Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: STORIA: I MAESTRI: L’Italia del Seicento #7/10

2 Marzo 2009

di Panfilo Gentile
[dal “Corriere della Sera”, marted√¨ 25 novembre 1969] ¬†

L’Et√† barocca in generale non piace e certamente non piace n√© a Montanelli, n√© a Gervaso, dei quali esce in questi giorni un volume L’Ita ¬≠lia del Seicento (editore Rizzoli, 512 pagine, 3.500 lire) prosecuzione della loro fortu ¬≠nata e brillante iniziativa di ¬≠retta a sostituire la veneranda ma incanutita opera del Cant√Ļ. In confidenza, l’Et√† baroc ¬≠ca non piace nemmeno a me e ricordo d’avere spesso di ¬≠scusso questa mia avversione con il mio vecchio e compian ¬≠to amico Lorenzo Giusso, che invece di quell’epoca era innamorato e che era stato ca ¬≠pace di studiarsi a fondo Bru ¬≠no, Telesio e Campanella, fi ¬≠losofi di cui io non ho mai letto neppure un rigo.
Tuttavia, diverso √® il moti ¬≠vo della comune antipatia. Montanelli e Gervaso detesta ¬≠no il principio di autorit√† quale venne configurandosi nel Seicento nel nostro Paese ca ¬≠duto in parte sotto il dominio o l’influenza della Spagna.
L’Italia √® rimasta frantumata in una molteplicit√† di staterelli e per questo senza voce nel mondo dominato da tre grandi potenze – ¬† ¬† ¬† Spagna, Austria e Francia – e in un certo momento addirittura da due sole, fin tanto che gli Absburgo furono i signori d’Austria e di Spagna. Sar√† il lun ¬≠go periodo dei Vicer√©, circa un secolo e mezzo, consacrato al pi√Ļ nero oscurantismo e al ¬≠la pi√Ļ sonnolenta servit√Ļ.
Ci√≤ √® esatto ma non m’in ¬≠duce a condividere i severi giudizi di Montanelli e Ger ¬≠vaso. Il dominio spagnolo te ¬≠tramente cattolico, politica ¬≠mente autoritario, retoricamen ¬≠te feudale, anacronisticamente cavalleresco, in realt√†, non aveva sottomesso, confiscato la libert√† di nessuno, ma si era sostituito all’anarchia. In proposito non si deve prendere per vero e reale l’ordine co ¬≠stituitosi nel Sud fin dall’epo ¬≠ca dei Normanni e conserva ¬≠tosi poi sotto gli Svevi, gli Angioini e gli Aragonesi. Le monarchie, senza radici nel Paese, mal servite da una feudalit√† pulviscolare e ribelle, sempre contestate e disputate tra concorrenti bellicosi, sen ¬≠za forza militare propria, co ¬≠strette quasi sempre a servirsi di mercenari e capitani di ven ¬≠tura, e infine povere tanto da non poter pagare spesso nem ¬≠meno le soldatesche e i loro capi, non ebbero quasi mai un’autorit√† effettiva ed il Rea ¬≠me fu per secoli abbandonato a se stesso. Solo quando per caso il trono fu dalla sorte as ¬≠segnato a qualche principe di grande statura, vedi ad esem ¬≠pio Alfonso d’Aragona, il Sud fu per brevi e intermittenti periodi amministrato come uno Stato sotto un potere centrale efficiente.
 

*

L’arrivo dei Vicer√© fu una vera fortuna. Del resto Bene ¬≠detto Croce, in quel capolavoro che √® la Storia del Re ¬≠gno di Napoli, ha insegnato: ¬ę Alla duplice esigenza, da cui era nato, la protezione del ter ¬≠ritorio e la sottomissione del baronaggio politico e semiso ¬≠vrano, alla sovranit√† dello Sta ¬≠to, non fall√¨ il viceregno, cio√® il governo spagnuolo nell’Ita ¬≠lia meridionale; e questo dop ¬≠pio ufficio storico come spie ¬≠ga la sua origine, cos√¨ rende ragione della sua lunga du ¬≠rata ¬Ľ.
Croce confut√≤ pure la leg ¬≠genda dello sfruttamento e del fiscalismo spagnolo. Ho gi√† avuto occasione poi di segna ¬≠lare l’opera di Virgilio Titone, il quale, per quanto concerne la Sicilia, ha dato la prova contabile che la Spagna aveva fatto un cattivo affare a met ¬≠tersi ad amministrare l’Italia meridionale. Titone √® andato a ficcare il naso nei cosiddet ¬≠ti ¬ę riveli ¬Ľ. Erano questi una specie di denunzia Vanoni del ¬≠l’epoca, erano cio√® le dichia ¬≠razioni dei contribuenti dei lo ¬≠ro cespiti e del loro ammontare, sulle quali poi i funzionari annotavano la quota del tributo dovuto alla Spagna per i servizi che la Spagna eroga ¬≠va. I conti segnavano un passivo per la Spagna: riscuoteva meno di quel che spendeva.
Prima di avere imparato da Croce e da Titone quanto so ¬≠pra, io avevo avuto un vago presentimento che il regime vi ¬≠cereale, per quanto assistito da preti fanatici e da gendarmi sbrigativi, era stato anche una epoca di relativa prosperit√† economica. E pi√Ļ esattamente me ne ero accorto, quando, essendo stato incaricato di compilare una specie di inven ¬≠tario dei monumenti artistici della provincia di Chieti, ave ¬≠vo potuto constatare che in quella regione il muratore s’e ¬≠ra fermato a Federico II. Do ¬≠po Federico bisognava fare un salto appunto fino al Seicento per ritrovare la testimo ¬≠nianza di un certo risveglio edilizio. Ci√≤ vale anche per tutte le citt√† del Mezzogiorno, che ancora oggi presentano un monumentale barocco. Chiese, fontane, palazzi pubblici e privati, edifici nuovi e, ahim√®!, rifacimenti degli antichi datano tutti dal Seicento in poi. E, come si sa, il mu ¬≠ratore √® chiamato solo quando ci sono riserve economiche no ¬≠tevoli.
 

*

Per quanto il volume sia in ¬≠titolato all’Italia del Seicento, Montanelli e Gervaso, tuttavia nella stesura dell’opera, hanno straripato ed hanno finito per darci una succinta ma intelli ¬≠gente veduta panoramica di tutta l’Europa e anche delle sue appendici transoceaniche, le quali proprio in questo se ¬≠colo ebbero il loro sviluppo. Aggiunger√≤ che non si poteva meglio ricapitolare, in poche pagine, questo grande fenome ¬≠no della conquista del nuovo continente e sottolinearne il diverso genio che guid√≤ gli ispano-portoghesi da un lato e gli anglo-sassoni dall’altro.
Montanelli e Gervaso anche in questo volume si sono di ¬≠mostrati buoni storiografi, per ¬≠ch√©, pur non sentendosi con ¬≠geniali con l’epoca, hanno fat ¬≠to una passeggiata in questa Europa, tutto sommato sgra ¬≠devole, cercando di inventa ¬≠riarne invece con generosa buona volont√†, gli aspetti en ¬≠comiabili. Il Seicento non √® solo infatti il secolo delle ac ¬≠cademie, nelle quali l’umane ¬≠simo rinascimentale decade nella pedanteria condita di va ¬≠nit√† erudita e di spirito cor ¬≠tigiano, non √® solo il secolo dei gesuiti, che fanno da sen ¬≠tinella alla servit√Ļ intellettua ¬≠le. E’ anche, quasi per contra ¬≠sto, il secolo in cui nascono modernamente il libero pen ¬≠siero e la ricerca scientifica, √® anche il secolo di Galileo, di Cartesio, di Montaigne, di Pascal.
La libert√† di pensiero non fiorisce sul terreno della Ri ¬≠forma, che oppone solo un dogmatismo nuovo al dogma ¬≠tismo vecchio, ma da spiriti solitari, ora timidi, ora impertinenti, tuttavia sempre abbastanza coraggiosi per affer ¬≠mare la propria opinione per ¬≠sonale, al di sopra dei confor ¬≠mismi e degli anti-conformismi. ¬ę P√©laud√© de toutes mains – diceva Montaigne – j’estois gibelin aux guelfes et guelfe aux gibelins ¬Ľ. Povero Montaigne, che ad un certo mo ¬≠mento ebbe paura del suo co ¬≠raggio, e poich√© le gerarchie ecclesiastiche francesi avevano manifestato il loro malumore per gli Essais, egli allora, temendo che della cosa s’inte ¬≠ressasse l’Inquisizione, pur es ¬≠sendo vecchio, malandato ed afflitto da terribili calcoli vescicali, prese la via di Roma, via quanto mai penosa per chi doveva affrontarla sui mezzi di trasporto allora disponibili.
Per sua fortuna, Montaigne trov√≤ nei Padri del Tribunale dell’Inquisizione un’accoglien ¬≠za benigna e sorridente. ¬ę Non preoccupatevi – signor Mon ¬≠taigne, gli dissero, battendogli amichevolmente una mano sul ¬≠la spalla. – Non preoccupa ¬≠tevi dei vostri Saggi, non vi daremo nessuna noia ¬Ľ. E Montaigne potette prendere la via del ritorno, oramai rassicurato ed entusiasta della tol ¬≠leranza di quei buoni Padri.
Meno tollerante fu Luigi XIV con i discepoli di Pascal che si davano appuntamento a Port-Royal. Quelle monache linguacciute e grafomani, que ¬≠gli avvocati controversisti e cavillosi puzzavano di giansenismo. Luigi XIV and√≤ per le svelte: fece radere al suolo il convento. Per nostra fortuna pi√Ļ tardi Sainte-Beuve lo re ¬≠suscit√≤ con tutti i suoi ospiti.
Montanelli e Gervaso in questa rassegna della cultura seicentesca non hanno dimen ¬≠ticato nessuno, o, per meglio dire, hanno dimenticato un so ¬≠lo nome: Fontenelle. Non si tratta di uno scrittore minore. Non fu un Saint-√Čvremond, del quale oggi in Francia si leggono esaltazioni eccessive. In Fontenelle, c’√® gi√† tutto Voltaire. Fontenelle √® il grande maestro della filosofia liberti ¬≠na, precedendo Voltaire nella indipendenza e spregiudicatezza del giudizio, nella versati ¬≠lit√† delle curiosit√†, nell’ama ¬≠bilit√† e nell’eleganza conversativa dello stile, espressione accessibile di una cultura sa ¬≠lottiera, diretta da uomini di mondo, in che stette il segreto della sua facile espansione co ¬≠smopolitica.
Non sono sicuro per√≤ che la dimenticanza di Montanelli e Gervaso sia veramente tale. Fontenelle appartiene a egua ¬≠le titolo tanto al Seicento, quanto al Settecento. Il no ¬≠stro uomo infatti ebbe la for ¬≠tuna e l’abilit√† di vivere fino a novantanove anni compiuti. Nato nel 1657, morto nel 1757 fu a cavallo tra i due secoli. Fu un ornamento del regno di Luigi XIV e del regno di Lui ¬≠gi XV. Fu contemporaneo di Cartesio e degli Enciclopedi ¬≠sti. Perci√≤ Montanelli e Ger ¬≠vaso possono forse essersi ri ¬≠servati legittimamente di par ¬≠larne nel prossimo volume del ¬≠la loro storia.
Una segnalazione pratica. Superfluo raccomandare il li ¬≠bro per la piacevolezza della lettura, perch√© quando in un’opera ci mette le mani quel diavolaccio di Montanelli, si pu√≤ essere sicuri che non ci si annoia. Avverto invece che il volume pu√≤ servire anche come libro utile di consulta ¬≠zione, perch√©, nella sua lim ¬≠pida concisione, esso offre un’informazione completa dei fatti memorabili dell’epoca.

 

 


Letto 2283 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 2 Marzo 2009 @ 10:26

    Quel diavolaccio di Montanelli ha scritto un’opera monumentale, La storia di Italia dai Greci all’era Berlusconi. A fronte di un incredibile successo editoriale il mondo accademico l’ha sempre snobbata, cosa di cui Montanelli ha sofferto, in segreto, non poco. Secondo me, che ne sono stato un fervente lettore, essa si segnala per acutezza investigativa, stile giornalistico agile e asciutto e impeccabile rivisitazione di fonti. L’ho letta, dicevo, quella Storia decine di volte, sempre trovandovi spunti per capire l’Italia di oggi. Indimenticabile, in questo volume dedicato al Seicento, l’individuazione del contrasto fra obbligo del fare(come precursore del godimento della Grazia) che ha prefigurato il calvinismo anglosassone e l’immobilismo controriformista, prettamente latino. Montanelli √® narratore partecipe, spesso dolente, a volte sarcastico, di frequente indignato, di fatti e gesta di uomini ( per lui la Storia √® patrimonio delle grandi individualit√†, non delle masse), specialmente di un periodo quale il Seicento in cui lo storico, ma a questo punto direi il cittadino Montanelli, assiste, insieme a Gervaso, allo sfascio dell’Italia per mano di una dominazione cieca e parassitaria e al tramonto delle sue libert√† rinascimentali, con un picco di accorata mestizia quando si tratter√† di riferire sugli ultimi Medici di Toscana.
    Ancora oggi,quando mi capita di dover consultare argomenti storici, pur disponendo della monumentale Opera del Barbagallo e di altre, illustri ma riferite a determinati periodi, l’occhio va sempre ai volumi di Montanelli.Un grande giornalista e scrittore ma soprattutto un grande italiano.
    Che la terra ti sia lieve, caro, grandissimo Indro.

    Carlo Capone

  2. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 2 Marzo 2009 @ 11:37

    Complimenti Carlo, oltre che per questo commento, per l’opera del Barbagallo, che possiedi, prestigiosa. Io possiedo la Storia d’Italia della Utet.

  3. Commento by Carlo Capone — 2 Marzo 2009 @ 12:27

    Grazie Bart. L’opera del Barbagallo √® un lascito del mio caro babbo(bench√® napoletano lo chiamavo cos√¨….). E’ ferma al 29 e credo non ne siano stati stampati altri volumi. Alcuni tomi patiscono le ingiustizie del tempo, presentano ad esempio il dorso un po’ scollato. Ma non li tocco.

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 2 Marzo 2009 @ 12:52

    Un lascito del tuo babbo… Vale allora anche di pi√Ļ.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart