Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Pascoli – Caselli. Silenzio, ho parenti

16 Gennaio 2016

di Cesare Garboli
[da “La fiera letteraria”, numero 18, giovedì 2 maggio 1968]

GIOVANNI PASCOLI
Lettere ad Alfredo Caselli
Mondadori, pagine 930, lire 5000.

In quello stupendo, incosciente libro che è Lungo la vita di Giovanni Pasco ­li. la Mariù ci aveva già raccontato le vicende che condussero il Pascoli, su ­perata la crisi di gelosia per le nozze della sorella Ida, ad affittare una rusti ­ca villa nella campagna toscana. Inse ­gnante di liceo a Livorno, il Pascoli ignorava l’esistenza di Barga. Ma il poeta sta organizzando se stesso, sta già inventando, dopo la ricostruzione del nido familiare, dopo la riunione delle « colombelle spaurite » a Massa e a Livorno, la difficile, precaria fabbri ­ca della propria vita. Sembra guidato da un istinto infallibile. Va a Barga, la prima volta, nel settembre 1895, ac ­compagnato da un conoscente bargeo, il maestro Carlo Conti, amministrato ­re del collegio San Giorgio all’Arden ­za. Visita la casa, dà un’occhiata intor ­no, vede la Pania alta tra le nuvole, fir ­ma il contratto. Le Myricae sono di tre anni prima. In quello stesso autun ­no ’95, la mattina prestissimo del 15 ottobre, « con Gulì e i nostri uccellini in una gabbietta fatta fare apposta per il viaggio, partimmo in treno alla vol ­ta di Lucca, donde con una vettura, mandataci da Barga, ci avviammo per raggiungere Castelvecchio ».

Dall’ottobre ’95 fino alla morte, ogni volta che potesse liberarsi dagli impe ­gni universitari, Pascoli abitò nella ca ­sa di Caprona, in cima al poggio di Ca ­stelvecchio. Trascorre a Barga le va ­canze del ’96 ci resta fino a tutto l’in ­verno e alla primavera del ’97, dimis ­sionario dalla cattedra di grammatica greco-latina a Bologna. Alle origini di queste dimissioni è una storia familia ­re, nemmeno un dissapore, ma una fu ­ga. Pascoli temeva d’incontrarsi, a Bo ­logna, con la sua bestia nera, il danna ­to, e certo più sciagurato di lui, fratel ­lo Giuseppe. Era tipo curioso, questo Peppino Pascoli, detto anche « il Pa- glierani tale da inventarsi storie di do ­lore, disgrazie inesistenti. E difatti si era presentato pochi anni prima, in male arnese, a Livorno, annunziando ai fratelli la morte della moglie e i ca ­si tristissimi della figlia. Fu rivestito, ospitato, si pianse con lui ». « Giusep ­pe », racconta la Mariù, « ripartì da ca ­sa dando segni di grande commozione. Gli si dettero denari; gli si dettero pu ­re, dietro sua richiesta, oggetti di ve ­stiario e di biancheria. Sembrerà in ­credibile, ma tanto la morte della mo ­glie quanto le cose riguardanti la figlia non erano per niente vere ».

Frattanto il Pascoli era chiamato a tener cattedra a Messina. Son questi, tra il ’98 e il 1902, i suoi anni cruciali, tempo di vena ribollente, « impetuo ­sa ». Il poeta lavora a più cose, alle nuove antologie scolastiche, ai discor ­di, alle interpretazioni dantesche. Prende gioia perfino a insegnare. Or ­ganizza la sua ispirazione in una « poetica », definisce il suo « sociali ­smo patriottico », si costruisce una fisionomia di apostolo e vate in con ­correnza con Carducci e d’Annunzio.

Porta avanti i Canti di Castelvecchio, ma ha già in mente il piano dei Convi ­viali, composta qualcuna delle Odi. Era arrivato a Messina in formazione, in crescita, ne esce ridipinto a nuovo. E’ il suo periodo difficile, splendido.

Pascoli sa da dove gli viene la forza: dal « nido », dal campanile di Barga, dal suo felice trapianto in terra tosca ­na, che gli ha concesso di esistere. Mancano solo due cose, ormai, alla sua compiutezza: l’acquisto della casa di Castelvecchio, la cura meticolosa nella stampa delle sue opere. E a colmare le due lacune, senza neppure saperlo, di contribuire a erigere il monumento di un vivo, penserà un agiato dolciere, letterato e viaggiatore lucchese, Al ­fredo Caselli.

« Se tu sei nulla, noi siamo nulli; / ché in tutto, Alfredo, simile io t’amo. / Per le fanciulle, per i fanciulli / noi lavoriamo… ». Per essere stata oggetto di attenzione da parte di pascolisti pri ­mari, il Pancrazi ed Emilio Cecchi, la figura del Caselli è ormai nota a tutti gli affezionati del Pascoli. Ma soltanto oggi vedono la luce, sempre a cura di Felice del Beccaro, dopo la raccolta parziale del ’60, tutte le lettere indiriz ­zate dal poeta al « prediletto degli amici lucchesi »: 556 pezzi tra lettere, cartoline postali e illustrate, telegram ­mi, biglietti. Può anche essere, come scrive il Cecchi, che questo materiale « costituisca uno dei più ricchi deposi ­ti e cafarnai della biografìa pascoliana ». Certo quello che avvince, in que ­ste lettere, è la suspense, il thriller nella trattativa per l’acquisto della ca ­sa di Barga. Che storia! La compra, non la compra, il Pascoli passa da uno stato d’animo all’altro, in « un suppli ­zio infernale d’acqua bollente e d’ac ­qua gelata ». C’è un litigio coi contadi ­ni, la famiglia Arrighi: o vanno via lo ­ro o Pascoli non compra. Corrono let ­tere anonime, saltano fuori ipoteche, doppiezze, persecuzioni. « Oh i miei canti! con che cuore vuoi che canti an ­cora un campanile che non vedrò più!… Era il mio capolavoro! Accidenti alla borghesia ladra, bugiarda, infame, luida! ». Ma ci siamo, la compra.

« Oh Serchio nostro! Dunque, no ­stro. Siamo decisi… il Dio di Mariù mi aiuterà. E avrò conquistato il mio ni ­do con gran fatica. A proposito, fa che non si sappia, specialmente pei giorna ­li, l’acquisto che è destinato a farsi: ho parenti! ». E’ un urlo che viene dal cuore. Ed è l’ombra del bugiardo Peppino, che torna a riaffacciarsi, a sca ­denze improrogabili come le cambiali, all’anima del povero, angustiato Zvanì.


Letto 1197 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart