Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Montecarlo, Fini si attacca con le unghie alla poltrona: colpa della famiglia

26 Ottobre 2012

di Clarissa Gigante
(da “il Giornale”, 25 ottobre 2012)

“Non ho intenzione di fare queste domande”. Michele Santoro non raccoglie del tutto l’invito de il Giornale a porre 11 domande precise a Gianfranco Fini.
Ma non rinuncia a parlare della questione e lo fa con la carica che lo caratterizza.

Incalza il presidente della Camera sulle annunciate (e mai messe in atto) dimissioni e sui documenti pubblicati negli ultimi giorni da L’Espresso. Il leader di Fli resiste, si attacca con le unghie alla poltrona, ma alla fine – quando Santoro gli fa notare che si sta giocando l’opinione dei cittadini – ammette, quasi amareggiato: “√ą una questione familiare”.

Nello studio di Servizio Pubblico, oltre a Fini, ci sono Matteo Renzi e Diego Della Valle. Dopo un monologo su Berlusconi iniziato con l’inno di Forza Italia, Santoro porta il dibattito sul ddl anticorruzione. Il presidente della Camera si lancia in un panegirico sull’opportunit√† di non candidare chi √® stato rinviato a giudizio o condannato in primo grado per particolari reati e su come lui sia “pulito”: “Condanne, zero. Rinvii a giudizio, zero. Avvisi di garanzia, zero”, afferma.

Santoro coglie la palla al balzo e tira fuori la questione della casa di Montecarlo. “Non tutto si pu√≤ risolvere sul piano penale”, afferma il giornalista, “Bisogna rapportarsi anche al piano morale”. E qui cita il video del 25 settembre 2010, quando il presidente della Camera prometteva dimettersi se si fosse dimostrata l’implicazione del cognato Giancarlo Tulliani nella vicenda. “L’ho detto con estrema chiarezza e non sono pentito di averlo detto”, dice oggi Fini, ribadendo che non si dimetter√† affatto. “Non sono stati trovati profili rilevanti. Tuttavia l’opinione pubblica si √® convinta che questa casa √® oggetto di affari della sua famiglia. Lei a questo punto che fa?”, chiede diretto il conduttore.

Niente da fare. Nemmeno l’appello “alla sua coerenza morale” fa cedere il leader di Fli: “√ą stata archiviata la denuncia nei miei confronti perch√© il fatto non sussiste”, ribatte, “Aggiungo che non c’√® in ballo un solo centesimo di denaro pubblico, non c’√® un italiano che possa dire Fini mi hai fregato. C’√® stata una campagna di stampa legittima, ma non posso essere chiamato a rispondere n√® a livello penale, n√® a livello politico dei comportamenti di altre persone”.

“Mi aspettavo qualcosa di pi√Ļ”, incalza Santoro, che lo invita a chiedere scusa. “Non ho nulla di cui vergognarmi davanti alla mia coscienza, davanti agli italiani, davanti al codice penale”, replica Fini. E quando il giornalista chiude la questione con un “√® un problema suo con l’opinione pubblica”, il presidente della Camera scarica (di nuovo) le colpe sulla famiglia: “Semmai √® un problema mio, personale e familiare e come tali non vanno trattate in tv”. E ammette: “Non voglio dare la minima idea che mi sono dovuto dimettere per uno scandalo”. Insomma, Fini quello scranno non lo molla.


Anche Santoro non si beve le balle di Fini su Montecarlo
di Redazione
(da “Libero”, 25 ottobre 2012)

Macch√® scandalo, soltanto una questione privata. Cos√¨ ¬†Gianfranco Fini ¬†definisce l’affaire della casa ereditata da Alleanza Nazionale a Montecarlo e ceduta misteriosamente al cognatino del leader di Fli, ¬†Giancarlo Tulliani. Un caso nato nell’estate 2010 ma che sta in queste settimane assumendo nuovi contorni (basti pensare ai documenti pubblicati da ¬†L’Espresso). ¬†Michele Santoro ¬†ha invitato il presidente della Camera a ¬†Servizio Pubblico, al debutto su La7 (con un gustoso monologo iniziale del Teletribuno) e gli ha porto l’opportunit√† di un’autodifesa. Chance fallita clamorosamente: “Ma quali scandali, gli scandali sono altri. Quella √® una vicenda personale, privata – spiega Fini, accalorato -. Io ho fatto cadere Berlusconi sulla legalit√†, sono in politica da molti anni e la mia faccia ancora non √® stata sfregiata. Io la faccia ce la metto sempre, non ho nulla da vergognarmi o pentirmi, lo scandalo non c’√®”. Un dribbling piuttosto imbarazzante, visto che si parla soprattutto di questioni morali ma non solo (a livello penale non ci sono estremi, ma a livello civile s√¨ eccome). Non a caso, Santoro lo stoppa: “Vabb√®, se la vedr√† lei con chi l’accusa. Di certo mi sarei aspetatto qualcosa in pi√Ļ da lei”. Per esempio qualche risposta sull’imprenditore chiacchierato (e latitante) ¬†Francesco ¬†Corallo, l’uomo che avrebbe gestito la compravendita con i Tulliani e assai vicino agli ex caporioni di Alleanza nazionale. Cose che Michele, a Fini, non ha chiesto: anche i Santoro, a volte, peccano d’ingenuit√†.


Stato-mafia, Ingroia: ¬ęDal Guatemala denuncer√≤ certe cose ¬Ľ
di Redazione
(da “Pubblico”, 25 ottobre 2012)

¬ęSu certe cose non ho potuto dire tutto quello che pensavo e tutto quello che sapevo. Non √® una minaccia ma dal Guatemala mi sentir√≤ con le mani un po’ pi√Ļ libere ¬Ľ. Le ‚Äúcerte cose‚ÄĚ dovrebbero riguardare la presunta trattativa Stato-Mafia e l’avvertimento √® del procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia che ha rilasciato questa dichiarazione al Forum nazionale contro la mafia di Firenze.

Il magistrato conferma di aver accettato l’incarico Onu in America centrale aggiungendo che ¬ęse necessario utilizzer√≤ anche la denuncia pubblica. Perch√© tutta la verit√† deve venire fuori. Dal Guatemala far√≤ non di meno, ma di pi√Ļ, perch√© emerga tutta la verit√†. Non √® un passo indietro, ma lo considero un passo in avanti ¬Ľ.
Secondo Ingroia, gli attacchi ricevuti hanno come obiettivo le indagini che ha svolto con il pool di Palermo: ¬ęSi vuole creare disorientamento nell’opinione pubblica e danneggiare cos√¨ le indagini. Se io accetto l’incarico dell’Onu sono convinto che ci saranno meno attacchi a me e al pool di Palermo. Credo che saranno pi√Ļ i vantaggi che gli svantaggi. Sono sicuro che i colleghi faranno emergere la verit√† e continueranno il loro lavoro ¬Ľ. Il magistrato che lavorava con Paolo Borsellino non ha dubbi sulla connivenza di molti: ¬ęci sono molti in Italia, dentro la mafia, dentro le istituzioni e tra gli ex delle istituzioni, che la verit√† la sanno e la sanno tutta: dobbiamo costringerli a dirla. Serve un impegno doppio affinch√© emerga la verit√† ¬Ľ.

E a depistare le indagini non sarebbero solo gli ‚Äúuomini di mafia‚ÄĚ: ¬ęQuando le reticenze e le omert√† non sono solo degli uomini di mafia √Ę‚ā¨‚Äú accusa il magistrato √Ę‚ā¨‚Äú ma sono depistaggi e reticenze degli uomini dello Stato e delle istituzioni, e quando queste reticenze e depistaggi vengono da uomini dello Stato e delle istituzioni che ostacolano la verit√†, non ce la possono fare da soli, hanno bisogno di voi, della societ√† civile che questa verit√† la vogliono: la verit√† √® una conquista collettiva ¬Ľ. Il procuratore aggiunto ringrazia quindi ‚Äúla societ√† civile‚ÄĚ: ¬ęsono convinto che queste indagini, questo processo non ci sarebbero stati se non ci fosse stato il Forum di Firenze, il movimento delle Agende rosse, i famigliari delle vittime delle stragi, un movimento della societ√† civile che chiedeva e chiede la verit√† ¬Ľ.


Servizietto pubblico per Fini
di Alberto Custodero per “la Repubblica”
(da “dagospia”, 26 ottobre 2012)

¬ęNon ho la faccia sfregiata neppure da un avviso di garanzia. √ą una vicenda personale, privata, da trattare in famiglia non certo in tv. Rispondo di ci√≤ che ho fatto io, non di quello che fanno terze persone. Non accetter√≤ mai di dovermi dimettere per uno scandalo che non c’√®. Non ho nulla di cui vergognarmi di fronte alla coscienza, agli italiani e al codice penale ¬Ľ. Gianfranco Fini, incalzato dalle domande di Santoro durante Servizio Pubblico in onda su La7, √® tornato ieri sera sull’argomento della casa di Montecarlo donata ad An.

E poi affittata al fratello della sua compagna. In difficolt√†, ma sereno, ha ascoltato il conduttore che gli ricordava la promessa, fatta l’estate di due anni fa (quando il Giornale
lanci√≤ lo scandalo), di dimettersi se fosse emersa la prova dell’acquisto dell’appartamento monegasco da parte di Giancarlo Tulliani. E che gli anticipava il contenuto di un’inchiesta dell’Espresso (in edicola oggi), sui rapporti tra i fratelli Tulliani e Francesco Corallo, padrone del colosso delle slot Atlantis-Betplus, latitante da maggio in quanto coinvolto in una storia di corruzione.

¬ęGli scandali veri sono altri – ha replicato Fini – La denuncia in procura mi √® stata fatta da avversari politici. Non ho preso denaro pubblico, non sono stato corrotto, nessuno pu√≤ dire “mi hai fregato” ¬Ľ. ¬ęNeanche gli iscritti An? ¬Ľ, gli ha chiesto Santoro. ¬ęTutt’al pi√Ļ si vedr√† in sede civile ¬Ľ, ha risposto Fini.

Una settimana fa l’Espresso aveva pubblicato dei fax – sequestrati nell’abitazione romana del latitante – che Corallo aveva spedito a James Walfenzao: una copia del passaporto di Giancarlo Tulliani, una copia di quello di Elisabetta e un modulo per l’apertura di un conto corrente a Saint Lucia intestato alla Jayden Holding. Walfenzao √® sia fiduciario che figura come rappresentante legale della Printemps, la societ√† di Saint Lucia che nel luglio 2008 acquist√≤ da An l’appartamento di Montecarlo.

Sia rappresentante legale del trust a cui sono intestate le quote del gruppo Atlantis. L’Espresso oggi in edicola rivela un nuovo capitolo del giallo: un computer di propriet√† di Corallo, sequestrato dalla guardia di finanza, contiene nuovi documenti che dimostrerebbero le relazioni d’affari del latitante coi familiari di Fini. Documenti la cui divulgazione spetta solo al proprietario del computer. Nessuno sa, per√≤, se Corallo li render√† mai pubblici.

_________

Su Fini anche qui, qui, qui, “l’Espresso” ¬†qui.


Vi racconto perché Silvio resta unico
di Antonio Martino
(da “Il Tempo”, 26 ottobre 2012)

Quando, ieri pomeriggio, ho letto le dichiarazioni di Silvio Berlu ¬≠sconi con le quali annunciava di non volersi pi√Ļ candidare a premier e che il candidato sarebbe sta ¬≠to selezionato da primarie interne al Pdl, mi sono affrettato a chiamarlo. Ho avuto fortuna e ho potuto parlargli; gli ho chiesto: perch√© lasci? ¬ęNon lascio, mi ha assicurato, continueremo assie ¬≠me tu ecj io ma ora bisogna lasciare spa ¬≠zio ai pi√Ļ giovani e noi dobbiamo tirar ¬≠ci indietro, aiutarli, consigliarli e mette ¬≠re la nostra esperienza a loro disposi ¬≠zione ¬Ľ.

Non un’uscita di scena, quindi, ma soltanto un arretramento, probabil ¬≠mente ispirato dalla necessit√† di far cre ¬≠scere e consolidare una nuova classe dirigente che possa, anche grazie al ¬≠l’esperienza dei meno giovani, dare vi ¬≠ta ad un’alternativa concreta e credibi ¬≠le all’arcipelago delle sinistre e ai movi ¬≠menti anti-politici. Un arretramento fatto con stile che, comunque vada, se ¬≠gna la conclusione di un quasi venten ¬≠nio caratterizzato dalla sua figura co ¬≠me protagonista della nostra vita pub ¬≠blica. Tutto e il suo contrario sono stati detti su Berlusconi, ma sono certo che anche i suoi acerrimi nemici conver ¬≠rebbero sul fatto che non ce n’√® un al ¬≠tro; Silvio Berlusconi √® quello che √®, ma √® anche l’unico Silvio Berlusconi che abbiamo. Molti miei amici mi chiedo ¬≠no perch√© continui a ¬ęstare con lui ¬Ľ; la risposta √® molto semplice: non sono mai ¬ęstato con lui ¬Ľ. Ho sempre detto quello che penso, anche quando sape ¬≠vo che non era d’accordo. Specie dal 1994 al 2001, ma anche dopo, sono sta ¬≠to sovente in disaccordo, non di rado da solo, e non mai tenuto nascosto il mio dissenso. Chi ne dubita guardi i giornali di quegli anni. Da ministro de ¬≠gli Esteri prima e della Difesa poi ho sempre fatto quello che ritenevo giu ¬≠sto e sempre senza consultarlo prima, ma ricevendone l’approvazione poi.

Capisco la delusione dei miei amici liberali: la rivoluzione liberale √® rima ¬≠sta largamente incompiuta e il ¬ępartito liberale di massa ¬Ľ non ha visto la luce. Mi permetterei, tuttavia, di chiedere lo ¬≠ro sel’Italia oggi starebbe meglio o peg ¬≠gio se, invece di essere stata governata alternativamente dalle sinistre e da Ber ¬≠lusconi, avesse avuto sempre le sini ¬≠stre al potere. Solo un fazioso potrebbe rispondere di s√¨. La delusione, per√≤, √® certamente motivata e cercher√≤ di spie ¬≠gare perch√© il sogno non si √® materializ ¬≠zato. Mi limiter√≤ a quattro errori che spiegano in buona misura l’insucces ¬≠so. Il primo √® stata Irene Pivetti: Berlu ¬≠sconi l’ha fatta eleggere presidente del – la Camera e il suo partito (insieme a Oscar Luigi Scalfaro) ha determinato il ribaltone prima, lasconfitta alle elezio ¬≠ni del 1996 poi. Pierferdinando Casini √® stato fatto eleggere presidente della Ca ¬≠mera da Berlusconi nel 2001, il suo par ¬≠tito ci ha impedito di governare dal 2001 al 2006 (imponendoci fral’altro la cosiddetta “discontinuit√†”) e ha co ¬≠stretto Berlusconi a cambiare la legge elettorale, facendoci perdere le elezio ¬≠ni del 2006. Gianfranco Fini √® stato fat ¬≠to eleggere presidente della Camera da Berlusconi nel 2008 e la sua defezione ha impedito al governo di sfruttare la largamaggioranzaotteinuta, col risulta ¬≠to che alla fine Berlusconi halasciato la presidenzadel Consiglio.

Tremonti, in ¬≠fine: nel 1994 fu un ministro delle Fi ¬≠nanze creativo e capace ma, nel 2001 – 2006 contribu√¨, da ministro dell’Econo ¬≠mia, alla mancata realizzazione delle riforme promesse; idem dal 2008 al 2011. Non dico che Berlusconi sia da assolvere con formula piena ma, pri ¬≠ma di pronunziare una sentenza inap ¬≠pellabile, bisognerebbe anche render ¬≠si conto che con questo sistema istitu ¬≠zionale neanche il pi√Ļ grande leader politico avrebbe potuto fare molto me ¬≠glio. Quando, nel 1994, laThatcher, nel congratularsi per la mia elezione, mi esort√≤ a fare “per l’Italia quanto io ho fatto per la Gran Bretagna”, le risposi: “Lei aveva molti vantaggi rispetto a noi: una maggioranza composta di un solo partito, una Costituzione non scritta sulla carta ma nella mente e nel cuore di quanti erano chiamati a rispet ¬≠tarla, una burocrazia efficiente ed one ¬≠sta e un sistema giudiziario autentica ¬≠mente indipendente e funzionante. Noi non abbiamo nessuna di queste co ¬≠se, ma abbiamo qualcosa che lei non aveva”. “Che cosa?” “Il suo esempio”, risposi.

Al posto della Thatcher, Berlusconi avrebbefatto lo stesso?Con tutta 1 ‘ami- cizia che mi lega a lui, devo dire che non lo vedo litigare per tre anni con i pi√Ļ potenti sindacati d’Europa n√© man ¬≠dare la flotta dall ‘altra parte del mondo perfarerispettarela sovranit√† inglese a un dittatore avventuroso. Tuttavia, re ¬≠sto convinto che sia unico e che il suo arretramento lascer√† un vuoto difficil ¬≠mente colmabile. E questo a prescinde ¬≠re dal fatto che la nostra Costituzione non prevede la candidatura a presiden ¬≠te del Consiglio.


 

Monti con l’aereo di Stato al compleanno di un amico
di Sergio Rame
(da “il Giornale”, 26 ottobre 2012)

Altro che austerity, altro che sobriet√†, altro che sacrifici. Il 19 settembre il premier Mario Monti vola da Roma a Milano per fare gli auguri al “maestro” Luigi Guatri che spegneva 85 candeline al Principe di Savoia.

E, non solo lo fa con l’aereo di Stato, ma Palazzo Chigi prova anche a metterci una pezza sopra assicurando che “il presidente del Consiglio quel giorno aveva anche un incontro riservato in prefettura”. Peccato che in quel di corso Monforte smentiscono: l’appuntamento proprio non risulta.

Che fine ha fatto la crociata dei tecnici contro gli sprechi? A onor del vero, Monti aveva iniziato l’incarico a Palazzo Chigi all’insegna della spending review: quando il 22 novembre del 2011, a una settimana dall’insediamento alla presidenza del Consiglio, era arrivato all’aeroporto di Ciampino, aveva fatto cambiare l’aereo di Stato diretto a Bruxelles sostituendo il costoso Airbus A319 con il pi√Ļ piccolo (e, quindi, pi√Ļ economico) Falco. “Un aereo cos√¨ grande per cos√¨ pochi passeggeri?”, aveva domandato il Professore sulla pista. E ancora: qualche giorno dopo aveva preferito usare il Frecciarossa per tornare a Roma dopo aver trascorso il fine settimana a Milano. Una scelta che il premier aveva imposto a tutti i ministri dell’esecutivo. Tanto che, dopo soli cento giorni di governo tecnico, il sito di Palazzo Chigi sbandierava ai quattro venti che i voli di Stato erano gi√† stati ridotti del 92% facendo, in questo modo, risparmiare all’erario pubblico ben 23,5 milioni di euro. Una mossa d’immagine che aveva fatto schizzare all’ins√Ļ il livello di gradimento nei sondaggi: il sobrio Monti, paladino della spending review.

A trascorrere un po’ di tempo tra i corridoi dei palazzi romani, per√≤, il Professore deve aver perso il pallino per i tagli agli sprechi. Tanto che lo scorso 19 settembre Monti ha preso l’aereo di Stato per andare a festeggiare l’85 ¬į compleanno di Luigi Guatri, il “maestro” che nel 1994 lo ha accompagnato alla presidenza della Bocconi. Lo stesso Guatri che nel novembre del 2011 ha preso il testimone da Monti, che si era insediato a Roma per guidare il governo tecnico, e ha assunto l’incarico di presidente reggente della Bocconi.

La destinazione: Hotel Principe di Savoia di Milano. Alla festa di compleanno sono invitati solo 200 persone. Tra queste anche il premier che a Ciampino √® salito su un jet del 31 ¬į Stormo dell’aeronautica per volare nel capoluogo lombardo. Dopo una prima bufera di polemiche l’ufficio stampa di Palazzo Chigi ha provato a giustificare il comportamento del Professore spiegando che “a Milano il presidente aveva anche impegni istituzionali, nella fattispecie un appuntamento riservato in Prefettura”. Purtroppo, come riportano i media oggi, l’incontro √® stato smentito dalla stessa Prefettura.


Letto 1396 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart