Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Ottantenni scatenati rivendicano il diritto a una nuova primavera

31 Marzo 2012

di Stefania Nardini

Ma chi l’ha detto che un gruppo di ottantenni dovrebbe trascorrere il suo tempo su una panchina? Chi l’ha detto che a ottant’anni bisognerebbe rinunciare al futuro? Dove è scritto che in età matura è finita la stagione dell’amore? A dire no a questi stereotipi che alimentano emarginazione e solitudine è Angelo, romano, ex partigiano che tendeva agguati ai convogli tedeschi. Uno come tanti   pensione minima, il conto della spesa che è una scommessa, gli infiniti disagi di una vita che rende a chi ha i capelli bianchi tutto complicato, faticoso.

Angelo si incazza di fronte alle ingiustizie del welfare all’italiana che ogni giorno mortifica la sua esistenza. Ma al centro anziani della Montagnola ha i suoi amici, e tutti insieme decidono di rendere più piccanti le loro giornate. Così decidono di organizzare un attentato a Berlusconi. Lo fanno con i mezzi che hanno e tanta fantasia. Si allenano, fanno piani, si mettono perfino a dieta.   Angelo trova addirittura il tempo di innamorarsi di una sua vecchia fiamma.

Fabio Bartolomei con “La banda degli invisibili” (ed E/O) non ci offre solo lo spaccato della realtà, ma una denuncia nella quale c’è la rivendicazione del diritto alla vita. Un libro che sa essere amaro e divertente. Che ti strappa una risata ma anche considerazioni su questo nostro paese che nel suo mito dell’esteriorità è davvero violento con chi non deve stare in pista.

Questi vecchi che spiegano a un giovane della sezione comunista come si fa la politica, o che si inventano un falso medico con tanto di ricettario per evitare le burocrazie non fanno solo tenerezza, ma ci dicono quante energie sono dimenticate e umiliate.

Angelo in ogni capitolo modifica il suo testamento. I cambiamenti che apporta sono l’evoluzione dell’esperienza che sta vivendo. Amicizia e la solidarietà scorrono come linfa vitale in un cespuglio capace di germogliare in una nuova primavera. Riusciranno nell’attentato a Berlusconi? Scopritelo leggendolo. Una storia, quella narrata da Bartolomei, che in alcuni tratti ci fa porre la domanda:

“sarà così anche per me la vecchiaia?”. Ma poi arriva la risposta dal suo eroe, Angelo, un ex giovane col tarlo della vita anche a ottant’anni.

(dal “Corriere Nazionale”)


Letto 1512 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart