Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Lo strapotere della magistratura

5 Marzo 2011

Sembrava che me lo sentissi quando nella nottata tra il 2 e il 3 marzo scrivevo l’articolo “Due o tre cose”.

Di lì a qualche ora ecco, infatti, la sentenza della Cassazione a riguardo dell’attribuzione di competenza di un reato ministeriale (giudicava il caso Mastella). La Cassazione stabilisce che è compito esclusivo del tribunale decidere se per un reato commesso da un ministro (o dal presidente del Consiglio) la competenza sia del tribunale dei ministri o del tribunale ordinario.
Dunque, la casta ha sancito una circolarità che esclude ogni intervento del parlamento, che, come è noto, di leggi dovrebbe intendersene, visto che le fa.

Con la sentenza della Cassazione si statuisce definitivamente un potere che va oltre quello del parlamento. Da giovedì scorso il parlamento, se tanto mi da tanto, è stato collocato in subordinazione rispetto al potere giudiziario.

Un capovolgimento del dettato costituzionale che fa rabbrividire e che dovrebbe scuotere non solo le coscienze democratiche, ma tutti i parlamentari, di ogni schieramento, che la democrazia sono chiamati a salvaguardare da qualunque ingerenza. Il fortino del parlamento è assai più prezioso di qualsiasi altro venga edificato nel nostro Paese. Eppure oggi è il più fragile.

È diffusa ormai l’idea che i padri costituenti furono saggi nel momento in cui previdero con il vecchio art. 68 l’immunità parlamentare. Furono preveggenti. Sapevano che la magistratura poteva avere anche l’ambizione di mettere lo zampino sul potere del parlamento, e vollero costruire le mura in sua difesa.

Cadute le mura, le incursioni sono cominciate e si sono infittite sempre di più fino ad arrivare alla sentenza di giovedì scorso, che i media e gli stessi politici non hanno ancora valutato appieno nella sua disastrosa portata.

Un articolo di oggi di Franco Bechis, apparso su Libero, chiosa la sentenza come anticipatoria del trattamento analogo che sarà riservato al caso Ruby, per il quale sarà confermato lo stesso principio, ossia toccherà esclusivamente al tribunale di Milano stabilire se quello di Berlusconi sia un reato ministeriale o meno.

Ma, ripeto, la decisione della Cassazione va ben più in là. Incorona se stessa, con le proprie mani, a scapito del parlamento, al quale concede semplicemente una sudditanza generosa.


Letto 952 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart