Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: Nuova luce sulla strage di San Bartolomeo

22 Febbraio 2011

di Roberto Gervaso

La riforma luterana trionf√≤ in Germania e in Scandi ¬≠navia. Quella calvinista attec ¬≠ch√¨ in Svizzera, in Inghilter ¬≠ra, in Olanda, e gett√≤ semi fecondi sul suolo francese. Qui, i suoi seguaci, chiamati Ugonotti, dapprincipio non ebbero vita facile, anche se l’ebbero pi√Ļ facile che negli altri paesi cattolici. Poi entra ¬≠rono nel sistema, occupando ¬≠vi posti chiave. Il clero gli di ¬≠chiar√≤ guerra, ma non riusc√¨ a estirparli. Enrico II ne con ¬≠segn√≤ parecchi al boia. Il fi ¬≠glio e successore Francesco II non camp√≤ abbastanza per fare altrettanto. La moglie Caterina de’ Medici li stru ¬≠mentalizz√≤ contrapponendoli agli ultracattolici Guisa. Il secondogenito Carlo IX li pro ¬≠tesse apertamente.

Malaticcio, pavido, tenten ¬≠none, infingardo, per quasi tutto il suo regno, Carlo si sent√¨ pi√Ļ ugonotto che catto ¬≠lico sebbene, in realt√†, fosse un agnostico o, forse, nemme ¬≠no questo. Si circond√≤ di con ¬≠siglieri calvinisti, si scelse co ¬≠me Mentore il capo indiscusso degli ugonotti, ammiraglio Co ¬≠ligny, si prese per amante Ma ¬≠ria Touchet, anche lei ugo ¬≠notta. Sotto di lui i protestan ¬≠ti acquistarono influenza e prestigio, ottennero, a corte e fuori, alti gradi e importanti cariche. Il loro potere comin ¬≠ci√≤ a scemare quando i Gui ¬≠sa da una parte, Caterina dal ¬≠l’altra, temendo di perdere il proprio, si coalizzarono per scalzarli dalle posizioni su cui tanto faticosamente s’erano attestati.

Fu lo stesso Coligny a offri ¬≠re il fianco a quest’offensiva proponendo al re, che lo chia ¬≠mava mon p√©re, un’alleanza col protestante Guglielmo d’Orange contro Filippo II re di Spagna. Carlo, completamen ¬≠to succubo dell’ammiraglio, ac ¬≠cett√≤ di scendere in armi con ¬≠tro il cognato. La madre al ¬≠lora l’accus√≤ (mai accusa fu pi√Ļ fondata) d’essere lo zim ¬≠bello dell’ammiraglio. Il pove ¬≠ro sovrano, nelle cui vene fer ¬≠mentava il sangue marcio del ¬≠l’avo Francesco, si difese ma ¬≠le, tent√≤ di scagionarsi ma, al ¬≠la fine, chiese perdono e giu ¬≠r√≤ a Caterina che non avreb ¬≠be mai fatto lega coi prote ¬≠stanti. Dalle sue labbra non usc√¨ una sola parola contro Coligny.

Il voltafaccia del re fu un duro colpo per gli ugonotti. L’ammiraglio, che non se l’a ¬≠spettava, cominci√≤ a impen ¬≠sierirsi. Il matrimonio del ¬≠l’ugonotto Enrico di Navarra con Margherita di Valois, sorella di Carlo, sembr√≤, l√¨ per l√¨, risollevare le sorti del ¬≠la causa protestante. Ma non fu che un’illusione. Il paterac ¬≠chio, dettato pi√Ļ da ragion di Stato che di cuore, fu preso come un’offesa dai parigini, che vedevano in Enrico il campione dell’eresia, e come una sfida dai soliti Guisa, che perdevano cos√¨ ogni speranza di cingere la corona di Fran ¬≠cia che i Valois, con un piede ormai nella fossa, s’accingeva ¬≠no a deporre. La stessa Cate ¬≠rina, che di quelle nozze era stata l’artefice e la regista, si sgoment√≤. Una volta sul tro ¬≠no, Enrico, per il quale Parigi non valeva ancora una messa, avrebbe fatto della Francia un paese protestante.

Ma tornare indietro era im ¬≠possibile. Possibile era invece limitare i danni di quell’im ¬≠provvida unione dichiarando apertamente guerra agli ugo ¬≠notti. La prima vittima, col ¬≠pita all’insaputa del re, fu il Coligny. Il 22 agosto 1572, l’ammiraglio fu fatto segno a due archibugiate, che gli stac ¬≠carono di netto un dito della mano sinistra e gli spappola ¬≠rono il braccio fino al gomito. Informato dell’attentato, Car ¬≠lo mand√≤ subito all’amico il suo medico personale, poi, con la madre, che di quel com ¬≠plotto era l’anima, and√≤ a fargli visita. Il giorno dopo, il Consiglio della corona si riu ¬≠n√¨ per far luce sul ferimento: i colpi erano partiti dalla fine ¬≠stra d’un palazzo appartenen ¬≠te ai Guisa. Improvvisamente si sparse la voce che gli ugo ¬≠notti, assetati di vendetta, sta ¬≠vano meditando una rivolta in grande stile. Non era vero, o era vero solo in parte. I cor ¬≠religionari dell’ammiraglio avevano minacciato di farsi giustizia da s√© qualora il re non avesse punito gli atten ¬≠tatori, ma non si sognavano di rovesciare la monarchia. Fu la perfida e astuta Caterina ad attribuire loro questo dise ¬≠gno. La manovra riusc√¨. Il re casc√≤ nella trappola e quando la madre gli disse che trenta ¬≠mila protestanti stavano per spodestarlo e imprigionarlo, sebbene a malincuore, ader√¨ alla sua richiesta d’uccidere Coligny: ¬ę Avete deciso d’am ¬≠mazzare l’ammiraglio. Sta bene, ma allora dovete ammaz ¬≠zare tutti gli ugonotti di Fran ¬≠cia affinch√© nessuno possa rimproverarmi quest’assassi ¬≠nio ¬Ľ.

Fu il segnale e l’avallo d’uno dei pi√Ļ spaventosi macelli di tutti i tempi. Lo storico Hen ¬≠ry Nogu√®res l’ha splendida ¬≠mente rievocato in un libro (La notte di San Bartolomeo: 24 agosto 1572, Sugar, pp. 237, L. 2000), che raccomandiamo per la vivacit√† dello stile, la felice ricostruzione dei fatti e degli antefatti, la rigorosa do ¬≠cumentazione. Nelle ultime pagine l’autore tenta un ¬ę im ¬≠possibile ¬Ľ bilancio dei morti. Quanti furono? Chi dice seimilacentottantotto, chi quindicimilacentotrentotto, chi ad ¬≠dirittura centomila. ¬ę La stes ¬≠sa diversit√† di queste cifre √Ę‚ÄĒ nota Nogu√®res √Ę‚ÄĒ dispensa dall’avanzarne una… ed √® lecito chiedersi in verit√† su che cosa si fondino certi storici quando, dopo aver confron ¬≠tato queste valutazioni con ¬≠traddittorie, concludono sug ¬≠gerendone a loro volta una e definendola ‘ ragionevole ‘ o ‘ verosimile ‘ ¬Ľ.

Davanti al tribunale della storia poco conta il numero delle vittime di quell’orrendo bagno di sangue. Fu la sua premeditata efferatezza, il suo falso e odioso alibi religioso, che tent√≤ di gabellare per cro ¬≠ciata un vero e proprio geno ¬≠cidio, a bollare d’infamia gli ultimi Valois. Caterina, che invoc√≤ il massacro, non fu meno colpevole di Carlo, che lo legittim√≤; i Guisa, che lo guidarono, non ripugnano me ¬≠no dell’ambasciatore spagnolo che, avuta notizia della stra ¬≠ge, esclam√≤ ¬ę Dio sia lodato ¬Ľ o del Papa che fece suonare a festa le campane dell’Urbe.

La notte di San Bartolo ¬≠meo non fu solo una mostruo ¬≠sit√†. Fu un madornale errore politico. Da quell’ecatombe in ¬≠fatti gli ugonotti uscirono de ¬≠cimati ma pi√Ļ forti di prima.


Letto 2297 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart