Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Le metamorfosi feline simboliste nei racconti di Mauro Cristofani

7 Settembre 2009

di Stefano Maleci

¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Da sempre, forse, e soprattutto a partire dalla novellistica antica di un Esopo o di un Fedro √Ę‚ā¨‚Äú senza voler sconfinare in quella extraeuropea del Pancantara o della tradizione africana √Ę‚ā¨‚Äú fino a quella sette-ottocentesca che occupa ormai una posizione stabile nella nostra letteratura per l’infanzia, gli animali sono stati mascherati da umani e gli uomini hanno loro prestato sentimenti, vizi e virt√Ļ da idealizzare o stigmatizzare: questo ne ha fatti personaggi fissi di una commedia, di una scena della vita in cui essi, contro ogni verosimiglianza, si muovono in comunione ed in armonia con i caratteri e gli spiriti nostri propri. Altri autori, a noi pi√Ļ prossimi nel tempo, hanno invece sottolineato un’ ‚Äúautonomia‚ÄĚ, un ‚Äúessere altro‚ÄĚ degli animali, collocandoli in un universo contiguo, spesso intersecato col nostro, ma pur sempre ‚Äúdiverso‚ÄĚ, affascinante per il suo mistero e la sua ambiguit√†, e tutto da indagare, giorno dopo giorno, in un costante e silenzioso dialogo intimo: un nome fra tanti, ma indubbiamente significativo, potrebbe essere quello della francese Colette.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† A met√† strada fra il protagonista della favola (proverbialmente astuto, agile e sornione, esigente, egoista e vanitoso) e la splendida belva, compagna discreta ma dal profondo interiore, della letteratura e dell’arte primo Novecento, sta il ‚Äúgatto‚ÄĚ √Ę‚ā¨‚Äú che oserei dire ‚Äúmetamorfosi felina simbolista‚ÄĚ √Ę‚ā¨‚Äú di Mauro Cristofani, uno scrittore e pittore la cui preziosit√† di uno Jugendstil immaginifico si unisce alla sensibilit√†, talora lievemente decadentistica e morbosa, per lo scavo psicologico.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† L’autore pare instaurare un gioco sottile nei suoi racconti, che consiste nel portare il lettore a chiedersi: fin dove giunge l’ ‚Äúanimalit√†‚ÄĚ di questi gatti e dove comincia il loro cosmo ‚Äúsuperumano‚ÄĚ o ‚Äútransumano‚ÄĚ, una sfera dalle labili comunanze con le persone, uno stadio di primigenia purezza sensitiva e sensuale? Ovviamente la domanda √® destinata a rimanere senza risposta, sotto la continua metamorfosi, o meglio metempsicosi, di questi felini che filosofeggiano di amore e di sogni, che ambiscono a ‚Äúsentirsi in perfetta sintonia con la natura e le cose‚ÄĚ come saggi bonzi, ma che pur sono capaci di feroci vendette da Erinni bestiali.
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Il gusto di esplorare le ragioni pi√Ļ recondite del comportamento di questi mici tutt’altro che domestici, il seguirne puntigliosamente le movenze e gli scatti umorosi, il tradurne la banale apparenza in gestualit√† dalla quasi spiritica evanescenza, fa di queste storie dei quadri sospesi fra il miniaturismo di un Klimt e la visionariet√† di un Redon. Niente di meno ingenuo, dunque, della favola, sia nel contenuto che nello stile, dove la meticolosa oggettivazione ha proprio il sapore di un accostamento di tessere laminate o di tarsie complicate, anzi di cromatiche embricature alla Moreau. ¬†
¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Anche qui, come nei precedenti ‚ÄúRacconti fantastici‚ÄĚ, lo scrittore dipinge eloquentemente ed il pittore parla visivamente: entrambi generano un lussureggiante mondo che sfugge alla razionalit√† ma che ben si coglie con l’affinamento dei sensi; la gustosit√† di tali brani, del resto, consiste quasi esclusivamente in una prova di continua sollecitazione sensoriale attraverso l’esperienza dell’immaginifico e del fantastico. Quasi sembra di poter avvertire, a compimento dei racconti, quell’ironico e ammaliante sorriso del gatto del Cheshire (ricordate ‚ÄúAlice nel Paese delle Meraviglie‚ÄĚ di Lewis Carroll?) che ci invita a sognare e a far del sogno una nuova realt√†.

Stefano Maleci, fiorentino, √® filologo classico e studioso di paleografia greca e latina. Accanto alla passione per le letterature antiche, coltiva svariati interessi, come il canto e la musica, particolarmente rinascimentale e barocca, la storia dell’arte e della miniatura, la poesia, in special modo quella secentesca ed ermetica. Vincitore e finalista in molti concorsi letterari, nazionali ed internazionali, ha sempre ricercato con la sua poesia uno stretto rapporto che la leghi alle altre arti.
Nel 1995 ha pubblicato ‚ÄúTre canti pagani‚ÄĚ, nel 1997 la raccolta ‚ÄúTurris eburnea‚ÄĚ; molti suoi lavori sono presenti anche in varie antologie.

Letto 1144 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart