Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: Annibale sogna un impero

14 Marzo 2009

di Roberto Gervaso
[dal “Corriere della Sera”, domenica 23 febbraio 1969] ¬†

Sui banchi di scuola la storia puzza spesso d’incenso e manicheismo e si digerisce male. Ci presenta tutti santi ed eroi e tratta i no ¬≠stri nemici alla stregua di reprobi e bari. Quando si traduce in agiografia o denigra ¬≠zione diventa noiosa e illeggibile. Per que ¬≠sto tanti italiani l’ignorano. Se vogliono conoscere il loro passato senza sbadigliare devono, con le debite eccezioni, rifarsi agli stranieri, che gliel’imbandiscono senza fron ¬≠zoli e senza ¬† ¬† squilli di tromba.
Un ennesimo esempio lo fornisce Gilbert Charles-Picard col suo Annibale, il sogno di un impero (ed. Casini, pp. 244, L. 3000). Charles-Picard insegna archeologia roma ¬≠na alla Sorbona, √® uno specialista d’epi ¬≠grafia e numismatica. Eppure il suo libro si divora come un romanzo. Scivola via dalla prima pagina all’ultima. Anche quan ¬≠do s’abbandona a dotte disquisizioni sul sistema monetario degli antichi romani rie ¬≠sce a catturare il lettore.
Per Charles-Picard, Annibale fu un gran ¬≠dissimo condottiero che carezz√≤ il sogno d’unificare il Mediterraneo sotto le aquile puniche. Lo stesso obiettivo perseguiva Roma. Di qui l’urto. Due civilt√† di diversa formazione, di differente struttura, ma di comuni ambizioni, si trovarono di fronte. Vinse quella romana, pi√Ļ giovane e pi√Ļ ricca.
La prima guerra punica, durata venti ¬≠quattr’anni, fu un salasso d’uomini e di baiocchi per entrambi i contendenti, ma Cartagine ne usci assai pi√Ļ malconcia del ¬≠la rivale. La sconfitta piomb√≤ la citt√† fe ¬≠nicia nell’anarchia, scatenando sanguinose lotte intestine. Ma, come spesso succede quando l’emergenza batte alle porte, la Provvidenza sfoder√≤ il suo uomo, anzi i suoi uomini. Amilcare riusc√¨ non solo a riportare l’ordine all’interno e a riguada ¬≠gnare le posizioni perdute in Spagna, ma a fare della Penisola iberica la base d’ope ¬≠razioni e il trampolino di lancio delle im ¬≠prese dei successori. Quando mori, il ge ¬≠nero Asdrubale ne raccolse l’eredit√† che, otto anni dopo, pass√≤ al cognato Annibale.
Charles-Picard ne ricostruisce la fisiono ­mia sulla scorta di monete coniate in Spa ­gna fra il 221 e il 219: testa arrotondata, sguardo energico e volitivo, sopracciglia sporgenti, naso lungo e gibboso, narici spic ­cate, bocca minuta con gli angoli spioventi, labbra     carnose,     mento prominente.
Gli storici romani non sono stati molto magnanimi con lui. L’hanno tacciato, Tito Livio compreso, d’avarizia, crudelt√† e man ¬≠canza di scrupoli. Polibio l’assolve dal ¬≠l’accusa di crudelt√†, ma non da quella d’avidit√†. Dione Cassio √® pi√Ļ generoso: gli riconosce prudenza, duttilit√† e pazienza. Tutti, invece, sono concordi nell’attribuir ¬≠gli eccezionali doti di condottiero e stra ¬≠tega. L’assedio di Sagunto nel 218 fu un capolavoro di diplomazia e arte militare. La calata in Italia, attraverso le Alpi, fu un colpo da maestro, un’impresa degna d’Alessandro e di Napoleone.
Roma non se l’aspettava, e, l√¨ per l√¨, fu colta dal panico. Corse precipitosamente ai ripari arruolando trecentomila uomini e quattordicimila cavalli. Annibale ne fece poltiglia al Ticino, alla Trebbia, al Trasi ¬≠meno e seguit√≤ la sua travolgente marcia sull’Urbe. Era certo ch’essa avrebbe capi ¬≠tolato perch√© era convinto che i suoi al ¬≠leati avrebbero fatto causa comune con lui. Ma s’ingannava. Dall’Appennino al Sannio l’Italia rest√≤ fedele a Roma. Il generale cartaginese dirott√≤ allora l’esercito sul ¬≠l’Adriatico e punt√≤ a sud. Il nemico l’in ¬≠segu√¨ e forse avrebbe avuto finalmente ra ¬≠gione delle sue forze, decimate dai com ¬≠battimenti e dagli stenti, se la tattica temporeggiatrice del dittatore Quinto Fabio Massimo, che mirava a logorare i punici con scaramucce, imboscate, azioni di ¬ę com ¬≠mandos ¬Ľ, evitando una battaglia campale, che la superiorit√† della cavalleria carta ¬≠ginese rendeva incerta e rischiosa, non fosse stata bocciata dal Senato che, dopo tante sconfitte, voleva una vittoria. A Canne si busc√≤, invece, la pi√Ļ sonora di tutte le sue batoste. Fu per Roma un monito terribile, ma fu anche il segnale della riscossa. Per Annibale fu il trionfo, ma fu anche l’inizio della fine.
Quali furono – si domanda Charles-Picard – le cause d’un rovescio cos√¨ re ¬≠pentino?
¬ę La principale era naturalmente la soli ¬≠dit√† dello Stato romano, un blocco di tren ¬≠tacinque trib√Ļ esteso per venticinquemila chilometri quadrati attraverso l’Appennino dal golfo di Gaeta ad Ancona; un secolo di colonizzazione sistematica e capillare aveva portato al completo assorbimento degli an ¬≠tichi abitatori nel popolo dominante, favo ¬≠rendo quel processo d’unit√† nazionale che Annibale non aveva potuto sostanzialmente intaccare ¬Ľ.
Cause ce ne furono anche altre. Da trop ¬≠po tempo il condottiero cartaginese man ¬≠cava da casa, le vittorie gli avevano procu ¬≠rato in patria gelosie e inimicizie, la truppa era stanca, aveva bisogno e reclamava ri ¬≠poso. A Capua n’ebbe a iosa, ma il prezzo che per esso pag√≤, le fu fatale. L’Annibale che a Zama si trov√≤ a viso a viso con Sci ¬≠pione era un altro uomo, precocemente vec ¬≠chio, spossato, sfiduciato. Un uomo che sen ¬≠tiva che la partita si sarebbe chiusa a suo svantaggio.


Letto 3361 volte.
ÔĽŅ

8 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 14 Marzo 2009 @ 12:36

    Da non perdere il passo di Tito Livio – che tradussi al Liceo in un lontano pomeriggio di primavera – in cui il vecchio Annibale, prima della battaglia, chiede un incontro a Scipione e cerca di imporgli il suo carisma rammentando come la fortuna e il desiderio di gloria governino e scompiglino gesta e aspettative dell’uomo. Dunque, non si ritenga certo del successo.
    E’ l’arma disperata di un grande stratega, accorto frequentatore dell’animo umano, che sa di essere allo stremo e ricorre alle astuzie del cuore per minare il giovane Romano. In realt√† la fortuna ebbe non poco influsso sulle sorti di Zama. Dopo l’infruttuoso attacco con gli elefanti, sventato da Scipione con la disposizione a quadrati, Annibale aveva disposto l’esercito su tre file. Le prime due di mercenari che sapeva avrebbero disertato, ma non prima di aver sfiancato i romani, e l’ultima forte dei veterani di Italia, il nerbo dell’esercito. Le cose si svolsero come previsto. I legionari giunsero al cospetto dei veterani cartaginesi facendosi strada tra selve di fanti e opliti, restando inchiodati dalla vigoria della retroguardia punica. L’esito della battaglia fu a lungo incerto. Poi eccola la fortuna, sotto forma della cavalleria Numida di Massinissa, alleato di Roma. Ma che alleato: aveva militato in campo avverso fino a un mese prima, Scipione dovette convincerlo con oro e promesse di bottino. Quanto fosse inaffidabile, e perci√≤ spregiudicata la mossa di Scipione, lo dimostra il fatto che in seguito dopo ripass√≤ ai cartaginesi.
    Dopo Zama Annibale rest√≤ solo e vilipeso in patria, vag√≤ esule e braccato. Chi sa quante volte, nelle notti di Siria, del Ponto, di Bitinia, di Egitto, rivisse, lui gran conoscitore dell’animo umano ma non del suo, quel giorno in cui era giunto sotto Roma, una citt√† in ginocchio dopo l’ignominia di Canne. E chi sa per quale timore reverenziale o esitazione dell’animo, pi√Ļ forte dell’odio per quella gente di cui si era nutrito, decise di deviare. Dentro quelle mura quella gente era fatta in un certo modo. Dopo la disfatta di Canne, in cui il console Terenzio Varrone era stato trucidato insieme al grosso dell’esercito, il Senato impose che le matrone non avrebbero vestito il lutto, anzi sarebbero sfilate con le vesti pi√Ļ belle e i gioielli migliori, e che al console superstite, Lucio Paolo Emilio, vero responsabile della catastrofe, sarebbero stati tributati gli onori del vincitore, ‚Äėper non aver mai dubitato delle sorti della patria’

  2. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 14 Marzo 2009 @ 15:57

    Mi fu raccontato da ragazzo, non ricordo da chi, un episodio relativo al passaggio di Annibale dopo la discesa dalle Alpi. Mi si disse (ed io non ho trovato il modo e, forse, la voglia di approfondire) che il grande condottiero cartaginese ebbe ad accamparsi nei pressi di Corfino (Comune di Villa Collemandina √Ę‚ā¨‚Äú in Garfagnana) in un mese d’inverno. Disposte le tende, Annibale si coric√≤ nella sua. Durante la notte si verific√≤ una grande nevicata, ma al mattino torn√≤ a splendere il sole sulla coltre bianchissima. Annibale, svegliatosi, usc√¨ dal buio della tenda e si trov√≤ subito dinanzi il bagliore acceso del sole sulla distesa di neve. Quella improvvisa, forte, fulminante luminosit√† fu fatale per lo sguardo non abituato, sicch√© il condottiero ebbe a perdere l’uso della vista da un occhio.
    Ora mi domando: è una leggenda questa che mi fu raccontata? Ha un principio di veridicità? Chi può, dia gentilmente una risposta alla mia colpevole mancata voglia di fare le opportune ricerche
    Gian Gabriele Benedetti

  3. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 14 Marzo 2009 @ 16:25

    Belli i vostri 2 arricchimenti, Carlo e Gian Gabriele.

    Sull’episodio della perdita della vista di Annibale proprio l√¨ in Garfagnana non ne so niente. Ma √® un buon spunto per una leggenda. Ci penser√≤ sopra…

  4. Commento by Carlo Capone — 14 Marzo 2009 @ 18:46

    Ho fatto una breve ricerca.
    Non √® certo se svern√≤ in Garfagnana. Di sicuro a primavera discese l’Etruria, rischiando di annientare l’esercito nelle paludi dell’Arno. Qui si acu√¨ fino alla cecit√† l’oftalmia ad un occhio. Una malattia, dunque, anche gli eroi ne soffrono….
    Fonti: Polibio e Cornelio Nepote

  5. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 14 Marzo 2009 @ 19:36

    Carlo, sei un fuoriclasse.

  6. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 14 Marzo 2009 @ 20:14

    Grazie, Carlo! Puntuale e ben documentato come sempre
    Gian Gabriele

  7. Commento by Carlo Capone — 15 Marzo 2009 @ 09:43

    Vi consiglio un libro affascinante, che lessi nei primi 80. Il titolo √® ‘Annibale’, l’autore Gianni Granzotto, Mondandori l’editore. Si tratta di una biografia dell’eroe Cartaginese. Granzotto, da giornalista di razza, prende alloggio in un alberghetto vicino alle rovine di Cartagine e da l√¨ ripercorre con l’empatia di un amico le tappe della vicenda di Annibale, indagandone l’animo e le passioni che lo agitarono. Annibale siamo noi, dice in prefazione Granzotto,cito a memoria, siamo noi di 2000 anni fa, se noi siamo cos√¨ √® perch√® lui fu cos√¨.
    Da non perdere

    Un caro saluto a Bart e Gian Gabriele

    Carlo

  8. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 15 Marzo 2009 @ 11:54

    Grazie, Carlo.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart