Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Il soldato

29 Aprile 2008

di Gian Gabriele Benedetti

[Oltre a numerosi libri di poesia, ha pubblicato la raccolta di racconti “Paese”, Lalli Editore, 1986]

 
Stanco, il soldato, sfuggito alla disfatta, si fermò sulla collina a due passi da casa. In fondo il paese, raccolto e accoccolato alla pendice, era lì ad attenderlo. Il sole, al tramonto, mandava lampi rossastri dai vetri e allungava le ombre precoci.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Aveva camminato giorni interi per terre sconosciute; aveva attraversato valli oscure e scavalcato monti alti quanto il cielo. Portava con s√© l’ansia soffocante del ritorno e l’eco malvagia della guerra col suo rosario interminato di rovina e di morte. Aveva le vesti logore e strappate, le scarpe consumate e rotte, gli occhi tristi come laghi d’inverno e il cuore gonfio.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Aveva sparato e ucciso. Cos√¨ gli avevano ordinato di fare, ma non sapeva il perch√©. Aveva ucciso giovani come lui, ai quali aveva tolto le ali per il volo della vita. Aveva ucciso dei suoi simili che non avrebbero pi√Ļ fatto ritorno agli odori buoni ed agli affetti delle case, ora smarrite di dolore. Era passato come un automa sopra corpi straziati dai volti cerei, rappresi, dove il sangue pareva aver giocato con beffarde fioriture di rubino; aveva visto sguardi sbarrati simili ad estreme patene di terrore; era stato dilaniato dentro dalle grida laceranti e dai lamenti pietosi dei feriti, e quelle grida e quei lamenti lo perseguitavano ogni momento e lo facevano impazzire. Perch√©, poi si domandava, lui era stato preservato? Sapeva di aver giocato pesantemente col destino, ed aveva vinto. E cos√¨ ritornava, lui fortunato, anche se non da eroe. Ritornava, ma aveva l’animo avvilito, piagato, offeso, umiliato, e l’angoscia pi√Ļ profonda lo invadeva.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Aveva mille e mille volte sognato questo momento, che temeva non venisse mai, eppure, ora, non provava appieno quella gioia e quell’ebbrezza immaginate nei lunghi anni della guerra e che lo avevano portato a sopravvivere. Era sopraffatto inesorabilmente, oltre che dalle immani sofferenze, oltre che dalle paure, oltre che dalle atrocit√† cucite nella pelle, da dubbi pesanti, da pensieri di polvere, da sconforto desolante, da incertezze infinite, che lo ferivano come artigli aguzzi addosso.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† In quell’inferno aveva lasciato tutta la sua giovent√Ļ e si sentiva come un vecchio tronco ferito, senza pi√Ļ entusiasmo per l’avvenire. Era spogliato d’ogni scopo e senso. Avvertiva maledettamente il vuoto dentro e intorno a s√© e mai come in quel momento si sent√¨ solo, solo col suo fardello di afflizione e di travaglio.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† La sera, intanto, progredita con passi felpati, si apprestava ad offuscare il pudore delle cose. Il paese, sfumata la carezza rosa dell’ultimo sole, s’era fatto macchia scura, indistinta. Qualche rara finestra cominciava ad accendersi di lumi fiochi. Il bosco lontano, sul declivio opposto, vaporava l’estremo gemito compatto di colore e s’acquattava sonnolento nel primo buio e nel linguaggio del suo mistero. Nella filigrana ormai sbiadita dei prati, al calare deciso dell’ombre, prese a dilatarsi la nenia dei grilli, che ruppe il gocciolio denso del silenzio. Si svegli√≤ improvvisa anche la brezza col suo tremore carezzevole di mani non viste. Il quarzo acceso della luna non tard√≤ a spuntare dal davanzale nero dei monti: tinse subito di bianco le case e ricam√≤ angoli segreti con fili d’oro pallido. Vibr√≤ imprevista la campana grossa dal vecchio campanile a ricordare l’Ave Maria. E quel suono largo e dolce ondeggi√≤ tardo e si sparse nell’aria inquieta fino a stamparsi nel cuore del soldato.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Uno struggimento sconfinato lo afferr√≤ e gli serr√≤ la gola. Il pianto dirotto e caldo lo vinse. Si port√≤ le mani al viso e si copr√¨ gli occhi, ch√© nessuno vedesse le sue lacrime, neppure la notte. Pianse a lungo sconsolato. Quando si riprese, lo sguardo umido gli mostr√≤ ai suoi piedi il paese ammorbidito di luna. E solo allora cap√¨ che il peggio se n’era andato, che tutto era finito per davvero e che tutto, forse, poteva ricominciare daccapo.


Letto 2505 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Pingback by Fontan Blog » LETTERATURA: Il soldato - Il blog degli studenti. — 29 Aprile 2008 @ 07:25

    […] susannacanessa: […]

  2. Pingback by Appunti Blog IT » LETTERATURA: Il soldato — 29 Aprile 2008 @ 21:29

    […] susannacanessa: […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart