pugno di Arrigo e di Eleonora.

Ma al di l√† dell’importanza eccezionale per ricostruire e ri ¬≠vivere quella che fra i due secoli fu la ¬ę grande conversa ¬≠zione ¬Ľ letteraria e teatrale del ¬≠l’Italia, non senza risonanze europee, queste carte segrete rivelano nella Duse una scrit ¬≠trice di razza. Quattro prezio ¬≠sissimi quaderni di lettere e di note di Eleonora, fra il 1914 e il 1924, trascritte amorosa ¬≠mente da Enrichetta, costitui ¬≠scono un diario intimo da au ¬≠tentico memorialista.

La desolata solitudine di Boi ¬≠to sul viale del tramonto √® ri ¬≠tratta, dopo una visita fugace, con un realismo insistito ma pacato. Fra ¬ę un povero cane, un ¬† setter ¬† bianco ¬† e ¬† nero, ¬† ¬† im ¬≠prigionato ¬† ¬† in ¬† ¬† una ¬† ¬† gabbia ¬† ¬† di rete ¬† ¬† metallica, ¬† ¬† a ¬† ¬† ridosso ¬† ¬† del muro, ¬† ¬† umida, ¬† ¬† triste, ¬† ¬† soffoca ¬≠ta ¬Ľ e le rampogne di un ser ¬≠vo ¬† dispettoso, ¬† ¬† Eleonora ¬† ¬† ritrae Arrigo ¬ę muto, triste, tanto tri ¬≠ste, ¬† ¬† le ¬† ¬† belle ¬† spalle ¬† sue ¬† ¬† d’una volta, curve in alto, come d’un albero che non vuole piegarsi ¬Ľ. E continua: ¬ę Io immobile sulla sua sedia, che mi faccio piccola per non aumentargli il disagio… avevamo entrambi, ¬† quieta la stanza, e la strada e la luce. Il ritratto di una donna giovane, di trent’anni prima (il mio d’una volta), alla sua destra, e il ritratto ¬† di ¬† Verdi ¬† sulla ¬† sua scrivania: tutto l√¨ e libri, libri ovunque. ¬† ¬† ‘Partite? ‘. ¬† ¬† ‘S√¨, ¬† ¬† alle otto’. ¬† ‘Si √® ¬† gi√† partiti, quando si deve partire’ ¬Ľ. Ma questa sconsolata chiaroveggenza sa impennarsi anche in ¬† ¬† una ¬† ¬† forza ¬† ¬† sdegnosa ¬† ¬† e ¬† ¬† in un’energia espressiva da tragico o da moralista. D’Annunzio – ¬† sul ¬† ¬† cui ¬† ¬† stesso ¬† stile, ¬† ¬† come queste carte confermeranno, influ√¨ proprio la Duse √Ę‚ÄĒ dopo i tradimenti d’amore e d’arte (la Figlia ¬† ¬† di ¬† ¬† Jorio ¬† ¬† negatale ¬† ¬† nel 904) ¬† le si rivolge ancora per averla interprete dei suoi dram ¬≠mi: ¬ępoich√© tu sei la sola rivelatrice degna di un grande poeta, e poich√© io sono un grande poeta ¬† ¬† √® ¬† ¬† necessario ¬† ¬† – ¬† ¬† dinanzi alle sacre leggi dello Spirito – che tu dia la tua forza alla mia forza – tu Eleonora Duse a me Gabriele ¬† D’Annunzio ¬Ľ.

¬ęNon alterare la verit√† √Ę‚ÄĒ risponde con disadorna risolu ¬≠tezza la Duse. √Ę‚ÄĒ Non parliamone pi√Ļ. Son vane le parole. Lascia la spada e la penna quando mi pensi. Non ti difendere, figlio, perch√© io non t’accuso. Cos√¨ √®, cos√¨ sia. Il mondo √® pieno di tali miserie. Non parlarmi dell’impero della tua vita carnale, della tua sete alla vita gioiosa: sono sazia di que ¬≠ste parole, da anni ti ascolto dirle. Se tante volte negli anni che mi dicevi ti ero necessaria, se tante volte ho potuto spa ¬≠rire d’accanto a te, nelle ore della tua insaziabilit√† (parole tue), a che serve, figlio, ci√≤ che tu dici? ¬Ľ. E’ una sequenza di sdegni e di tenerezze, scandita potentemente da quell’iacoponico ¬ę figlio ¬Ľ e retta da un’umanissima e sofferta forza di amo ¬≠re e di verit√†.

Aveva ragione Papini quan ¬≠do nel ’17 esortava la Duse a lasciare le scene per la penna: quel Papini che ai tempi della Voce le si era rivolto in un disperato momento di miseria e di sconforto. ¬ę Vengo da lei come un povero che chiede qual ¬≠cosa e non offre, come nei ro ¬≠manzi, il cuore a consolare, ma stende proprio la mano, la ma ¬≠no vera, di carne, magra come quella dei poveracci di Goya… Da due mesi sto qui in libreria dalla mattina alla sera e non prendo nulla, perch√© la Voce √® povera ¬Ľ. Due giorni dopo, pro ¬≠prio in quella libreria (scrive ancora Papini) apparve la Duse ¬ęimprovvisa e inaspettata, con quei suoi occhi cos√¨ neri di ansiosa e intensa passione… Una donna grande perch√© don ¬≠na, ed ha un’anima. Un’anima sua ma capace di veder le altre. Tanto generosa da ringraziare chi riceve da lei ¬Ľ.

E’ questa l’immagine di Eleo ¬≠nora che domina le pagine del ¬≠l’ultimo quaderno: taccuino dell’ansiet√† tormentosa e della ge ¬≠nerosit√† serena degli anni estre ¬≠mi. ¬ęVoglio che su la mia tom ¬≠ba sia scritto: fortunata, dispe ¬≠rata, fidente ¬Ľ.


Letto 5469 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: I MAESTRI: La scrittrice … — 26 Settembre 2010 @ 17:07

    […] Link articolo originale: ¬† Bartolomeo Di Monaco ¬Ľ LETTERATURA: I MAESTRI: La scrittrice √Ę‚ā¨¬¶ […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart