Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Per Napolitano il problema è Palermo

17 Luglio 2012

di Benny Calasanzio Borsellino
(da “il Fatto Quotidiano”, 17 luglio 2012)

‚ÄúAlla determinazione di sollevare il confitto il Presidente Napolitano √® pervenuto ritenendo ‚Äėdovere del Presidente della Repubblica’, secondo l’insegnamento di Luigi Einaudi, ‚Äėevitare si pongano, nel suo silenzio o nella inammissibile sua ignoranza dell’occorso, precedenti, grazie ai quali accada o sembri accadere che egli non trasmetta al suo successore immuni da qualsiasi incrinatura le facolt√† che la Costituzione gli attribuisce’‚ÄĚ.

In questa losca ed equivoca vicenda, a dare pi√Ļ fastidio forse √® proprio la considerazione che Napolitano e il suo clan hanno degli italiani. Ok, in parte hanno ragione, abbiamo dato prova di credere a tante balle, ma qui si esagera notevolmente. Delle frasi contenute nel comunicato stampa diffuso dal Quirinale, Conflitto Napolitano ne avr√† capite al massimo un paio. Non gliene frega nulla, infatti, di preservare Costituzione e immunit√† per i posteri dai taliban palermitani; la prova √® nel pezzo pubblicato oggi su Repubblica dall’ottimo Giuseppe Caporale, che evidentemente ha disobbedito all’ordine del confidente di Dio, Eugenio Scalfari, riportando una notizia che la dice lunga sulla buona fede di Giorgio.

A quanto scrive Caporale, infatti, non √® la prima volta che una Procura della Repubblica ascolta le telefonate dell’Intangibile. Lo aveva gi√† fatto nel 2009 anche la Procura di Firenze, nell’inchiesta sul G8 alla Maddalena: ‚ÄúLe intercettazioni di Napolitano tuttora sono contenute in un cd rom che non √® stato mai formalmente sbobinato, ma che √® comunque a disposizione delle parti‚ÄĚ scrive il giornalista. A chiamare l’indagato Bertolaso era stato proprio lui, il presidente della Repubblica, all’indomani del sisma d’Abruzzo. Napolitano chiedeva notizie sulle vittime e organizzava la sua visita in loco. Nonostante non fossero, evidentemente, rilevanti ai fini dell’inchiesta, ancora oggi quei nastri non sono stati distrutti.

Dunque Napolitano era perfettamente a conoscenza, gi√† dalle chiusura dell’indagine sul G8 alla Maddalena, che esistevano delle intercettazioni dove uno degli interlocutori era lui stesso. Questo √® certo perch√© i nastri sono non in una cassaforte, ma gi√† in possesso delle parti. Ma, in questo caso, il Presidentissimo non pens√≤ minimamente di sollevare un conflitto di attribuzione davanti alla Consulta e chiedere la distruzione di nastri e procura, nonostante le condizioni fossero identiche: era stata intercettata un’utenza intestata a Bertolaso e, senza poterlo prevedere, la polizia giudiziaria si trov√≤ ad ascoltare anche l’anziano comunista.

Perch√©, dunque, l’emergenza democratica √® scoppiata solo oggi, nei confronti degli ‚Äúabusi‚ÄĚ della Procura di Palermo? Forse perch√© con il fu capo della Protezione Civile il Nostrissimo parlava nobilmente di vittime, si preoccupava per la tragedia del sisma e prometteva al massaggiato Bertolaso di raggiungere quanto prima le popolazioni colpite? Forse perch√© invece con Mancino parlava di tutt’altro? Forse perch√© proprio cos√¨ innocenti non sono quei discorsi scambiati tra i due vecchi amici? D’altronde lo stesso pm Di Matteo ha fatto presente che quelle conversazioni potrebbero essere utili per altre indagini o procedimenti, senza aggiungere altro.

Dunque il problema non √® l’intercettazione in s√©, ma quella in te. Il problema √® Palermo, il problema √®, inequivocabilmente, quel che il Napolitano ha detto a Mancino.

Un altro presidente, onde evitare ombre e dubbi, avrebbe detto: ‚ÄúFatele ascoltare‚ÄĚ. Napolitano, invece, √® andato oltre: ‚ÄúFatele sparire‚ÄĚ. Ma solo quelle di Palermo.


Spunta un’ altra registrazione con Bertolaso
Giuseppe Caporale
(da ‚Äúla Repubblica‚ÄĚ, 17 luglio 2012)

ROMA√Ę‚ÄĒNon √® stata solo la Procura di Palermo a intercettare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
L’ha fatto anche la Procura di Firenze, nell’inchiesta sul G8 al ¬≠la Maddalena. Alcune conversa ¬≠zioni del Capo dello Stato sono finite a verbale nello scandalo degli appalti d’oro della Prote ¬≠zione Civile. E anche queste, co ¬≠me quelle di Palermo, non sono mai state distrutte. Si tratta di in ¬≠tercettazioni senza nessun rilie ¬≠vo ai fini dell’inchiesta. Intercet ¬≠tazioni che, dopo tre anni d’in ¬≠dagini sulla “cricca”, sono state allegate √Ę‚ÄĒ insieme a migliaia di altre conversazioni considerate pure inutili o non rilevanti√Ę‚ÄĒagli atti del processo che si √® aperto il 22 aprile scorso a Perugia (dove poi l’inchiesta √® stata trasferita). Le intercettazioni di Napolitano tuttora sono contenute in un cd√Ę‚ā¨‚Äėrom che non √® stato mai formal ¬≠mente sbobinato, ma che √® co ¬≠munque a disposizione delle parti.

Furono i carabinieri del Ros di Firenze a registrare √Ę‚ÄĒ tra il 6 marzo e il 9 aprile del 2009 √Ę‚ÄĒ due conversazioni del presidente della Repubblica.
Gli inquirenti indagavano sui lavori affidati dall’ex capo della Protezione Civile Guido Berto ¬≠laso all’imprenditore Diego Anemone. E sotto intercettazio ¬≠ne c’erano due utenze telefoni ¬≠che in uso a Guido Bertolaso. Due telefonini.
Ed √® proprio ascoltando l’ex capo della Protezione Civile che i carabinieri si sono imbattuti in Napolitano.

La Procura di Firenze seguiva la pista dei “grandi eventi” ap ¬≠paltati alla “cricca”, indagine che ha portato poi Bertolaso, Anemone, l’ex provveditore alle Opere pubbliche Angelo Bal ¬≠ducci (e un’altra ventina di per ¬≠sone coinvolte) a essere rinviati a giudizio per associazione a de ¬≠linquere, corruzione, rivelazio ¬≠ne del segreto d’ufficio, favoreg ¬≠giamento, favoreggiamento della prostituzione e corruzione in atti giudiziari. Proprio in quel periodo (marzo 2009) le conversazioni tra Bertolaso e Anemone avvenivano di continuo, ed √® in questi quaranta giorni di “ascol ¬≠to” che i Ros scoprono i massag ¬≠gi a sfondo sessuale (secondo l’accusa) avvenuti al Salarla Vil ¬≠lage a favore di Bertolaso.

Ma il 6 aprile avviene il terre ¬≠moto e la cricca viene travolta dall’urgenza della Protezione Civile di intervenire all’Aquila. Bertolaso diventa il perno di tut ¬≠te le operazioni, il terminale con il quale il mondo politico si rela ¬≠ziona per intervenire su L’Aqui ¬≠la. Ed √® proprio Napolitano in quei giorni drammatici a chia ¬≠mare Bertolaso per chiedere no ¬≠tizie delle vittime e organizzare poi la sua doppia visita, tra cui quella ai funerali di Stato. Il 9 aprile 2009 poi, tre giorni dopo il sisma, la Procura chiude le inter ¬≠cettazioni su Bertolaso. Lascian ¬≠do l√¨ congelate quelle conversa ¬≠zioni con il capo dello Stato.


Intervista a Gerardo D’Ambrosio
(da ‚Äúil Fatto Quotidiano‚ÄĚ, 17 luglio 2012)

La Procura di Palermo ha rispettato la legge e io al loro posto avrei fatto esattamente lo stesso. Parola di Gerar ¬≠do D’Ambrosio, 71 anni, senatore del ¬≠la Repubblica nel gruppo Pd. Fu pro ¬≠prio l’allora Procuratore aggiunto di Milano il protagonista del caso invoca ¬≠to come precedente dalle due parti in causa. A favore della distruzione delle telefonate dai giuristi di complemento del Colle. A favore della liceit√† dell’in ¬≠tercettazione indiretta del Capo dello Stato, dal Procuratore aggiunto Anto ¬≠nio Ingroia. E il verdetto di D’Ambro ¬≠sio √® netto: “Da ex magistrato dico che non esiste una norma che permetta di fare quello che chiede il Quirinale. Non solo. Da politico io sarei contrario a introdurla”.

Senatore D’Ambrosio, lei √® stato eletto con i Ds, lo stesso gruppo dal quale proviene il Capo dello Stato ma si occup√≤ del caso nel quale fu intercettata nel 1993 la telefonata tra il presidente Scalfaro e il ban ¬≠chiere Carlo Piantanida. Secondo alcuni politici e giuristi vicini al pre ¬≠sidente quel precedente avrebbe

imposto la distruzione delle telefo ¬≠nate nel caso Mancino-Napolitano. Noi depositammo la telefonata perch√© non esiste una norma che permetta d√≠¬≠ distruggere le telefonate senza nem ¬≠meno sentire le parti. Questa norma non c’era allora e non c’√® nemmeno adesso.

Eppure il Quirinale ieri ha emanato un decreto per sostenere che le telefonate del Capo dello Stato, secondo la Costituzione che ne prevede l’immunit√†, devono essere distrutte tutte, anche quelle intercettate sul telefono di un altro soggetto che parla con il presidente.

Se l’orientamento √® questo dovrebbero fare una legge per stabilire che le conversazioni del presidente della repubblica non sono intercettatili n√© utilizzabili mai, anche se indirette.

Lei oggi è un politico. Come vedrebbe una legge che introducesse il divieto di intercettazione anche indiretta delle conversazioni del Capo dello Stato?

Voterei contro. Secondo me sarebbe eccessivo. L’immunit√† del presidente riguarda solo la sua non punibilit√†. La sua immunit√† da intercettazioni indirette mi sembrerebbe troppo.

Anche allora per√≤ il ministro Flick diede ragione all’ex presidente Cossiga e ad altri che fecero interrogazioni contro la sua Procura di Milano sostenendo si trattasse di un illecito.

Quell’interpretazione si basava sul fat ¬≠to che il presidente della repubblica non √® punibile. Ma non c’entra nulla. Il problema √® che qualsiasi intercettazio ¬≠ne telefonica, anche quella con il Capo dello Stato, pu√≤ essere usata anche dal ¬≠la difesa per difendere l’imputato e quindi si possono distruggere solo da ¬≠vanti al gip, nel contraddittorio tra di ¬≠fesa e accusa.

Cosa avrebbe fatto al posto del Procuratore capo Francesco Mes ­sineo? Avrebbe distrutto tutto co ­me chiede il Colle?

Anche io non farei nulla del genere senza un cambiamento delle norme.

Secondo Eugenio Scalfari bisogne ­rebbe addirittura interrompere la registrazione appena compare la voce del Capo dello Stato

La regola √® un’altra e non si vede per ¬≠ch√© non debba essere applicata a un’intercettazione indiretta del Capo dello Stato. La legge √® uguale per tut ¬≠ti.

Perché allora il Presidente si ostina in questa interpretazione?

Evidentemente ha tenuto conto del ¬≠l’affermazione del ministro Giovanni Maria Flick, ma quella √® un’interpre ¬≠tazione di un politico, autorevole quanto si vuole, che non √® vincolante sotto il profilo giuridico per il magistrato.

m.l.


Letto 1314 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart