Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Nessuno ascolti il Presidente

20 Luglio 2012

di Bruno Tinti
(da “il Fatto Quotidiano”, 20 Luglio 2012)

Napolitano ha un ex collega che lo ha preceduto nella sua lotta con la Giustizia. Nel 1990 Cossiga rifiutò di testimoniare avanti al pm Casson che indagava sulla vicenda Gladio e che aveva chiesto di potersi recare al Quirinale per interrogarlo quale persona informata sui fatti. Anche allora la piramide si frazionò: i vertici, tutti dalla parte di Cossiga; la base e il centro, sovranamente indifferenti; e qualche libero pensatore dubbioso e propositivo. Più o meno come adesso.

Ricordo che pensai: ma se a Cossiga fosse stato richiesto di testimoniare su un incidente stradale avrebbe fatto tanto casino sulle sue prerogative costituzionali violate? Sarà che, pensai, il problema non è la prerogativa costituzionale del Presidente della Repubblica, ma l’eventualità di trovarsi in una scomoda situazione nell’indagine Gladio? Proprio come oggi. Com’è che le telefonate tra Napolitano e Bertolaso da cui emerge il pio interessamento del Presidente per i terremotati de L’Aquila non lo stimolarono (né lo stimolano) a evitare “precedenti, grazie ai quali accada o sembri accadere che egli non trasmetta al suo successore immuni da qualsiasi incrinatura le facoltà che la Costituzione gli attribuisce”.

Mentre quelle con Mancino, a caccia di raccomandazioni e interventi, invece sì? Tra i pochi liberi pensatori che allora presero posizione ci fu Gustavo Zagrebelsky. Scrisse (La Stampa 10.11.90) che la testimonianza del Presidente della Repubblica era prevista dalla legge e che però, per via dell’art. 90 della Costituzione, non potevano essere adottate misure coercitive se Cossiga avesse rifiutato di testimoniare né incriminazioni se avesse detto il falso; che un conflitto avanti alla Corte costituzionale tra il Presidente e un giudice sarebbe stato “un fatto inaudito, un cattivo servizio alla Repubblica”; che si sarebbe potuto uscire da questa micidiale situazione se la Procura avesse sollevato di sua iniziativa (avanti al gip) un’eccezione di legittimità costituzionale (dunque una questione di carattere generale e non un duello tra istituzioni) delle norme che regolamentavano la testimonianza del Capo dello Stato. Ma non se ne fece nulla, Cossiga non testimoniò e l’arroganza del potere, come sempre, prevalse.

Oggi la Procura di Palermo è più fortunata (in verità di fortune così ne farebbe volentieri a meno): faccia Napolitano quello che vuole; le indagini proseguono e le intercettazioni restano in cassaforte, tanto non servono a niente perché non hanno rilevanza penale; si assuma Napolitano la responsabilità di fare “un cattivo servizio alla Repubblica” e soprattutto convinca i cittadini che tra lui e Mancino non si parlò di cose inconfessabili. In realtà ho sbagliato a scrivere che le intercettazioni non servono a niente; in un paese a normale democrazia conoscere quali rapporti intercorrano tra un Presidente della Repubblica e un indagato per falsa testimonianza in un processo come quello di Palermo (trattativa Stato-mafia, mica taccheggio al supermercato) potrebbe indurre i cittadini a cambiare Presidente; o quantomeno a provarci.

Sicché queste intercettazioni servono a molto; sono, come si dice, rilevanti. Ecco, si potrebbe cominciare a pensare che la “rilevanza” delle intercettazioni non è solo quella penale; anzi, in democrazia, dovrebbe essere soprattutto politica, sociale e, naturalmente – ma diciamolo sottovoce, non è un concetto popolare – etica.


Trattativa Stato-mafia, è ancora scontro tra Di Pietro e Napolitano
di Clarissa Gigante
(dal “Giornale”, 20 luglio 2012)

Ormai diversi giorni dopo che Giorgio Napolitano ha sollevato il conflitto di attribuzione sull’uso delle intercettazioni che lo coinvolgerebbero nella presunta trattativa Stato-mafia, lo scontro tra il Presidente della Repubblica e Antonio Di Pietro – che lo accusa di non voler rivelare la verva avanti. Oggi il Capo dello Stato è tornato a difendersi assicurando di non avere nulla da nascondere, ma “un principio da difendere.

“Sulla lotta contro la mafia e il crimine organizzato, conta comunque quello che è stato per me l’impegno di una vita. Conta quello che ho detto a Palermo il 23 maggio e ancora ieri, rinnovando il mio abbraccio commosso alla signora Agnese e ai suoi figli come alla signora Maria, che opra esemplarmente per trasmettere la memori e l’impegno di Giovanni e insieme di Paolo”, ha detto Napolitano sostenendo che la sua scelta di rivolgersi alla Consulta “può darsi che non risulti comoda per l’applauso e mi esponga a speculazioni miserrime”.

Ma Antonio Di Pietro non ci sta e torna all’attacco. “Signor Presidente: ma si rende conto che così sta tradendo la Costituzione?”, accusa duramente il leader dell’Idv, “Ieri Napolitano ha detto che non possono esserci ragioni di Stato che giustificano ritardi o impedimenti per la verità sulle stragi siciliane, ma egli è la stessa persona che poi solleva le questioni di conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale”. Per questo l’Italia dei valori ha presentato un’interrogazione al ministro della Giustizia per sapere perchè le stesse osservazioni non sono state sollevate dal Quirinale in altre occasioni. Di Pietro ha infatti sottolineato che “il Capo dello Stato è stato intercettato indirettamente, in altre situazioni, mentre conversava con altre persone nelle inchieste di Firenze e Perugia sulla Protezione Civile. Se proprio deve sollevare il conflitto di attribuzione perchè non lo pone in relazione a quelle telefonate e non alle telefonate di Palermo? Forse perchè nelle telefonate di Firenze e Perugia diceva cose potevano essere ascoltate e lette sui giornali? Ma cosa ha detto a Mancino che non vuole farci sapere?”.


Sarò all’estero fino al 29 luglio. Quindi il blog è sospeso fino al mio ritorno.
Voglio sperare che nel frattempo emerga la verità su quanto è accaduto.


Letto 1442 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart