Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: Come arrivammo a Porta Pia

8 Marzo 2012

di Leonardo Vergani
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, venerd√¨ 27 marzo 1970]

¬ę Una volta a Roma c’era un uomo rosso, maestoso e dab ¬≠bene, certo mastro Titta, che aveva l’incarico di separare le teste dai corpi. Egli compiva questo ufficio puntualmente, con una sveltezza e una net ¬≠tezza degne di grande memo ¬≠ria. Doveva egli anche, appe ¬≠na fatto il colpo, acciuffare la testa mozza per i capelli e le ¬≠varla in alto con un gesto tea ¬≠trale in modo che il popolo, tutto, la vedesse grondare e i pi√Ļ vicini potessero mirare gli occhi che s’invetrano e si chiu ¬≠dono ¬Ľ. Il carnefice del papa √Ę‚ÄĒ ce lo dice Bruno Barilli √Ę‚ÄĒ sapeva il fatto suo. Nessuno gli dava dei punti sul patibolo. I suoi gesti erano paterni, anche quello con cui obbligava il con ¬≠dannato ad appoggiare il capo sul ceppo. Tra le sue mani, co ¬≠perte di peli color rame, la mannaia sembrava un giocat ¬≠tolo inoffensivo. I morituri, sog ¬≠giogati, non si ribellavano. Poi mastro Titta riprendeva la sua tuba spelacchiata e scendeva dal palco con passi rimbom ¬≠banti.

La sciarada

Tra le vittime della presa di Roma √Ę‚ÄĒ non parliamo dei qua ¬≠ranta morti italiani e dei venti papalini √Ę‚ÄĒ mastro Titta non fu certo la pi√Ļ illustre. Ma l’o ¬≠nesto carnefice di Pio nono, quando alle cinque della mat ¬≠tina il cannone italiano comin ¬≠ci√≤ a tuonare, cap√¨ certamente che, se il generale Kanzler non avesse resistito, egli avrebbe fi ¬≠nito per perdere quello che gli italiani di allora, e di oggi, considerano un bene sommo, e cio√® il posto di lavoro. Forse il pover’uomo sper√≤ che i ber ¬≠saglieri venissero fulminati, a plotoni affiancati, dalla saetta divina. E’ lecito supporre che si facesse il segno della croce con quella sua zampaccia av ¬≠vezza a menar fendenti. Cosa avrebbe pensato, se avesse sa ¬≠puto che Nino Bixio gridava dall’alto del suo cavallo che bisognava annegare in Tevere Papa e cardinali? Il vecchio muraglione di porta Pia si sfa ¬≠rin√≤. Tappato in casa, mastro Titta ripensava ai bei tempi. Come dimenticare quella passeggiata in carrozza di gala lungo il Corso, durante il carnevale del ’60, quando il Cardinal Antonelli usava proprio mastro Titta come spauracchio? Il carnefice non se l’era mai goduta tanto su quei cuscini di raso. Adesso arrivava un re che parlava in piemontese. Non ci sarebbe sta ¬≠to pi√Ļ posto per lui.

Una sessantina di morti, un paio di centinaia di feriti. Il bilancio della presa di Roma non risulta pi√Ļ sanguinoso di un qualsiasi week-end nell’Ita ¬≠lia di cent’anni dopo, pronta ad immolarsi sulle autostrade. Il papa si chiude in camera e compone una sciarada. La citt√† trema di paura. Ci si af ¬≠fanna a trovare bandiere bian ¬≠che e a sventolar lenzuoli. I seminaristi corrono nelle piaz ¬≠ze a gambe levate, tirandosi su la sottana. Bixio, che aveva piazzato i suoi cannoni a porta San Pancrazio, nonostante gli ordini ricevuti, comincia a bom ¬≠bardare a casaccio, con il pe ¬≠ricolo di colpire la basilica di San Pietro. Lo si ferma in tem ¬≠po. Il Quirinale √® chiuso a tri ¬≠pla mandata. Per penetrarvi, occorre chiamare un fabbro. Pio nono, saputolo, dir√† che il re d’Italia aveva imparato a far lo ¬ę scassinatore ¬Ľ. Le ca ¬≠pre, che pascolavano tra i ru ¬≠deri del Colosseo, perdono il latte dallo spavento. Qualche giorno dopo i soldati italiani dividono il loro rancio, sugli scalini dei conventi, con certi poveri fratacci che, in mezzo a quel trambusto, non trovano neppur pi√Ļ un cantuccio di pan secco.

La lunga storia per Roma Capitale sfuma in toni sorri ¬≠denti. Eppure per percorrere quei cento metri fra le mace ¬≠rie di Porta Pia √Ę‚ÄĒ cento me ¬≠tri a passo di corsa, come nel famoso quadro di Cammarano √Ę‚ÄĒ l’Italia dovette cammi ¬≠nare per decenni con logoranti, pazientissimi passi da lumaca. L’itinerario attraverso quegli anni difficili ed esaltanti ci viene riproposto proprio in que ¬≠sti giorni da un libro di Italo de Feo ¬ę Roma 1870 ¬Ľ (Ed. Mursia) nel quale viene trac ¬≠ciata con fedelt√† devota la mappa delle manovre politiche, diplomatiche e militari per la conquista della citt√† eterna, iniziando dalla morte di Ca ¬≠vour e finendo con l’ingresso dei bersaglieri nel varco del muraglione sbriciolato dalle nostre cannonate. Un libro che si associa all’accurata bio ¬≠grafia di Cavour, edita da Mondadori, e porta avanti la storia dell’Italia unita dalla morte del tessitore alla con ¬≠quista della Capitale.

Rive strette

L’Italia arriv√≤ a Roma stre ¬≠mata. Anche se le circostanze ci aiutarono, quei pochi colpi di bombarda, quelle schioppet ¬≠tate, quella carica dei bersa ¬≠glieri con la fanfara in testa, ci costarono un travaglio lun ¬≠ghissimo che forse oggi si √® portati a sottovalutare, visto che la conquista del regno pa ¬≠pale avvenne in men che non si dica. Una generazione di uomini politici si logor√≤ nel tentativo di giungere ad una soluzione della questione ro ¬≠mana. Avevamo dovuto affron ¬≠tare mille insidie, dal sanfe ¬≠dismo al brigantaggio, far ta ¬≠cere passioni di parte, supera ¬≠re la durezza del ¬ę Sillabo ¬Ľ, dimenticare Custoza e Lissa, digerire il primo scandalo, quello delle strade ferrate me ¬≠ridionali, organizzare due ca ¬≠pitali provvisorie, superando scontenti e ribellioni, tener a freno duramente le ansie di Garibaldi. Il Generale girava perla Penisolainaugurando ti ¬≠ri a segno. Era chiaro contro chi voleva far fuoco. Era un buon tiratore? Al poligono mi ¬≠lanese della Cagnola √® custo ¬≠dito un bersaglio trapassato da una pallottola dell’eroe dei due mondi. Il colpo per√≤ √® sull’or ¬≠lo estremo dell’ultimo cerchio, non certo una fucilata da pri ¬≠mo premio.

Chi passa oggi per la sta ¬≠zione di Pigline e ricorda che proprio l√¨ Garibaldi venne tratto in arresto dopo la sfor ¬≠tunata impresa di Mentana? Chi ricorda il povero tenente colonnello Camozzi, che sal√¨ sul treno del Generale e gli comunic√≤ con voce tremante e spezzata, d’essere costretto ad eseguire un ordine? Gari ¬≠baldi si inferoc√¨. Disse d’essere deputato al parlamento e do ¬≠potutto anche cittadino ame ¬≠ricano. Ma il colonnello Ca ¬≠mozzi, sia pur balbettando, tenne duro. Il generale non si voleva muovere. Allora quattro carabinieri si avvicinarono e, delicatamente, lo sollevarono di peso, trasportandolo con ogni precauzione fino ad una carrozza. La storia d’Italia √® fatta anche di questi piccoli episodi tristi e gentili.

Roma Capitale sta per dop ¬≠piare la boa del secolo (e non a caso de Feo ha scelto la ri ¬≠correnza centenaria per la sua appassionata rievocazione). Gli eroi del risorgimento hanno un busto al Pincio, strade e piaz ¬≠ze dedicate al loro nome, ci ¬≠meli sparsi qua e l√† nei musei che ben pochi visitano. Da tempo se ne continua a par ¬≠lare come se fossero personaggi di cera, sotto sotto lievemente noiosi, uomini buoni per i libri di scuola. Ma non √® forse un caso che proprio oggi, a cen ¬≠t’anni di distanza dalla brec ¬≠cia di porta Pia, anche l’ita ¬≠liano della strada si sia accorto che le rive del Tevere, anzi ¬≠ch√© diventare pi√Ļ larghe, han ¬≠no la tendenza a restringersi? Che ne direbbero i bisnonni garibaldini, il ¬ę barone di fer ¬≠ro ¬Ľ, Ubaldino Peruzzi e tutti gli altri?


Letto 1213 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart