Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Titti Follieri, Piccoli smarrimenti quotidiani, Zona 2009

16 Agosto 2010

di  Marisa Cecchetti

Una raccolta di racconti, “Piccoli smarrimenti quotidiani”, dove Titti Follieri è attenta osservatrice dei comportamenti umani, dei sentimenti, ma non si escludono le cose, gli oggetti.  Il tema trasversale, sia pur presente in modo metaforico, è quello del viaggio, sintetizzato dal riferimento al quadro di Kandinskji, nell’omonimo racconto, dove tre cavalieri al tramonto avanzano su cavalli bianchi al galoppo. Viaggio reale e interiore. E’ proprio questo, con uno scendere sempre più a fondo nel buio dell’inconscio per riportare a galla qualcosa di rimosso eppure fondamentale, che dà densità alla prosa della Follieri. Si vuol portare un po’ di chiarezza nel magma, per arrivare alla consapevolezza del valore inestimabile della nostra libertà, al di fuori di ogni forma di oppressione, liberi da gabbie mentali. E’ uno stato di grazia che dà la possibilità di apprezzare “la gioia di abbandonarsi all’esistenza”, di vivere in modo pieno il rapporto col proprio corpo e con l’altro. Il culto dell’arte e della bellezza fanno tutt’uno con questo percorso, l’immaginazione e il sogno rimangono una cura per l’anima. Nei racconti, nonostante   un velo di malinconia, c’è il senso della preziosità di ogni giorno, finché possiamo vedere tramontare il sole.

Titti Follieri, Piccoli smarrimenti quotidiani, Zona 2009


Letto 998 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart