Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: “Il Partigiano di Piazza dei Martiri” di Enzo Barnab√† – Infinito edizioni

7 Luglio 2013

(Storia del partigiano che combatté i nazisti e finì appeso a un lampione)

di Francesco Improta

Recensendo il primo romanzo di Enzo Barnab√†, Il ventre del pitone, avevo avanzato un’ipotesi, che allora poteva sembrare azzardata ma che oggi ri ¬≠sulta sempre pi√Ļ credibile. L’autore, a mio avviso, dopo un passato di sto ¬≠rico e di linguista stava diventando un narratore di buon livello e di note ¬≠vole impatto e Il partigiano di Piazza dei Martiri conferma in pieno tale ipotesi. Non che la Storia, quella per intenderci con la S maiuscola, sia as ¬≠sente o rimanga sullo sfondo in questo libro; il titolo, del resto, rimanda in maniera precisa e puntuale a un periodo storico veramente tragico: la se ¬≠conda guerra mondiale, l’occupazione nazista, la guerra civile, le dela ¬≠zioni, le torture e le esecuzioni sommarie. Non mancano neppure rife ¬≠rimenti espliciti al nostro paese governato (siamo nel 2003) da un clown incipriato o alla ex Iugoslavia, alle ferite profonde che hanno lacerato non solo il territorio, diviso e frammentato, ma anche il tessuto sociale, morale e culturale di un popolo tanto orgoglioso quanto dignitoso. Non basta, an ¬≠che la costruzione del romanzo si avvale di un metodo decisamente sto ¬≠riografico, basato su indagini e ricerche di documenti e testimonianze che portano il protagonista della vicenda ad attraversare tutta o quasi la pe ¬≠nisola e a spostarsi persino in Croazia, in Montenegro e in Slovenia. Senza contare che questi documenti e testimonianze, corredate da numerose ed eloquenti fotografie, figurano alla fine del libro, in una ricca e significativa sezione iconografica. A mio avviso, per√≤, si tratta soprattutto di un viaggio sentimentale nell’accezione pi√Ļ ampia del termine, in cui Giulio, il prota ¬≠gonista, nella ricerca affannosa del padre, di cui aveva sofferto a tal punto la mancanza da inventarselo o prenderlo in prestito, scopre se stesso e matura una nuova coscienza civile, politica e morale.

Romanzo, quindi, di formazione potremmo dire, solo che Giulio √® ormai un sessantenne in pensione e non un giovane di belle speranze. Trasferitosi appena dodi ¬≠cenne dalla natia Sicilia nell’uggiosa Milano con la madre che non aveva potuto sposare il suo amato, partito subito dopo averla messa incinta per la guerra e dato per disperso durante la campagna di Russia, Giulio era ri ¬≠masto sempre insieme a lei, ricambiando il suo affetto viscerale e limi ¬≠tando i suoi rapporti con le donne a relazioni di breve durata, di scarsa importanza ed esclusivamente sessuali. Quello di Giulio √® un cuore in inverno, volendo citare il titolo di un bellissimo film di C. Sautet, un cuore freddo, incapace di aprirsi agli altri, tutto pieno dell’ingombrante presenza della madre, tanto da far nascere il sospetto di un amore incestuoso. La sua vita scorre monotona come un lungo fiume tranquillo, fino a quando un amico con cui divide il tempo libero e l’amore per il tennis, gli dice che durante una gita a Dubrovnik aveva saputo da un vecchio generale, cono ¬≠sciuto per caso, che suo padre aveva combattuto non in Russia ma tra le file dei partigiani slavi. Incuriosito Giulio si reca sul posto per contattare il generale e raccogliere informazioni.

La sua vita √® completamente scon ¬≠volta; il padre, che egli non aveva mai conosciuto e del quale sapeva solo ci√≤ che gli altri gli avevano detto, gli appare sotto una luce nuova e anche il freddo o meglio l’indifferenza che alberga nel suo cuore comincia len ¬≠tamente a sciogliersi. Capisce, attraverso le parole accorate ma risolute, del generale l’importanza, meglio ancora la necessit√†, di inseguire un’idea per quanto utopica possa sembrare. Se √® vero, infatti che l’utopia √® irraggiun ¬≠gibile come l’orizzonte – nel senso che pi√Ļ si avanza pi√Ļ esso si allontana – √® altrettanto vero che essa serve per continuare a camminare, per non fer ¬≠marsi e farsi schiacciare da ci√≤ che gli altri √Ę‚ā¨‚Äú pochi in verit√† – decidono. Giulio inizia allora un viaggio a ritroso nel tempo nel tentativo di sistemare i pochi tasselli di cui dispone e di far affiorare finalmente la verit√†. In que ¬≠sto viaggio gli √® vicino Ea, una donna dal corpo morbido e accogliente, (questa √® la prima impressione di Giulio), che sia pure con difficolt√†, len ¬≠tamente, facendo leva sulla sua pazienza e sulle sue qualit√† umane e mo ¬≠rali, coopera a quell’opera di completo disgelo del suo cuore iniziata dal generale e proseguita attraverso successive scoperte e rivelazioni.

La scrittura √® eccessivamente lineare, nel senso che √® troppo aderente alle cose, ai fatti per respirare e lasciar intravedere sfumature, gradazioni e to ¬≠nalit√†, capaci di cogliere e assaporare tutte le emozioni e le memorie, che affiorano a fatica dal buio del passato e dal gelo del suo cuore. Frutto probabil ¬≠mente della sua formazione storica che gli impedisce di vagheg ¬≠giar parole anche se Enzo Barnab√†, come ho detto all’inizio, ha ormai scoperto ed affinato il gusto dell’intreccio e delle invenzioni narrative. Ci sono, comunque, delle espressioni dialettali, o che del dialetto conservano la cadenza e la struttura sintattica, che conferiscono colore e vivacit√† alla prosa, penso in particolare a ‚Äúcalati juncu ca passa la china‚ÄĚ, un proverbio di sapore popolare che richiama alla mente, nell’invito a piegarsi e non a spezzarsi, nelle emergenze e nei momenti di necessit√†, la ginestra di me ¬≠moria leopardiana.


Letto 6658 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Commento by nemo — 1 Agosto 2013 @ 00:20

    Una recensione sapiente della storia narrata e della qualità della scrittura, che invita a leggere il libro (anche per poi confrontare i giudizi ).

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart