Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Il veronicismo di Scalfari

1 Settembre 2013

L’altro giorno scrivevo di Veronica Lario e di quanta responsabilit√† la ex moglie di Silvio Berlusconi abbia avuto nei guai che si sono moltiplicati sulle spalle del leader dei moderati.
Uno dei punti pi√Ļ orribili delle sue varie dichiarazioni, tutte negative sull’ex marito, fu quello in cui insinu√≤ che Berlusconi fosse malato psichicamente. Una caduta di stile dell’ex First Lady, che ne misura, a mio modo di vedere, la personalit√† vanitosa e cinica.

Oggi possiamo verificare che gli effetti di quella insinuazione persistono e sono utilizzati da coloro che hanno fatto della denigrazione di Berlusconi il loro scopo di vita.
Scrive Eugenio Scalfari stamani, riferendosi a Berlusconi:

‚ÄúLa volatilit√† mentale √® a volte un dono di natura, altre volte √® una sciagura. Quando pu√≤ influire sui destini di un Paese pu√≤ arrecare gravi danni e questo √® il caso. Resta da capire se nel caso specifico si tratti d’un elemento caratteriale o d’un sopravvenuto disturbo mentale. L’unico rimedio √® di non dargli alcuna importanza.‚ÄĚ

Come il lettore pu√≤ vedere, il cattivo gusto viene sparso a spanne quando si tratta di un nemico. Sottolineo: nemico, e non un avversario politico. Nella frase incontrollata di Scalfari c’√® solo odio, e viene da domandarsi se nel momento in cui la scriveva non fosse lui in preda ad una qualche turbativa psichica. Frasi come queste non si scrivono, soprattutto se ci si crede dei grandi giornalisti.

Ma dubito che Eugenio Scalfari lo sia. Gi√† qualche anno fa scrissi un articolo sulla base dell’autorevole testimonianza (che poi fu confermata nello spazio dei commenti) di Pier Franco Quaglieni, direttore generale del Centro Pannunzio, secondo il quale Mario Pannunzio vicino a morire confid√≤ che non avrebbe gradito ai suoi funerali il collega Scalfari, tanta era la disistima che nutriva nei confronti del fondatore di Repubblica, uno dei giornali le cui notizie, prima di essere riprese da altri, devono essere sottoposte ad un rigoroso controllo, tanto sono partigiane e spregiudicate. L’articolo √® qui e questa √® la conferma di Quaglieni:

‚ÄúComment by Pier Franco Quaglieni √Ę‚ÄĒ 13 dicembre 2009 @ 17:46 |Modifica

S√¨ sono proprio io che ho parlato del rapporto, o meglio del non rapporto Pannunzio / Scalfari. L’episodio di aver vietato in punto di morte che Scalfari venisse ai suoi funerali, dicendo ad un amico di provvedere in merito, non solo √® raccontato nel mio libro ‚ÄúLiberali puri e duri √Ę‚ā¨‚Äú Pannunzio e la sua eredit√†‚ÄĚ, ma √® ammesso dallo stesso Scalfari nel suo libro ‚ÄúLa sera andavamo in via Veneto‚ÄĚ.‚ÄĚ

Un altro esempio di spregiudicatezza e di cattiva educazione, lo troverete qui.

Ma il veronicismo che trasuda da questa infelice e dissennata frase non √® d’accatto, bens√¨ la piaga purulenta di una mente che si credette scaltra, peccando di vanit√† e di presunzione.

Ho sempre nutrito dubbi che Veronica Lario si muovesse di sua libera volont√†. L’antiberlusconismo e lo stesso odio di cui pativa il marito apparivano talmente in consonanza con lo spsirito delle sue dichiarazioni (datate tra il 2007 e il 2009) che ho sempre pensato ad una eminenza grigia che la guidasse in un’operazione da cui tanto la donna quanto il suo mentore traevano un guadagno, economico l’una in vista del divorzio, politico e devastante l’altro.
Si aggiunga che Repubblica fu la prima, nel 2007, a ricevere lo sfogo di bassa lega dalla Lario.

Perché ricostruisco questa orribile storia?
Perch√© l’articolo di oggi di Scalfari rappresenterebbe per me la risposta a quei dubbi. E chi sa che non fosse proprio lui a dirigere o codirigere l’operazione dalle fosche tinte antiberlusconiane.

La serpe della insinuazione su di una malattia di carattere psichico, la peggiore che si possa attribuire ad un politico per devastarlo, non √® morta, ma cova nell’animo di taluni, e tra questi √® Scalfari, come si √® visto oggi.
Ha lasciato, per scarsit√† di autocontrollo (facile a cedere dopo tanti anni dalla macchinazione) una traccia significativa tale che ci potrebbe guidare all’eminenza grigia che assist√© dietro le quinte l’operazione Veronica.

Ad una cassazione guidata da Esposito, se vi si fosse configurato un reato (e non c’√®), il collegamento sarebbe stato pi√Ļ che sufficiente per emettere una condanna definitiva sulla base del solo “non poteva non sapere”. Ma siccome nessuno di noi vuole somigliare a Esposito e imitare la sua allegra interpretazione del diritto e di che cosa debba essere una prova, non ci sono prove al di l√† di ogni ragionevole dubbio in forza delle quali si possa accusare Scalfari di aver guidato la mano di Veronica. Tempo fa, al massimo lo si sarebbe potuto assolvere per insufficienza di prove. Essendo questo tipo di assoluzione scomparso dal codice, si deve riconoscere a Scalfari ci√≤ che la legge prescrive, in assenza di prove: l’innocenza.

Ciò che Esposito si è ben guardato dal fare nei confronti di Berlusconi.


Letto 2212 volte.
ÔĽŅ

6 Comments

  1. Commento by zarina — 1 Settembre 2013 @ 19:39

    E’ ¬† scientificamente provato che l’odio √® come un tarlo, a lungo andare produce effetti devastanti sulla psiche di chi ne √® affetto. ¬†
    A berlusconi   si potrà imputare tutto,   tranne di provare odio per chicchessia.
    Di conseguenza   il cerino a chi rimane in mano?
     

  2. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 1 Settembre 2013 @ 19:47

    Chi sa cosa pensa il califfo Scalfari della posizione di Luciano Violante…

  3. Commento by zarina — 1 Settembre 2013 @ 20:36

    Non riesco ancora ad interpretare la posizione di   violante e per   quanto riguarda il pensiero del califfo,   faccio riferimento al cerino di cui sopra.

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 2 Settembre 2013 @ 15:34

    Luciano Violante vuole salire al Colle, come successore di Napolitano, e sta guadagnando qualche punto.

    Oggi sul Giornale due articoli importanti: di Giancarlo Perna su Enrico Letta, e Paolo Guzzanti sulla dignità del parlamento.

    Alle 18 li metterò sulla mini rassegna stampa.

  5. Commento by zarina — 2 Settembre 2013 @ 17:28

    Il sospetto su mire collinari ¬† sfruttando la situazione del cav. e assicurarsi il consenso ¬† del ¬† cdx, ¬† l’avevo avuto. Spero non sia cos√¨ . Hanno ¬† occupato tutto l’occupabile, in soccorso ¬† alla ridotta schiera senatoriale hanno appena aggiunto ¬† pure i 4 cavalieri dell’apocalisse, ora basta. ¬† Ma non si vergognano neppure un po?
    Comunque potrebbe non essere ¬† una strategia pesonale, ma pi√Ļ ¬† verosimilmente ¬† ( ammetto, sar√≤ diventata sospettosa e maliziosa) ¬† ¬† del partito e che ¬† sia tutta una sceneggiata ¬† finalizzata ¬† proprio a non mollare la pesante ¬† poltrona ¬† per il ¬† dopo nap. Quindi si sta costruendo intorno alla figura in questione un’aurea di ¬† “neutralit√†” ¬† da far valere al momento oppotuno.
    Il tempo svelerà gli altarini sinistri, ma pure destri.
     
     

  6. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 3 Settembre 2013 @ 12:43

    Può essere che sia una pantomima del Pd.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart