Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Tornano nuove le parole di Tecchi

3 Ottobre 2013

di G. Barbiellini Amidei
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, domenica 30 marzo 1969]

Era vecchio Bonaventura Tecchi? Con il metro della longe ¬≠vit√† odierna, non si direbbe: aveva compiuto settantadue an ¬≠ni da appena un mese quando √® morto alla fine di marzo del 1968. A parlarne adesso, nella lontananza dei toni, un anno dopo, potrebbe sembrare un ve ¬≠gliardo. Il filologo, il professo ¬≠re d’universit√†, il narratore so ¬≠no difficili da collocare nella nostra societ√† letteraria: il mo ¬≠ralista poi, con quella sfida di chiarezza e di bont√† rischia la censura di un’alzata di spalle.

Eppure dietro questa prima banale impressione la rilettura di Tecchi pu√≤ serbare oggi sorprese di giovane attualit√†, forse fino a ieri insospettabili in questo autore di parca, mi ¬≠surata genialit√†. Liberatosi dall’obbligo del necrologio, il di ¬≠scorso pu√≤ andare veloce all’interesse critico: romanziere cristiano e provinciale, di una particolarissima provincia etrusca che fu la prima civilt√† ita ¬≠liana, trapiantato per scelta di studi nell’isola tedesca di Schil ¬≠ler, di Goethe, di Rilke, ma anche di Chamisso e di Hoffmann, Tecchi offre una testi ¬≠monianza esemplare alla que ¬≠stione della narrativa moderna italiana, anemica di spirito po ¬≠polare.

La provincia liberale e cat ¬≠tolica con Tecchi ha letto e viaggiato lungo alcuni itinerari europei gi√† collaudati, e ha riproposto un linguaggio essen ¬≠zialmente semplice, legato alla rappresentazione di poche tra ¬≠dizionali verit√†: il male, l’egoi ¬≠smo, l’orgoglio, la sensualit√† su un versante, l’amore, lo spirito fraterno, il sacrificio, la mode ¬≠razione sull’altro. Tale rappre ¬≠sentazione ha saputo con Tec ¬≠chi divenire popolare? Questa √® la domanda che nella distan ¬≠za critica si pone, mentre la frivola attenzione della societ√† letteraria √® tutta rivolta a ben altri temi, limitati e rea ¬≠zionari, e si preoccupa di man ¬≠tenere stretti i cordoni della propria incomunicabilit√† contro l’asfissiante pericolo della cul ¬≠tura.

La narrativa di ispirazione cristiana, se ancora sopravvive in Italia, ha contribuito assai poco agli sporadici tentativi di creare le basi di una lettera ­tura nazional-popolare, alla cui assenza giustamente Gramsci imputava la fragilità della no ­stra cultura. Le infatuazioni de ­cadenti e modernistiche hanno di volta in volta condotto molti autori cattolici direttamente dalla parrocchia al salotto, sen ­za passare per la piazza. Gli esili buoni propositi edificanti di altri sono sempre rimasti nel ­la strada breve fra la parroc ­chia e la libreria del patronato.

Ecco perch√© diviene impor ¬≠tante la risposta di Tecchi: narratore di lunga tenuta, egli √® certamente arrivato a quella difficile soglia dove la lettera ¬≠tura torna ad essere popolare, dopo i tre rifiuti dell’epoca rea ¬≠zionaria, di quella illuministica e di quella romantica. Lo si ve ¬≠dr√† pi√Ļ chiaramente fra qual ¬≠che anno, ma gi√† lo si legge in alcune tendenze anticipatri ¬≠ci della moderna letteratura eu ¬≠ropea. Se ci si alza sopra la mischia dell’ultimo sperimenta ¬≠lismo e della routine professio ¬≠nale del consumo, si vedono li ¬≠bri in Francia, in Russia, negli Stati Uniti che restituiscono al romanzo il linguaggio della metafora e della rappresentazione morale, che gremiscono le loro trame delle grandi presenze ca ¬≠re al giudizio popolare, il bene e il male, la punizione e il per ¬≠dono, la conclusione equa, la purificazione, la felicit√†, la pa ¬≠ce, il senso di Dio, la tradi ¬≠zione.

Tecchi era gi√† in questo fiu ¬≠me, che trascina con s√© grandi romanzi e quieti libriccini, ope ¬≠re oneste e capolavori rari? Egli aveva la prospettiva etica e storica necessaria per collo ¬≠carsi in questo ritorno alla nar ¬≠rativa popolare. La cultura ma ¬≠turata con i ritmi di una lun ¬≠ga professione di studi univer ¬≠sitari e non nei tempi brevi delle infarinature polemiche, gli consentiva una pacata scel ¬≠ta del cammino da battere: pu√≤ esserne esempio il suo rapporto interpretativo – assi ¬≠milativo con Goethe, visto co ¬≠me autore moderno, profetico e religioso. L’ironia viterbese, contadina, del suo paese nata ¬≠le, dove tornava per le pause creative, lo proteggeva dai ri ¬≠succhi che il romanticismo mi ¬≠naccia a chi lo studia senza disprezzo e anzi cerca di co ¬≠gliere dove in esso avvenne la rottura fra intenzioni e popo ¬≠larit√†. La campagna della Tu ¬≠scia aiutava Tecchi a cogliere anche il realismo √Ę‚ÄĒ atti, gesti, preghiere, liturgie, preti, altari, santi √Ę‚ÄĒ della religione cattoli ¬≠ca: e questo realismo ha dife ¬≠so lo scrittore contro i pericoli di fragilit√† sentimentale e di dissipazione edificatoria propri del romanzo moralistico.

L’ultimo libro che l’autore ha lasciato, postumo, Il senso degli altri (ed. Bompiani) √® una raccolta di brevi saggi, quasi confidenze, preghiere: ma proprio questo quaderno di la ¬≠voro conferma che la critica corrente non ha inteso affatto Tecchi, quando lo ha collocato fra gli onesti narratori di una generazione di mezzo. Io qui non discuto sulla resa dei sin ¬≠goli romanzi, sulla lingua, sul taglio delle pagine, sui perso ¬≠naggi, sulla continuit√† dell’ispi ¬≠razione. Ci√≤ che interessa regi ¬≠strare √® la lucidit√† del reali ¬≠smo morale, la scienza del do ¬≠lore e della giustizia, della sim ¬≠patia e del rigore. La concre ¬≠tezza con la quale egli ha par ¬≠lato di valori resi vacui dal mo ¬≠do con il quale una societ√† e una cultura li stava sfruttando e divorando, caratterizza tutta la sua produzione.

E’ certamente qui la giovi ¬≠nezza della quale si diceva. Tec ¬≠chi aveva intuito che, dietro le vetrate del minuetto romanti ¬≠co, quelle stesse parole (giusti ¬≠zia, morale, salvezza, dannazio ¬≠ne), sciupate per la piccola pla ¬≠tea mondana, erano le protago ¬≠niste di un grande inesausto dramma popolare. E ad esse ha affidato tutta la lunga roca vo ¬≠ce del suo narrare, come face ¬≠vano i cantastorie della sua Antica Terra.

L’urto che oggi con la prote ¬≠sta giovanile squassa l’arcadia intellettuale e chiede pi√Ļ pro ¬≠fonde verit√† non avrebbe sor ¬≠preso Tecchi. Nei propri libri in fondo aveva imparato a pre ¬≠gare. Questi giovani che impre ¬≠cano sono meno lontani dalla preghiera di un romanziere cri ¬≠stiano che dal sonno di un sag ¬≠gista della tecnocrazia.


Letto 1580 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart